A un anno di distanza, la guerra della Russia contro l’Ucraina potrebbe andare in tre direzioni diverse

Authors Florent Parmentier, Cyrille Bret
0
278

Il fronte può essere congelato, ma la battaglia continua in Ucraina. A Bakhmut, una città che Mosca considera fondamentale per ottenere il controllo dell’intera area orientale del Donbas, le ultime settimane hanno visto le scorte militari ridursi rapidamente e centinaia di truppe uccise e ferite al giorno, secondo gli analisti statunitensi.

Tutto, finora, per una situazione di stallo.

Questa è l’Ucraina, a quasi un anno dall’invasione russa del 24 febbraio 2022. Molti esperti “osservatori della Russia” non hanno previsto il conflitto, ritenendo che Vladimir Putin stesse semplicemente parcheggiando le sue truppe al confine con l’Ucraina per scoraggiare l’espansione dell’UE e della NATO nella sua sfera di influenza, in uno spettacolo di “diplomazia del metallo pesante”. Dato che non siamo riusciti a prevedere la guerra, è possibile fare un lavoro migliore per valutare come potrebbe svilupparsi?

Finora il conflitto ha riservato molte “sorprese” militari, diplomatiche e strategiche. Da un lato, Mosca è stata colta di sorpresa dalla combattività delle forze ucraine e dal sostegno dell’UE e degli Stati Uniti a Kyiv. Dall’altro, le cancellerie occidentali hanno dovuto fare i conti con il blocco dei canali diplomatici alle Nazioni Unite e con il misurato sostegno alla Russia da parte di Cina, India e diversi Paesi africani. Nonostante una serie di sanzioni occidentali volte a trasformare la Russia in un paria internazionale, Mosca continua a combinarne gli effetti con disinvoltura. E l’entità dell’emigrazione ucraina verso l’Europa ha lasciato a bocca aperta molte capitali occidentali.

Secondo le nostre stime, il conflitto potrebbe risolversi in tre modi.

Scenario 1: la Russia subisce una grave battuta d’arresto

Nel nostro primo scenario, la Russia lancia una nuova offensiva su Kiev, oltre che nel Donbass e nella provincia di Kherson.

Questi attacchi, tuttavia, falliscono. La Russia perde molti uomini e gran parte delle quattro province annesse illegalmente nel settembre 2022. Si accorge di non aver raggiunto il suo obiettivo strategico iniziale, che mirava a un cambio di regime a Kiev. L’Ucraina riconquista le roccaforti russe e si dirige verso la Crimea.

Diversi fattori suggellano la sconfitta russa. Sul fronte interno, è diventato più difficile mobilitare gli uomini, con le persone idonee che fuggono in massa. Il comando ha faticato a formare efficacemente le nuove reclute e la base industriale e tecnologica della difesa (DTIB) mostra ora segni di esaurimento. Le sanzioni occidentali continuano a colpire, mentre si diffonde la crisi dei circoli dirigenti.

In Ucraina, il successo di questo scenario dipende da diversi fattori. Innanzitutto, il Paese ha resistito al logorio della guerra e gode di stabilità politica in vista delle elezioni parlamentari dell’autunno 2023. Gli aiuti militari europei e americani si riversano costantemente e l’esercito ucraino è riuscito a tenere contemporaneamente diversi fronti.

Nel dicembre 2022, il Capo di Stato Maggiore Valeri Zaloujny ha trasformato questo successo in numeri: 300 carri armati, 600-700 veicoli da combattimento per la fanteria e 500 obici.

Sulla scena internazionale, questo scenario presuppone che la Russia perda la posizione di forza conferitale nel 2022 dall’aumento dei prezzi dell’energia. Ciò imporrebbe ai suoi clienti di trovare fonti di approvvigionamento alternative.

Nel lungo periodo, questo scenario aprirebbe la strada al cessate il fuoco e infine a veri e propri negoziati di pace (che non sarebbero sinonimo di vittoria russa). Per l’Ucraina, con la vittoria non ci sono “negoziati”; tornerà ai suoi confini originali, i russi saranno perseguiti per crimini di guerra e pagheranno anche i danni.

Tuttavia, se la sconfitta russa è grave, il disordine politico interno potrebbe paralizzare la leadership e creare il caos a Mosca, privando il Paese della capacità di impegnarsi realmente nei negoziati. La Russia dovrebbe considerare la guerra definitivamente persa, pur mantenendo un’efficace catena di comando. Due questioni scoraggianti da affrontare sarebbero il destino della Crimea e l’adesione alla NATO. In sintesi, questo scenario si baserebbe sul successo delle controffensive ucraine dell’agosto-novembre 2022.

Scenario 2: La Russia ottiene successi tangibili

Lo scenario inverso vede una serie di vittorie militari per la Russia a partire dalla fine dell’inverno. Il Paese riconquista la maggior parte della provincia di Kherson, minaccia Kyiv direttamente dalla Bielorussia e marcia verso Odessa. Per un tale risultato devono essere soddisfatte diverse condizioni, la principale delle quali è l’esaurimento umano e materiale degli ucraini.

Da parte russa, il Cremlino azzecca diversi punti in cui fino a poco tempo fa aveva fallito. Le truppe mobilitate nell’autunno 2022 sono efficacemente addestrate e schierate tatticamente. Le catene di rifornimento tengono sui tre fronti principali (nord, est e sud). Imparando dalla controffensiva ucraina, l’esercito russo ha posizionato i suoi centri logistici al di fuori della portata dell’HIMARS, il missile di fabbricazione statunitense.

Tali successi vedrebbero una chiara vittoria russa in Ucraina, con annessioni illegali consolidate nell’est del Paese e un governo filo-russo. All’Ucraina mancherebbe l’unità necessaria per ricostruire il Paese.

Per l’Ucraina, questo scenario peggiore potrebbe concretizzarsi se si verificassero diversi sviluppi. Innanzitutto, le forze armate sarebbero gravemente logorate e avrebbero problemi di approvvigionamento di armi. Si assisterebbe anche a una presidenza Zelensky più debole, forse sotto la pressione di uno scandalo di malversazione, del “partito della pace” o, al contrario, dei nazionalisti che chiedono un potere più forte. Il governo potrebbe non riuscire a mantenere il sostegno occidentale o stancarsi delle opinioni occidentali.

A livello internazionale, questo scenario presuppone la continuazione delle esportazioni energetiche russe verso l’Asia e una strategia di prezzi da parte delle potenze del gas. Mosca sfrutterebbe al massimo le sue reti diplomatiche, godendo di un forte sostegno da parte della Cina di fronte all’influenza americana. Nel frattempo, l’influenza dei governi filo-ucraini in Polonia e nei Paesi del Nord Europa nell’Unione Europea sarebbe in declino. Affinché la tempesta sia perfetta, uno sviluppo internazionale come una crisi a Taiwan assorbirebbe l’attenzione degli Stati Uniti.

Scenario 3: Guerra prolungata

Un terzo esito di questo conflitto potrebbe vedere l’incapacità di entrambi i protagonisti di avere la meglio sull’altro per un periodo di diversi anni.

Ciò si manifesta con una stabilizzazione delle linee principali del fronte, mentre le battaglie continuano a scoppiare su località di secondaria importanza (nodi stradali, chiuse fluviali, ponti). Ad esempio, Mosca potrebbe riprendere l’offensiva verso Kiev con un successo limitato e concentrare i propri sforzi sul consolidamento del Donbass.

D’altra parte, l’Ucraina potrebbe cercare di spingere il suo vantaggio da Kherson verso sud per minacciare la Crimea. Questo scenario non esclude combattimenti intensi e successi limitati da entrambe le parti. Questi non cambierebbero l’equilibrio generale del conflitto.

Diversi fattori potrebbero combinarsi per portare a questa situazione. Gli aiuti militari occidentali potrebbero raggiungere un “plateau” a causa dello stato delle scorte e della natura delle armi. La combattività ucraina potrebbe rimanere senza produrre gli effetti spettacolari della fine dell’estate 2022 a causa di una “curva di apprendimento” da parte russa, in particolare nell’articolazione tra i diversi eserciti.

Da parte russa, questo violento status quo potrebbe verificarsi a causa dei limiti strutturali del suo strumento militare: rigidità tattica, logistica carente, fronti e catene di approvvigionamento allungati, limiti delle risorse umane, cultura della menzogna nelle amministrazioni pubbliche, ecc.

Fattori esogeni potrebbero portare alla decadenza militare e diplomatica. Nessuna delle due parti è in grado di convincere la propria popolazione e i propri alleati ad accettare un negoziato sulla base dell’attuale rapporto di forza militare. Per la Russia, non c’è stato un chiaro successo; per Kiev, l’integrità territoriale deve ancora essere ripristinata. L’avvio di negoziati sarebbe un’ammissione di fallimento per Vladimir Putin e lo metterebbe a rischio. Per Volodymyr Zelensky, accettare i negoziati sarebbe una rinuncia che gli farebbe perdere l’ampio sostegno di cui gode attualmente sia all’interno che all’esterno.

In questa opzione, l’Ucraina diventerebbe nel 2023 un nuovo conflitto irrisolto nello spazio post-sovietico.

 

 

 

Questo articolo è stato pubblicato su The Conversation
Traduzione per Livepress.it – Beatrice Privitera