“Abbiamo bisogno di alberi”: la visione verde fatica ad attecchire nelle città europee

Author: Jon Henley Europe correspondent
0
54

I pianificatori vogliono piantare alberi per affrontare la crisi climatica, ma spesso si trovano di fronte a un ambiente urbano ostile

Da Madrid a Berlino, da Parigi a Budapest, scienziati e progettisti concordano sul fatto che alberi, alberi e ancora alberi possono contribuire a rendere le città europee più confortevoli – persino sopravvissibili – nei prossimi anni, mentre il riscaldamento globale rafforza la sua presa. Ma i marciapiedi di cemento, i grattacieli, le piazze storiche e i parcheggi sotterranei sono un ambiente ostile per gli alberi e le autorità hanno difficoltà a piantarne di più. In effetti, molte città dell’UE sono meno verdi di un secolo fa.

“È una sfida enorme”, ha dichiarato Christophe Najdovski, vice sindaco per la rivegetazione e gli spazi verdi del Comune di Parigi. “Sappiamo che con un numero sufficiente di alberi si può abbassare la temperatura estiva della città fino a 8°C. In pratica sono un’aria condizionata naturale. Ma piantarli non è sempre facile”.

L’ultimo rapporto del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico non potrebbe essere più chiaro: gli alberi nelle città combattono il cambiamento climatico sia direttamente, immagazzinando carbonio, sia indirettamente, raffreddando le aree urbane e riducendo la domanda di energia.

Inoltre, offrono agli abitanti delle città quelli che il rapporto definisce “molteplici co-benefici”: miglioramento della qualità dell’aria, riduzione dello stress da calore, riduzione delle “isole di calore urbane” causate da strade ed edifici che assorbono e trattengono il calore, “miglioramento della salute mentale e fisica”.

Per i municipi, insomma, piantare più alberi non dovrebbe essere un problema. Ma secondo l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, il numero di alberi in molte città europee è in calo dall’inizio degli anni ’90, con alcune grandi conurbazioni che hanno perso fino al 10% della loro copertura.

In parte, secondo gli esperti, ciò è dovuto al fatto che gli alberi più vecchi, risalenti alla fine del XIX e all’inizio del XX secolo – quelli che sono sopravvissuti agli sforzi delle generazioni successive di urbanisti per creare più spazio per le automobili – stanno iniziando a raggiungere la fine della loro vita.

Ma è anche a causa delle difficoltà tecniche e dei costi di impianto di nuovi alberi. Secondo Ana Luisa Soares, architetto paesaggista dell’Università di Lisbona, un nuovo albero può costare all’amministrazione comunale fino a 2.000 euro (1.740 sterline) in cinque anni.

“È necessario acquistare l’albero”, ha detto Soares. “Bisogna piantarlo, innaffiarlo, soprattutto nei primi cinque anni, quando è più vulnerabile. La vita di un albero in città è difficile: il terreno è compattato, l’aria è inquinata… Bisogna fare manutenzione, potare, curare le malattie. Quando si parla di decine di migliaia di alberi, si tratta di un investimento enorme”.

I vantaggi, per gli abitanti delle città, sembrano chiari. “Abbiamo bisogno di alberi”, ha detto. “Sono importanti per tutti noi, residenti e visitatori. Ci regalano più ombra, una migliore qualità dell’aria, temperature più basse, bellezza naturale: in sostanza, più alberi significano persone più felici. Lo sappiamo. E in futuro saranno ancora più vitali”.

Ma mentre i costi sono facilmente quantificabili, i benefici lo sono meno. Peggio ancora, ha detto Soares, i benefici ambientali, sociali, economici, estetici e sanitari che gli alberi offrono “sono spesso semplicemente ignorati, perché le città si limitano a gestire i costi”.

Per cercare di dare un valore monetario ai benefici degli alberi, Soares ha adattato un software statunitense, iTrees, e gli ha fornito i dati dei circa 41.000 alberi di Lisbona. Ha scoperto che mentre gli alberi costano circa 1,9 milioni di dollari all’anno, i servizi che forniscono valgono 8,4 milioni di dollari.

“Per ogni dollaro che una città investe nei suoi alberi, i residenti ottengono circa 4,5 dollari di benefici”, ha dichiarato l’autrice: risparmio energetico di circa 6,20 dollari per albero, riduzione delle emissioni di carbonio pari a 0,33 dollari, eliminazione dell’inquinamento atmosferico pari a 5,40 dollari e riduzione del deflusso delle acque meteoriche pari a 47,80 dollari. È stato inoltre riscontrato che gli alberi aumentano significativamente il valore delle proprietà.

L’anno scorso la Commissione europea ha proposto una bozza di regolamento che richiede ai 27 Stati membri del blocco di garantire che almeno il 10% della superficie di tutte le città, paesi e sobborghi sia piantato con alberi entro il 2050 e di impegnarsi a non perdere spazio verde.

Ma i costi non sono l’unico ostacolo che gli urbanisti devono affrontare. Spesso, ha detto Najdovski del municipio di Parigi, controllato dai socialisti e dai verdi, che negli ultimi due anni ha avviato uno dei programmi di piantumazione di alberi più ambiziosi d’Europa, le città non possono semplicemente piantare alberi dove vorrebbero.

“Il problema principale è rappresentato dalle infrastrutture sotterranee. La metropolitana, i tubi del gas, i cavi elettrici e telefonici, i parcheggi… È necessaria una certa profondità di terreno sotto un albero. Ci piacerebbe piantare lungo tutta la rue de Rivoli, che attraversa il centro della città da est a ovest, ma purtroppo la metropolitana è proprio sotto di noi”.

 

Altrove, garantire l’accesso ai veicoli di emergenza lungo le strade strette può rivelarsi un ostacolo, così come le leggi sul patrimonio culturale impediscono di piantare alberi su o vicino a edifici, strade e piazze che non sono stati progettati per loro. La maggior parte delle grandi piazze delle città europee sono state concepite come spazi aperti, con viste imponenti.

“È il caso di Parigi, ad esempio, con Place de la Concorde o l’Avenue de l’Opéra”, ha detto Najdovski. “Gli architetti della città sostengono che dovrebbero rimanere come sono stati progettati, senza alberi, e che la vista dell’Opéra Garnier non può essere oscurata o rovinata. Stiamo cercando un compromesso, ma non è semplice”.

Su altre grandi arterie come l’Avenue de Wagram, invece, Parigi è impegnata a ripiantare gli alberi che sono stati sradicati a decine di migliaia nel corso del XX secolo, quando la città ha trasformato i grandi boulevard, fiancheggiati su entrambi i lati da doppie file di alberi, in viali a quattro corsie con parcheggi a bordo strada.

“In sostanza”, ha detto Najdovski, “ci proponiamo di ridurre in modo significativo lo spazio riservato alle auto a Parigi e di utilizzarne la maggior parte possibile per piantare alberi: un massiccio programma di rivegetazione, la riconquista della natura sull’automobile. L’obiettivo è piantare alberi in gran numero e ovunque sia possibile”.

Dalla sua rielezione nel 2020, il Consiglio ha piantato 38.500 nuovi alberi nella capitale, di cui 18.000 sui terrapieni della circonvallazione péripherique, 12.000 nel Bois de Boulogne e de Vincennes e 8.000 nelle strade e piazze del centro città.

L’obiettivo è di piantarne altri 21.000 quest’inverno, di cui 11.000 intorno alla circonvallazione e 800 in altre 80 strade del centro. La città sta inoltre progettando tre “foreste urbane”, principalmente nella parte orientale della città, tra cui una su 3,5 ettari (8,65 acri) di ex scali ferroviari nel 20° arrondissement che ospiterà 2.000 nuovi alberi entro il 2024.

L’obiettivo finale, entro la fine del suo mandato di sei anni, è di 170.000 nuovi alberi, di cui 20.000 nelle strade del centro città. A Parigi domineranno soprattutto i platani tradizionali, ma verranno introdotte anche alcune specie mediterranee, come il leccio, più resistente alle temperature più calde.

Come è accaduto a Bruxelles, dove un piano decennale per le chiome mira a preservare gli alberi esistenti in città e a piantarne diverse centinaia all’anno fino al 2030, i piani del municipio di Parigi hanno suscitato proteste talvolta accese, soprattutto da parte delle organizzazioni degli automobilisti.

“Come ho detto, non è sempre facile e le obiezioni di automobilisti e residenti sono solo uno dei tanti problemi che dobbiamo affrontare”, ha detto Najdovski. Alcuni residenti mi dicono: “Guarda, non voglio alberi fuori dal mio appartamento – taglieranno la luce, e questo farà diminuire di migliaia il prezzo richiesto””, ha detto.

“Io dico loro: quando le estati a Parigi cominceranno a raggiungere regolarmente i 40 o 50 gradi, quanto pensate che varrà il vostro appartamento? Se la città diventa praticamente invivibile, chi ci rimette di più?”.