Alessandro Impagnatiello confessa l’omicidio della fidanzata Giulia Tramontano

0
109

Il cadavere della 29enne è stato rinvenuto in una cavità situata dietro un edificio. La ragazza aveva scoperto di essere stata tradita dal suo compagno.

“Sì, ho commesso l’omicidio di Giulia”. Alessandro Impagnatiello, il barista trentenne dell’Armani Bamboo in via Manzoni a Milano, partner della giovane Giulia Tramontano, incinta al settimo mese, scomparsa da Senago tra sabato e domenica, ha ammesso il suo coinvolgimento. Attualmente, Impagnatiello si trova in custodia nel carcere di San Vittore. Le indagini sono sotto la supervisione del pm Alessia Menegazzo e dell’aggiunto Letizia Mannella.

In compagnia della sua collega-amante di nazionalità statunitense, Impagnatiello avrebbe frequentemente diffamato la sua fidanzata. Dalla denuncia presentata dal trentenne scaturiscono una serie di discrepanze, come ad esempio l’indicazione di un luogo inesistente dove, a detta sua, si sarebbe diretta la fidanzata. Le telecamere di sorveglianza hanno ripreso Giulia in vita per l’ultima volta sabato verso le 19:00. Secondo gli inquirenti, nel commettere l’omicidio, Impagnatiello potrebbe aver ricevuto assistenza da un complice.

Il corpo della donna è stato scoperto intorno all’una di giovedì notte in via Monte Rosa a Senago. Impagnatiello è accusato di omicidio volontario aggravato, occultamento di cadavere e interruzione di gravidanza non consensuale. Si presume che l’abbia uccisa con delle coltellate a seguito di un litigio avvenuto in casa, e avrebbe cercato di bruciare il corpo, senza però riuscirci.

Determinante è stata la scoperta di numerose tracce di sangue nell’appartamento in cui la coppia viveva. I carabinieri avevano cercato la donna nelle vicinanze del campo da baseball di Senago e lungo il canale Villoresi.

Alle 21:18 di mercoledì, è stata effettuata la perquisizione scientifica dell’abitazione da parte dei carabinieri, nella via Novella 14/a di Senago. È stata la prima volta che sono stati eseguiti esami scientifici e medico-legali all’interno dell’appartamento.

I familiari di Giulia Tramontano, si sono recati questa mattina in via Monte Rosa a Senago per deporre dei fiori vicino al luogo in cui ieri sera è stato rinvenuto il corpo. Accanto a un peluche di Tigro e ai vari bouquet si legge su una dedica “Per sempre nei nostri cuori, mamma, papà, Chiara, Mario”. In alto a destra, compare la scritta “per Giulia e Thiago”, presumibilmente il nome del bambino che portava in grembo.