Alluvioni mortali in Germania e Belgio: sette domande

0
30

Secondo un ultimo rapporto provvisorio, redatto questa domenica 18 luglio, più di 175 persone sono morte nel violento maltempo che ha colpito parte dell’Europa centrale all’inizio di luglio. La Germania paga il prezzo più alto con più di 150 morti; seguito dal Belgio, dove si registrano decine di morti. La ricerca per trovare i dispersi è ancora in corso, suggerendo un bilancio più pesante.

Come può un disastro naturale mietere così tante vittime quando è stato previsto con tanta anticipazione?
Qual è il ruolo del cambiamento climatico in questa situazione? Come anticipare al meglio questo tipo di evento? Tante domande alle quali cercheremo di fornire risposte.

1. Come spiegare queste inondazioni improvvise in Germania, Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi?

Si spiegano con le piogge molto abbondanti che si sono verificate il 13 e il 14 luglio in queste regioni. Ad esempio, il 14 luglio il Deutsche Wetterdienst ( DWD , il servizio meteorologico tedesco) ha registrato a Colonia 154 mm di pioggia, che corrispondono a 154 litri d’acqua caduti per metro quadrato! Un vero e proprio diluvio che, a causa della sua elevata intensità, non può infiltrarsi, alimentando direttamente i fiumi per deflusso.

A peggiorare le cose, questa pioggia ha seguito una giornata particolarmente piovosa del 13 luglio, con terreni già inumiditi dalle piogge degli ultimi giorni.

Quanto alla situazione meteorologica che ha permesso tali piogge, è relativamente classica per l’Europa centrale, anche se la sua durata è eccezionale.

È una sacca isolata di aria fredda – i meteorologi la chiamano “goccia fredda” – che ha la naturale tendenza a incombere su una vasta area. Questo blocco favorisce accumuli di pioggia molto importanti in uno spazio limitato. Intorno alla depressione fredda, l’aria calda (con un alto contenuto di vapore acqueo) condensa e provoca notevoli cascate.

Quasi 130 morti e molti dispersi in alluvioni devastanti in Germania e Belgio (Francia 24, 17 luglio 2021).

2. Come spiegare tali inondazioni in estate?

Per un francese, ciò che colpisce di queste alluvioni – al di là del pesante bilancio umano – è soprattutto la stagione: infatti noi associamo piuttosto le inondazioni all’inverno (ricordiamo che la grande alluvione del 1910 nel nord della Francia avvenne a gennaio) , possibilmente in autunno nell’area mediterranea.

Ma prima di esclamare che non ci sono più stagioni, dobbiamo accettare di guardare oltre i nostri confini per vedere che le grandi alluvioni dell’Europa centrale si verificano generalmente in estate: possiamo citare recentemente la grande alluvione dell’Elba nel giugno 2013, le grandi alluvioni del il Danubio nel giugno 1965 e nel giugno 2013, la grande piena dell’Oder nel luglio 1997. Nella valle del fiume Ahr, particolarmente colpita dalle piene degli ultimi giorni, le principali piene di riferimento risalgono al luglio 1804, giugno 1910 e giugno 2016.

L’idrologo francese Maurice Pardé aveva creato una classe speciale per questi eventi – “Inondazioni di tipo centroeuropeo” – che aveva già spiegato con un fenomeno di “goccia fredda” simile a quello osservato nei giorni scorsi.

3. Il cambiamento climatico ha un ruolo in questa situazione?

Il fenomeno verificatosi nei giorni scorsi può dirsi “classico”, sia dal punto di vista meteorologico che idrologico. A prima vista, non è necessario invocare il ruolo del cambiamento climatico per spiegarlo.

D’altra parte, ciò che può e deve attirare la nostra attenzione è che le intensità di pioggia registrate (e gli accumuli) sono propriamente “straordinarie”.

Questa evoluzione corrisponde a quanto prevedono i meteorologi come conseguenza dell’aumento delle temperature, in virtù della legge di Clausius Clapeyron che mette in relazione la quantità massima di vapore acqueo che l’atmosfera può contenere e la temperatura di quest’ultima; e che lascia prevedere un aumento del 7% della quantità totale di vapore acqueo nell’atmosfera per grado centigrado aggiuntivo: è questo aumento che si può temere per le forti piogge.

Anche altri lavori recenti sulle inondazioni possono illuminarci: in un articolo pubblicato nel luglio 2020 sulla rivista Nature , il professor Günther Blöschl (Università tecnica di Vienna) ha dimostrato che se il periodo attuale non è unico nella storia dell’Europa per l’abbondanza dei fenomeni di alluvioni e alluvioni, è unico per la sua temperatura.

Infatti, se in Europa in passato sono esistiti in Europa altri periodi relativamente “ricchi” di alluvioni (1560–1580, 1760–1800 e 1840–1870), sono stati tutti più freddi della media, mentre il periodo recente si è distinto per una temperatura significativamente più elevata rispetto alle medie di lungo periodo.

4. Era previsto questo evento estremo?

Ciò che senza dubbio colpirà di più gli specialisti in questo evento di luglio 2021 è che l’eccezionalità delle piogge cadute sull’ovest della Germania e del Belgio era stata prevista a partire dal 12 luglio: le previsioni del tempo a medio termine centroeuropee ( ECMWF ) avevano ha infatti annunciato l’altissima probabilità di piogge eccezionali e ha emesso un’allerta inviata al servizio meteorologico tedesco (DWD).

Queste previsioni sembravano anche particolarmente affidabili, il che è abbastanza insolito.

Ecco cosa ci permette di affermarlo: a causa della grande difficoltà di modellazione atmosferica, le previsioni del tempo sono basate su “insiemi” (diciamo che la previsione è probabilistica). Questi insiemi sono ottenuti disturbando leggermente le condizioni iniziali del calcolo e generando contemporaneamente diverse decine di previsioni, il che consente di valutarne il grado di certezza.

A partire da lunedì 12 luglio, più della metà degli scenari indicava la possibilità di piogge estreme, il che è raro e ha sicuramente attirato l’attenzione dei meteorologi tedeschi. Ci si può quindi chiedere se il messaggio di allarme (e soprattutto l’eccezionalità delle imminenti precipitazioni) sia arrivato davvero a livello locale. Tanto più che non basta allertare, la popolazione deve potersi rifugiare e le autorità locali devono avviare azioni di protezione e soccorso. Tuttavia, garantire la corretta comunicazione delle segnalazioni e l’organizzazione dei servizi di emergenza rimane una prerogativa locale.

16 luglio 2021, a Pepinster, Belgio. Bruno Fahy / Belga / AFP

5. E da parte francese, dovremmo preoccuparci?

Le attuali alluvioni nella Francia orientale sono di ampiezza molto minore rispetto alla Germania anche se, vicino al Belgio, abbiamo talvolta raggiunto livelli storici. Queste inondazioni sono state generalmente ben previste dai servizi di previsione delle inondazioni (SPC) che ne sono responsabili.

Sul sito vigicrues.gouv.fr , le alluvioni sono state anticipate con diversi giorni di anticipo, anche se i livelli estremi dei picchi di piena potevano essere valutati solo con 24 ore di anticipo nei piccoli bacini; gli accumuli misurati sono risultati essere i più alti tra quelli indicati dalle previsioni d’insieme.

6. Possiamo prevenire inondazioni eccezionali?

Non c’è modo di trattenere le piogge torrenziali, e una volta che queste piogge sono cadute, immagazzinare acqua per limitare le inondazioni diventa un problema tecnico ed economico.

Chiaramente non è possibile immaginare di costruire dighe o argini per limitare le piene su tutti i piccoli fiumi, e dobbiamo quindi decidere di avere solo sistemi di allerta, e di mettere in atto misure preventive – costruire solo al di fuori delle zone soggette a inondazioni, lavorare per ridurre la vulnerabilità degli edifici già presenti in aree soggette a alluvioni, informare meglio la popolazione su cosa fare in caso di alluvione, ecc.

Sui fiumi più grandi, a monte degli agglomerati più grandi, è possibile limitare le esondazioni mediante dighe e dighe. Queste soluzioni hanno un costo, consumano spazio, ed è quindi necessario ragionare sulla loro costruzione confrontando costi e benefici.

La pianificazione del territorio, soprattutto quando si tratta di vietare la costruzione in aree soggette a alluvioni, è la soluzione di “buon senso”… che, tuttavia, va contro interessi particolari.

Quanto alle soluzioni cosiddette “idrauliche morbide”, propugnate dai difensori della natura (piantumazione di siepi, fasce erbose, ecc.), esse non hanno alcun effetto sulle inondazioni di ampia portata causate da piogge eccezionali, come quelle che la Germania ha conosciuto negli ultimi giorni.

7. Come affrontare questo tipo di evento?

Come abbiamo visto, non basta poter prevedere (anche con diversi giorni di anticipo) alluvioni eccezionali: vista l’incertezza che accompagnerà sempre le previsioni idrologiche e meteorologiche, la sfida principale è mettere in campo una vera cultura del rischio, al fine di garantire una rapida reazione a fenomeni ai quali la popolazione non si è mai confrontata.

Mantenere una popolazione mobilitata e pronta a reagire è possibile se il rischio è frequente (è il caso dei terremoti in Giappone, ad esempio). Sembra più difficile organizzare eventi alluvionali davvero eccezionali.

Appare quindi essenziale proseguire gli sforzi in più direzioni: miglioramento dei sistemi di previsione, miglioramento dell’uso di tali previsioni, della comunicazione di crisi. E a parte le crisi, resta essenziale continuare gli sforzi sugli edifici nelle aree soggette a inondazioni.

Comments are closed.