Amsterdam lancia una campagna pubblicitaria “stay away” rivolta ai giovani turisti britannici

0
226

Amsterdam ha avvertito i chiassosi turisti britannici di “stare alla larga”.

Una campagna di dissuasione digitale rivolta agli uomini di età compresa tra i 18 e i 35 anni nel Regno Unito è stata lanciata dal consiglio della città olandese.

L’iniziativa fa parte degli sforzi per ripulire la reputazione di Amsterdam come capitale dei partiti più liberali d’Europa.

I video, tipicamente schietti, mostrano giovani uomini che barcollano per strada, ammanettati dalla polizia, a cui vengono prese le impronte digitali e a cui viene scattata una foto segnaletica.

Gli annunci online, che evidenziano i rischi associati all’uso eccessivo di droghe e alcolici, saranno attivati quando i cittadini britannici digiteranno termini come – addio al celibato, hotel economico o pub Amsterdam.

Il messaggio è intransigente: un lungo weekend ad Amsterdam può creare ricordi sbagliati, l’evasione che si desidera nella rinomata capitale delle feste potrebbe portare a condanne ineluttabili.

Gli inglesi possono trovare voli di andata e ritorno per Amsterdam a 50 sterline (57 euro; 62 dollari).

Le agenzie di viaggio con sede nel Regno Unito offrono anche weekend di addio al celibato ad Amsterdam, tra cui crociere sui canali con alcolici illimitati, serate “steak and strip” e gite nei pub del quartiere a luci rosse.

Da anni ci si lamenta di inglesi ubriachi che urinano in pubblico, vomitano nei canali, si spogliano e danno vita a risse tra ubriachi.

Non si tratta di un fenomeno nuovo. Quasi dieci anni fa, l’allora sindaco di Amsterdam invitò il suo omologo londinese Boris Johnson, che aveva descritto la città come “squallida”, a vedere di persona cosa facevano gli inglesi.

“Non indossano un cappotto mentre fanno lo slalom tra i quartieri a luci rosse… cantano ‘You’ll never walk alone’. Sono vestiti da conigli o da preti e a volte non sono vestiti affatto”. Mi piacerebbe invitarlo ad assistere a tutto questo”, ha dichiarato all’epoca Eberhard van der Laan.

I critici sostengono che le campagne pubblicitarie mirate sono discriminatorie e si basano su stereotipi ingiusti.

Nei Paesi Bassi, i coffee shop sono autorizzati a vendere cannabis a condizione che rispettino alcune condizioni rigorose, come non servire bevande alcoliche o vendere ai minori.

“I turisti vengono per i musei e anche per i coffeeshop”, mi ha detto Joachim Helms, proprietario del Greenhouse coffee shop.

Facendo un cenno a una donna sulla sessantina, ha sottolineato che la sua clientela proviene da tutti i ceti sociali ed economici, sostenendo che i tentativi di escludere alcuni in base all’età e al sesso violano i principi di libertà, tolleranza e uguaglianza di cui Amsterdam si vanta.

Ma le strade sono strette, acciottolate e piene di biciclette e i canali sono sotto pressione.

Amsterdam è una delle città più visitate al mondo. Circa 20 milioni di visitatori – tra cui un milione di inglesi – visitano ogni anno la città, che ha una popolazione di circa 883.000 abitanti.

Ma l’eccesso di turismo sta mettendo a dura prova la tolleranza dei locali e ha costretto il Comune ad agire.

I cartelloni pubblicitari a grandezza naturale affissi nel quartiere a luci rosse mostrano foto di residenti, con parole che ricordano ai visitatori: “Noi viviamo qui”.

Il Comune sta per spostare le famose vetrine illuminate al neon, dove le lavoratrici del sesso sfilano per il commercio, dal cuore residenziale della capitale a una nuova “zona erotica”.

I sussurri di vietare completamente il commercio del sesso sono svaniti per ora. Sono state invece introdotte regole operative più severe.

A partire da questo fine settimana, i bordelli e i bar avranno orari di chiusura anticipati e a maggio entrerà in vigore il divieto di fumare cannabis per le strade del quartiere a luci rosse e dintorni.

Si discute ancora se i turisti debbano essere banditi dai caffè alla cannabis della capitale olandese.

La missione di Amsterdam è quella di rendere il settore meno squallido, più sostenibile e la città più vivibile.

Ma molti abitanti della zona che vivono nelle alte e strette case a schiera che costeggiano gli anelli dei canali del XVII secolo dicono che il problema non sono i giovani, ma il loro numero.

“Sembra di vivere a Disneyland o in uno zoo”, ha detto la famiglia Visser.

Il vicesindaco Sofyan Mbarki ha dichiarato che Amsterdam sta già adottando più misure di gestione rispetto ad altre grandi città europee.

“I visitatori rimarranno i benvenuti, ma non se si comportano male e causano fastidi”, ha aggiunto.

I cittadini hanno reagito alla campagna anti-turismo sui social media, con un uomo che ha scherzato sul fatto che “mi sembra più una pubblicità” e un altro che ha commentato che è un “mistero il motivo per cui i giovani tra i 18 e i 35 anni siano attratti da una città con caffè di droga e bordelli legalizzati”.

Altri sembrano scettici nei confronti della campagna: una donna ha scritto: “Vogliono fare soldi con le famiglie e i musei, ma sanno che sono l’erba e le luci rosse a far funzionare la città”.

 

 

Questo articolo è stato pubblicato su BBC
Traduzione per Livepress.it – Beatrice Privitera