Aspettare e preoccuparsi, di Seth Godin

Seth Godin è uno dei più autorevoli pensatori nell'attuale panorama dell'economia e del management. Si occupa di marketing, leadership e cambiamento. È un imprenditore di successo, tiene conferenze e, tra un libro e l'altro, genera idee a flusso continuo in uno dei blog più visitati del pianeta.
0
232

Per noi è facile scegliere di preoccuparci.
Il mondo è sottosopra, la lentezza continua, una tragedia non uniforme ma ampiamente distribuita.
La preoccupazione richiede un grande sforzo.
E la preoccupazione, a differenza della concentrazione, dell’apprendimento o dell’azione, non realizza nulla di valore.
E, allo stesso tempo, a causa dell’orizzonte temporale della pandemia, è anche la tentazione di aspettare.
Aspettare che le cose tornino alla normalità. Ma tutto il tempo che passiamo ad aspettare (per una normalità che difficilmente tornerà come prima) è tempo che non passiamo ad imparare, a guidare e a connetterci.

L’attesa è, per definizione, una sorta di perdita di tempo. Ma il tempo è scarso, quindi lo spreco è un atto vergognoso.
Se decidessimo di ridurre semplicemente del 50% la nostra attesa e la nostra preoccupante assegnazione, immaginate quanto potremmo scoprire, quante competenze potremmo imparare, quante attitudini potrebbero cambiare drasticamente.

Possiamo ancora aspettare (anche se il tempo passerà in ogni caso).
E possiamo ancora preoccuparci (anche se non serve a niente).
Ma forse possiamo capire come fare meno.

 

 

 

Waiting and worrying

Comments are closed.