Chi sarà chiamato a rispondere dopo che un bambino di sei anni ha sparato a un insegnante?

Author: Erum Salam
0
112

Dove sta la responsabilità della recente sparatoria a Newport News, in Virginia, per un Paese così abituato alla violenza delle armi?

L’uccisione di un’insegnante della Virginia da parte di uno studente di sei anni, avvenuta la settimana scorsa, ha lasciato la città di Newport News e il resto degli Stati Uniti scossi e scioccati.

Anche in un Paese da tempo abituato a sparatorie scolastiche rare nel resto del mondo, l’età sorprendentemente giovane di chi ha sparato ha provocato un’agonia pubblica negli Stati Uniti sul problema della violenza delle armi.

Ma la natura quasi unica dell’incidente di Newport News ha fatto sì che i parametri del dibattito che ne è seguito fossero in qualche modo diversi rispetto alle precedenti scioccanti sparatorie nelle scuole degli Stati Uniti, come la tragedia dello scorso anno a Uvalde, in Texas, dove un adolescente armato di pistola ha ucciso 19 bambini e due insegnanti.

Se da un lato si è parlato di sicurezza della scuola, dall’altro si è discusso con angoscia di come gestire un tiratore così giovane e di chi dovrà affrontare le conseguenze della sparatoria in un Paese così ricco di armi.

Il professore di legge dell’Università della Virginia Richard Bonnie fa parte di un consorzio di esperti di salute pubblica e mentale che lavora per stabilire politiche migliori per limitare la violenza delle armi. Bonnie ha detto che la colpa non può essere legalmente attribuita al bambino di sei anni, che all’indomani della sparatoria è stato tenuto in una struttura medica, non in una cella.

“I bambini a sei anni non si rendono conto della natura e delle conseguenze del loro comportamento. La responsabilità penale non è ammissibile in nessuno Stato in queste circostanze. Nella maggior parte degli Stati, se non in tutti, il bambino non è nemmeno soggetto alla giurisdizione del tribunale dei minori”, ha dichiarato Bonnie.

Il ragazzo rimane in custodia, ma i bambini di sei anni non possono essere processati come adulti secondo la legge della Virginia. Secondo Bonnie, la colpa può essere attribuita agli adulti che fanno parte della vita del bambino. La pistola con cui il bambino ha sparato apparteneva alla madre, che l’aveva ottenuta legalmente. Pertanto, come già accaduto in precedenza per altre sparatorie nelle scuole da parte di giovani, l’attenzione legale – e politica – si è concentrata sul problema del diffuso e facile accesso alle armi da fuoco da parte degli americani.

“Credo che le vere ripercussioni di una situazione come questa siano per i genitori. Ci sono ancora molte cose che non sappiamo sulle circostanze: il rapporto tra il bambino e i genitori, per esempio. I genitori non hanno adempiuto alle loro responsabilità di impedire l’accesso all’arma da parte del bambino. E questo potrebbe certamente comportare una potenziale responsabilità civile”, ha detto Bonnie.

Bonnie ha aggiunto: “Ovviamente non abbiamo idea di cosa passasse per la testa di quel bambino in quel momento, e credo che sia una cosa su cui non dovremmo speculare”.

Un aspetto di questo caso unico per le sparatorie commesse da bambini è l’intento. Le autorità hanno definito deliberata la sparatoria del bambino, ma Joshua Horwitz, co-direttore del Center for Gun Violence Solutions della Johns Hopkins University, ha dichiarato: “È difficile che un bambino di sei anni abbia un’intenzione criminale”.

“Non sono responsabili. Non sono nemmeno idonei per il giudizio minorile a quella giovane età. La responsabilità deve ricadere sull’adulto”.

L’insegnante ferita, Abigail Zwerner, 25 anni, dovrebbe sopravvivere, ma non si conoscono ancora i dettagli precisi sulle sue condizioni fisiche.

La scuola elementare di Richneck, dove è avvenuto l’incidente, e il suo distretto scolastico hanno cercato di reagire all’inaspettato episodio. Le lezioni sono state cancellate per due giorni dopo la sparatoria e si sta discutendo di installare un metal detector nella scuola.

Il sovrintendente di Newport News, George Parker, ha riferito ai genitori, durante una riunione tenutasi giovedì sera, che un funzionario scolastico era stato messo al corrente della pistola da 9 mm che il bambino aveva portato in classe prima che sparasse. Ma era troppo tardi.

Horwitz ha sottolineato l’importanza di attuare una politica che richieda una conservazione più sicura delle armi da fuoco nelle case in cui vivono i bambini.

“Le leggi sulla custodia sicura funzionano. Leggi forti sulla custodia delle armi salvano vite umane. Su questo dovremmo essere tutti d’accordo”, ha detto. “La casa più sicura in genere è quella senza armi da fuoco. Se ci sono bambini in casa, bisogna fare molta attenzione quando si porta un’arma e, come minimo, bisogna tenerla completamente chiusa a chiave”.

Il Johns Hopkins Center for Gun Violence Solutions afferma che più della metà dei possessori di armi da fuoco negli Stati Uniti – compreso il 55% dei possessori di armi da fuoco con bambini in casa – non pratica una conservazione sicura delle armi da fuoco. Secondo Horwitz, la politica non dovrebbe essere incentrata sulla punizione dei bambini che accedono alle armi da fuoco, ma piuttosto sulle forze che hanno portato al possesso delle armi.

“Se stiamo costruendo una politica basata sul fatto che un bambino di sei anni possa essere ritenuto responsabile, è assurdo. Abbiamo perso completamente la concentrazione. Quello che succede quando ogni bambino ha accesso a un’arma da fuoco, lo fa a causa di un adulto che ha intenzionalmente, negligentemente o incautamente fornito l’accesso a un’arma da fuoco”.

Horwitz, che vive in Virginia, ha detto che questa sparatoria in particolare “ha colpito nel segno”.

Il mio pensiero immediato è stato: “Spero che stiano tutti bene”. E non intendo necessariamente dal punto di vista fisico, ma emotivo. È un tributo enorme per le persone. Come si fa a gestire i membri della comunità che verranno dai nostri colleghi e diranno: ‘Sto soffrendo. Non so cosa fare?”.

La sparatoria non avrà un impatto duraturo solo sull’insegnante, ma anche sul bambino, ha detto Horowitz. Gli psicologi infantili sono ora coinvolti e il suo benessere è sotto esame.

“Non mi vergogno di ammetterlo, ma non sono una persona particolarmente religiosa. Prego letteralmente ogni giorno di non diventare desensibilizzato [alle sparatorie], perché è uno dei modi per sopravvivere in questo campo. È alquanto insolito che un bambino di sei anni spari intenzionalmente a un insegnante, ma questo apre anche una caterva di rabbia. E sono arrabbiato perché viviamo in un Paese… dove siamo stati desensibilizzati ai rischi del possesso di armi, e la gente va a comprare un sacco di armi. L’industria dice che le armi ci tengono al sicuro. Tutti lo credono. Ma non è vero.

Le armi rendono la casa più pericolosa”. E questo è solo l’esempio più grossolano di ciò che accade quando viviamo in una società desensibilizzata ai rischi delle armi da fuoco”, ha aggiunto Horwitz.