Caso Carlo Gilardi: sembra aprirsi uno spiraglio

0
419

Buone notizie riguardo il caso di Carlo: è dell’ultima ora la notizia che il Garante per i diritti delle persone private della libertà personale lo ha  incontrato “per approfondire il caso” e lui ha finalmente potuto dire che vuole uscire.

Il Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale è un’Autorità di garanzia, collegiale e indipendente, non giurisdizionale che ha la funzione di vigilare su tutte le forme di privazione della libertà, dagli istituti di pena, alla custodia nei luoghi di polizia, alla permanenza nei Centri di identificazione ed espulsione, alle residenze di esecuzione delle misure di sicurezza psichiatriche (Rems), ai trattamenti sanitari obbligatori.

È  praticamente la massima autorità che ha il potere di bypassare chi fino a questo momento ha praticamente impedito a chiunque perfino la sua famiglia di incontrare Carlo, l’ autorità  avrebbe davvero il potere di liberare Carlo o almeno ti dare risposta alle tante cose che non tornano di questa storia compresi tutti i soldi usciti dal suo conto negli ultimi anni. 

Finalmente c’è qualcuno a parte le iene che sta indagando su questa faccenda, che nonostante tutti gli sforzi nostri, vostri, di diversi politici e personaggi famosi ogni giorno che passa si consuma un’ingiustizia.

Nina Palmieri nel suo ultimo servizio ci ha raccontato che finalmente Carlo ha potuto incontrare anche il suo  avvocato Silvia Agazzi, dopo aver presieduto dell’udienza sulla richiesta di revoca o sostituzione dell’attuale amministrazione di sostegno, l’avvocato Barra.

L’avv Agazzi ha incontrato Carlo e sta bene, è provato fisicamente, un pò dimagrito ma con lo stessa lucidità di sempre. Appena ha appreso che la sua storia ha mobilitato le iene e molti giornali locali arrivando al cuore degli italiani Carlo, ha promesso di scrivere una lettera di ringraziamento e di incontrare uno ad uno le persone che si sono preoccupate  per lui.Non era turbato da questo clamore mediatico che tanti hanno contestato, era incuriosito, divertito e non ci credeva. 

“Siccome lui ha fatto del bene adesso il bene gli sta tornando”, Perché Carlo di bene ne ha fatto tanto e per tutta la vita ed è il momento che gli torni tutto proprio ora che ha bisogno d’aiuto. Mancano pochi giorni a Natale e Carlo ha già passato il suo compleanno recluso in una RSA, la speranza è che questa storia possa avere giustizia e il lieto fine che merita.

Comments are closed.