Cop25 Perché il vertice sul clima delle Nazioni Unite è ancora importante

0
245

E’ di nuovo quel periodo dell’anno. Dal 2 al 13 dicembre, i leader mondiali saranno a Madrid, in Spagna, per decidere il destino dell’umanità.

Per quasi un quarto di secolo, i colloqui sul clima sponsorizzati dalle Nazioni Unite (ONU) hanno avuto luogo ogni anno, per lo più fuori dalla vista e lontano dal cuore.

Ma poiché il mondo si è riscaldato con conseguenze mortali, mentre il dissenso e le manifestazioni alla periferia sono diventati sempre più rumorosi e più mainstream, e mentre le nazioni ad alta emissione e le potenti società hanno continuato a minare l’ambiziosa azione per il clima – anche di fronte a sempre più drammatici prove: i negoziati annuali sul clima sono stati messi in rilievo.

Allontanando il gergo, che cos’è esattamente la COP?

Al vertice della Terra di Rio de Janeiro, in Brasile, nel 1992, la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) è stata  con l’intenzione di 

La convenzione del 1992 è entrata in vigore nel 1994 e il primo COP (che rappresenta la conferenza delle parti) si tenne l’anno successivo a Berlino. La COP è il In sostanza, è quando i leader mondiali, gli scienziati del clima e la società civile si riuniscono ogni anno per valutare i progressi nella lotta ai cambiamenti climatici.

Quindi, cosa succede alla conferenza?

In pratica, quasi tutti i negoziati sostanziali sono già avvenuti prima dell’arrivo dei delegati. C’è un incontro annuale a Bonn, in Germania (dove ha sede il  della COP ), così come diversi altri “incontri pre-sessione”, su argomenti che vanno dalle popolazioni indigene agli oceani, che si svolgono nelle altre regioni del mondo: Africa, America Latina e i Caraibi e l’Asia-Pacifico.

Alla COP, nello stile tradizionale delle Nazioni Unite, i delegati forniranno gli indirizzi e i tecnocrati rivedranno la formulazione dei progetti di accordo. Saranno organizzate conferenze stampa per attirare l’attenzione dei media su alcuni piccoli dettagli che non riescono a catturare la gravità dell’emergenza climatica o a rispondere adeguatamente alle richieste dei manifestanti di solito situati al di fuori della sede ufficiale del vertice, ma Il settore privato ha un posto al tavolo, dove invece di affrontare le esigenze di responsabilità, vengono discussi approcci “favorevoli alle imprese”.

A margine, le organizzazioni non governative terranno centinaia di “eventi collaterali”. Spesso questi sono solo talk-shop non dissimili da ciò che sta accadendo all’interno della conferenza stessa, dove vengono lanciate le ultime parole d’ordine. Altre volte, sono un commovente promemoria dell’impatto che la crisi climatica sta già avendo mentre le 

Alcuni eventi sono un commovente promemoria dell’impatto che la crisi climatica sta già avendo mentre le comunità in prima linea si riuniscono per condividere le loro storie e guidare l’invito all’azione

Di tanto in tanto alla COP, c’è una raffica di attività che fa notizia. Ad esempio, nel giro di poco tempo, i negoziatori sono stati in grado di convincere tutti i 196 paesi membri ad accettare un accordo sul clima alla COP21 di Parigi. A Copenaghen, sei anni prima, ha rivelato come alcuni paesi industrializzati intendessero evitare di assumersi la responsabilità delle loro emissioni di gas a effetto serra abbandonando il protocollo di Kyoto – l’unico trattato legalmente vincolante che il mondo aveva in quel momento sulla riduzione delle emissioni – e facendo saltare i paesi poveri attraverso i cerchi per ottenere l’aiuto necessario adattarsi al danno arrecato dagli emettitori elevati. Nel 2013, stufo dell’inerzia,  pochi giorni dopo il tifone Haiyan ha devastato il suo paese d’origine.

Ma, nel complesso, la risposta a ciò che accade realmente al COP è: non molto. E questo è in parte progettato. Poiché la conferenza richiede un consenso completo, qualsiasi paese membro può porre il veto all’accordo. In passato, di solito sono stati gli Stati Uniti, la Russia o l’Arabia Saudita, ma paesi sempre più in prima linea come le Isole Marshall, l’India e il presidente a rotazione della coalizione dei Paesi meno sviluppati (quest’anno, Bhutan) hanno insistito sul fatto che il loro futuro non sarà compromesso per il comfort degli emettitori alti.

Qual è il punto critico della COP25?

Due parole chiave: perdita e danno.

Il “meccanismo di smarrimento e danneggiamento”, istituito alla COP19 di Varsavia, è in revisione quest’anno a Madrid. Si occupa di ” 

La discussione su questioni di equità e giustizia avrà conseguenze di vasta portata, quindi non sorprende che sia una mosca nell’unguento dell’incontro di Madrid

Nonostante anni di trattativa, resta da decidere la procedura di compensazione. In altre parole, quanti soldi i paesi ricchi pagheranno ai paesi poveri per aver distrutto il pianeta? Gli effetti dei pericolosi cambiamenti climatici sono senza dubbio avvertiti in tutto il mondo, dalle Bahamas alle Filippine, ma le nazioni ricche, riconoscendo quanto costerà, stanno facendo di tutto per evitare la discussione o 

Quella discussione sulle questioni fondamentali di equità e giustizia avrà conseguenze di vasta portata, quindi non sorprende che sia una mosca nell’unguento della riunione di Madrid.

Un altro probabile motivo di contesa è la conversazione sui prezzi e la compensazione delle emissioni di carbonio. Lo stratega della campagna presso il think tank Demos di New York,  “Alla COP25 gli Stati stanno negoziando un sistema globale di compensazione delle emissioni di carbonio. Questo sarà un grande punto critico perché consente ai paesi ricchi continuare a inquinare tramite compensazione. Le compensazioni non riducono le emissioni. Creano punti caldi dell’inquinamento. Si tratta di giustizia climatica “.

COP o cop-out: il vertice conta ancora?

Cominciamo con ciò che è encomiabile: l’attuale consenso sui nostri obiettivi climatici condivisi è emerso dai negoziati COP nel 2009 (Copenaghen), 2010 (Cancún) e poi nel 2015. Grazie all’accordo di Parigi del 2015, il mondo ha optato per un intervallo da 1,5 ° C a 2C come la linea nella sabbia che funge da soglia da evitare a tutti i costi.

Allo stesso modo, poiché la COP è l’unico spazio di negoziazione in cui tutte le nazioni del mondo hanno potere sugli esiti dell’accordo (teoricamente e specificamente in riferimento al loro potere di voto), i delegati dei paesi in via di sviluppo sono stati in grado di allearsi tra loro in alcuni gruppi affini per rafforzare la loro voce attorno al tavolo delle trattative e migliorare la loro capacità di contrattare collettivamente.

Il più importante di questi negli ultimi anni è stato il G77 + Cina (un contrappeso del Paese in via di sviluppo al G7), il gruppo dei Paesi meno sviluppati (composto da nazioni come Etiopia, Nepal e Haiti) e l’Alleanza della Piccola Isola Stati. Ma questi raggruppamenti non sono fissi e i paesi formano alleanze per riflettere le loro priorità. Alla COP di Parigi, ad esempio, la “coalizione ad alta ambizione”, che comprende la maggior parte dei paesi membri dell’UNFCCC (79 paesi dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico, gli Stati Uniti e tutti gli Stati membri dell’UE, ma esclusa l’India e la Cina) ha contribuito a forgiare un ultimo minuto svolta per sigillare l’accordo a Parigi.

Tuttavia, gli scienziati hanno continuato a discutere esattamente sul significato della parola “pericoloso” in “pericolosa interferenza antropogenica”.

abbiamo già superato lo stadio di pericolose interferenze. Le concentrazioni di gas a effetto serra non si sono stabilizzate. In effetti, il biossido di carbonio atmosferico  e le emissioni annuali hanno  . Tenendo conto della somma totale di tutti gli impegni dei singoli paesi previsti dall’accordo di Parigi, Non solo i leader mondiali non sono riusciti a stabilizzare le emissioni, ma stanno anche facendo peggiorare il problema.

Tuttavia, le nazioni del mondo hanno continuato a discutere esattamente sul significato della parola “pericoloso”

Finora, il trattato non è riuscito a prevenire la perdita irreversibile. Il cambiamento climatico è ora un’emergenza. Decine di milioni di persone sono già state costrette a lasciare le proprie case a causa di crisi legate all’ambiente. Le catastrofi naturali ora provocano abitualmente danni per miliardi di dollari, anche nei paesi poveri. Il ghiaccio marino e il permafrost hanno subito cambiamenti di trasformazione. Le società di combustibili fossili sono ancora sovvenzionate dai governi. Per molte persone in molti paesi, la vita sta diventando insostenibile.

Secondo molti resoconti della società civile, finora COP25 è stato un affare come al solito. A due giorni dalla conferenza, l’  “Giuro la mostruosità degli organi di governo e attuazione dell’UNFCCC con tutti i loro [loro] emendamenti, recensioni, promesse, processi, rapporti che bla bla non è solo esasperante ma un sistema deliberato per offuscarci mentre milioni stanno lottando per la propria vita. Non c’è da stupirsi che siamo fregati “.

“Un asteroide sta precipitando verso la Terra. I diplomatici del mondo si riuniscono per affrontare l’emergenza. E passano tutto il tempo a parlare di come creare” meccanismi di mercato “per cercare di evitare di pagare effettivamente la difesa degli asteroidi. Finora è praticamente la COP25”,  co-fondatore dell’organizzazione ambientale internazionale, 350.org.

Ma questa morte per incrementalismo non è inevitabile. Esiste una nuova e reale speranza quest’anno, dopo le rivolte dei giovani di tutto il mondo, che le persone in prima linea spingano i loro leader a impegnarsi a impegnarsi a ridurre le emissioni.

La COP è ancora uno dei pochi luoghi in cui il mondo si incontra ogni anno per discutere dei cambiamenti climatici, il problema più grande che la nostra civiltà deve affrontare. È ancora il luogo in cui i custodi indigeni del mondo delle acque costiere e delle foreste pluviali possono parlare ai media globali in attesa e cercare di comunicare come potrebbe apparire un vero cambiamento. Il tutto è burocratico, lento e frustrante. Ma è un gigantesco forum di discussione multilaterale sul problema più urgente del nostro tempo – e questo è almeno qualcosa.

Fonte

https://thecorrespondent.com/161/the-great-cop-out-why-the-un-climate-summit-still-matters/21314661522-607ce131?fbclid=IwAR3IdcOkRM0LyKjO_mxFMQiXU5e78-bIGz0AcBw_vlJSn5ZNN-QBHdfDUEw

Comments are closed.