Corea del Nord: uno dei paesi più segreti del mondo.

0
323

Dal 1948, la Corea del Nord è governata da tre uomini della stessa famiglia. Kim Il-sung fu il primo leader supremo del paese, che rimase in carica fino alla sua morte nel 1994. Il controllo poi passò  a suo figlio Kim Jong-il, che detenne il potere per 17 anni fino al nel 2011, la Corea del Nord ha annunciato il figlio di Kim Jong-il, Kim Jong-un, come nuovo leader supremo del partito, dello stato e dell’esercito”.

Negli ultimi 60 anni la Corea del Nord è stata governata esclusivamente dalla famiglia Kim senza che a nessun altro sia stato permesso di sfidarli o di avere la possibilità di essere votato. Il governo del paese raramente rilascia informazioni su ciò che accade lì,  I giornali vengono visualizzati in luoghi pubblici in modo che le persone possano leggere storie attentamente selezionate sul loro leader. Tutte le TV e le radio sono sintonizzate solo su canali statali e le persone sorprese ad ascoltare trasmissioni straniere subiscono dure punizioni.

I nordcoreani hanno poca o nessuna idea degli eventi mondiali o di come il loro paese è pensato dall’esterno.
La Corea del Nord ospita oltre 25 milioni di persone, che vivono sotto una dittatura comunista, che controlla rigorosamente tutte le aree della vita quotidiana.

Si deve chiedere il permesso di viaggiare ed è difficile anche per i turisti entrare nel paese.

Le persone che cercano di scappare, vengono brutalmente puniti e talvolta uccisi. La maggior parte dei nordcoreani è estremamente povera e cose come frigoriferi, lavatrici e persino biciclette, sono difficili da trovare. Molte persone per nutrirsi fanno affidamento su agenzie di aiuto, come le Nazioni Unite.

Un rapporto di Amnesty International ha stimato che centinaia di migliaia di persone sono state messe in prigione e ai lavori forzati perché non erano d’accordo con il governo. Le 372 pagine del rapporto descrivono gravi, sistematiche e massicce violazioni dei diritti umani equivalenti a crimini contro l’umanità, tra cui la detenzione nei campi di prigionia politica, le torture e le esecuzioni senza processo.

Nel dicembre 2013, Amnesty International aveva denunciato – anche attraverso l’uso di immagini satellitari – lo sviluppo dei due più grandi campi di prigionia politica. Centinaia di migliaia di persone, bambini compresi, sono detenute in queste strutture. La maggior parte di esse non ha commesso alcun reato ma è semplicemente parente di persone ritenute colpevoli di gravi reati politici.

Non è facile lasciare la Corea del Nord. È molto rischioso e il viaggio può essere pericoloso. È un viaggio di migliaia di miglia. Devi attraversare tutta la Cina e se la polizia cinese ti cattura come rifugiato nordcoreano, ti rimanderà in Corea del Nord dove potresti trovarti ad affrontare una serie di punizioni molto dure. “Disertori”. Questo è il nome dato a qualcuno che ha lasciato il proprio paese per vivere in un altro, che di solito opera in un modo politico diverso.

“È molto rischioso, è molto difficile, quindi è quasi impossibile per i rifugiati nordcoreani fare questo viaggio senza il supporto di un qualche tipo di organizzazione”.

Comments are closed.