Coronavirus: cospirazioni e dubbi sui vaccini

"I vaccini contro il coronavirus suscitano dubbi tra molte persone in tutto il mondo. Nature Medicine pubblica i risultati di un sondaggio di 13.400 persone in 19 paesi colpiti duramente dal COVID-19". Un fattore chiave associato all'esitazione del vaccino è quello di credere nella teoria del complotto secondo cui il coronavirus è stato  creato in laboratorio.
0
119

Anche se lo sviluppo di un vaccino efficace probabilmente non porrà immediatamente fine alla pandemia, è chiaro che le cose senza un vaccino non potranno tornare alla normalità.

Ad oggi, più di 90 vaccini COVID-19 sono in fase di sviluppo, metà dei quali sono in sperimentazione umana. Oltre ad affrontare le sfide dello sviluppo di un vaccino sicuro ed efficace al 100%, produrlo su larga scala e distribuirlo equamente, le autorità sanitarie di tutto il mondo devono ora considerare un ulteriore ostacolo: la diffidenza delle persone nei confronti del vaccino.

In un recente sondaggio su cosa ne pensano gli italiani di un vaccino COVID-19 circa una persona su sette ha mostrato forti dubbi a farsi vaccinare, 1 su 3 ha detto che avrebbe rifiutato categoricamente il vaccino.

Uno studio internazionale, pubblicato di recente su ScienzeDailyevidenzia la potenziale esitazione globale ad accettare un vaccino COVID-19. Sulla base dei dati raccolti con il sondaggio COVID-SCORE precedentemente convalidato su un campione di oltre 13.400 individui provenienti da 19 paesi che sono stati duramente colpiti dal virus, i ricercatori hanno scoperto che il 72% dei partecipanti probabilmente prenderebbe il vaccino. Del restante 28%, il 14% rifiuterebbe, mentre il 14% esiterebbe, il che si traduce in decine di milioni di potenziali “evitatori” di vaccini.

Abbiamo scoperto che il problema della titubanza del vaccino è fortemente correlato alla mancanza di fiducia nel governo“, ha detto Jeffrey V. Lazarus, ricercatore ISGlobal e coordinatore degli studi.

Rifiutare la scienza

Lo studio evidenzia quali fattori sono associati al processo decisionale delle persone sull’opportunità di accettare un vaccino COVID-19. Un fattore chiave associato all’esitazione del vaccino è quello di credere nella teoria del complotto secondo cui il coronavirus è stato  creato in laboratorio, ma la stragrande maggioranza degli scienziati che hanno studiato e studiano il virus concordano sul fatto che si è evoluto naturalmente e si è “incrociato” nell’uomo da una specie animale, molto probabilmente un pipistrello.

La composizione genetica o “genoma” di SARS-CoV-2 è stata sequenziata e condivisa pubblicamente migliaia di volte da scienziati di tutto il mondo. Se il virus fosse stato “ingegnerizzato” geneticamente in un laboratorio ci sarebbero segni di manipolazione nei dati genomici.

Si stima che circa il 60% delle malattie infettive conosciute e il 75% di tutte le malattie nuove, emergenti o riemergenti negli esseri umani abbiano origine animale . SARS-CoV-2 è il più recente dei sette coronavirus trovati nell’uomo, tutti provenienti da animali, pipistrelli, topi o animali domestici. I pipistrelli sono stati anche la fonte dei virus che hanno causato Ebola, rabbia, infezioni da virus Nipah e Hendra e ceppi di virus influenzale A.

Ci sono prove che i primi casi di COVID-19 si sono verificati al di fuori di Wuhan in Cina e non avevano un chiaro collegamento con il mercato della città (wet market) dove si pensa che la pandemia sia iniziata. Ma questa non è la prova di un complotto.

Potrebbe semplicemente essere che le persone infette abbiano portato accidentalmente il virus in città e poi nel mercato, dove le condizioni chiuse e trafficate hanno aumentato le possibilità di diffusione. Ciò include la possibilità che uno degli scienziati coinvolti nella ricerca sul coronavirus dei pipistrelli a Wuhan sia stato inconsapevolmente infettato riportando il virus dove vivevano i pipistrelli. Questa sarebbe ancora considerata un’infezione naturale, non una fuga di laboratorio.

È  stato dimostrato che il livello di istruzione non condiziona l’accettazione del vaccino, ma il rifiuto, piuttosto, è correlato alle convinzioni sull’origine del virus e alla paura di effetti collaterali a lungo termine. Le persone che sono riluttanti ai vaccini non sono necessariamente meno istruite secondo la ricerca anche se gli sforzi accademici per comprendere le teorie del complotto sono cresciuti in modo significativo negli ultimi anni e ora esiste una letteratura ampia e interdisciplinare.

Data l’associazione tra il possesso di una visione del mondo cospirativa e un rifiuto generale delle proposizioni scientifiche – come la sicurezza dei vaccini – la lotta allo scetticismo sui vaccini ci richiederà di pensare in modo più strategico a come comunichiamo la scienza

Sarà tragico se sviluppiamo vaccini sicuri ed efficaci e le persone si rifiutano di prenderli. Dobbiamo sviluppare uno sforzo solido e sostenuto per affrontare l’esitazione del vaccino e ricostruire la fiducia del pubblico nei benefici personali, familiari e comunitari delle vaccinazioni“, avverte Scott C. Ratzan, coautore dello studio e Distinguished Lecturer presso CUNY SPH.

Heidi J. Larson, coautrice dello studio e professoressa e direttrice del Vaccine Confidence Project presso LSHTM, afferma: “Questi risultati dovrebbero essere un invito all’azione per la comunità sanitaria internazionale. Se non iniziamo a costruire l’alfabetizzazione sui vaccini e a ripristinare la fiducia del pubblico nella scienza, non possiamo sperare di contenere questa pandemia “.

Gli autori sottolineano inoltre che le decisioni delle persone sulla vaccinazione dipendono da molti fattori e possono cambiare nel tempo. In effetti, da quando questo sondaggio è stato condotto alla fine di giugno 2020, le questioni relative ai vaccini sono diventate sempre più politicizzate e il movimento degli antivaccini è diventato più aggressivo, il che suggerisce che l’esitazione del vaccino potrebbe essere oggi una minaccia maggiore.

 

Fonte: CUNY Graduate School of Public Health and Health Policy.
ScienceDaily, 20 ottobre 2020.

Comments are closed.