Coronavirus: i 100 giorni che hanno cambiato il mondo.

0
460

Alle 13.38 del 31 dicembre 2019 , mentre  il mondo si stava preparando a festeggiare, un sito web del governo cinese ha annunciato l’individuazione di una “polmonite di causa sconosciuta” nella zona circostante il mercato all’ingrosso dei frutti di mare della Cina meridionale a Wuhan, una città industriale di 11 milioni di persone.

Nei 100 giorni successivi, il virus avrebbe congelato i viaggi internazionali, estinto le attività economiche e confinato metà dell’umanità nelle loro case, infettando più di un milione di persone e contando anche un vicepresidente iraniano, l’attore Idris Elba e il primo ministro britannico. A metà aprile, più di 75.000 persone sarebbero morte. Ma tutto ciò era ancora inimmaginabile alla fine di dicembre, quando alle 23.59 è passata la mezzanotte, i fuochi d’artificio sono esplosi e la gente si è abbracciata alle feste e nelle strade affollate.


  • Giorno 1
    Mercoledì 1 gennaio
    Chiuso il mercato dei frutti di mare di Wuhan

Il mercato dei frutti di mare di Wuhan è normalmente affollato, ma stamattina la polizia in tute protettive prelevano con cura i campioni dalle superfici e li mettono in sacchetti di plastica sigillati. Sui social media cinesi circolano messaggi preoccupati, alimentati da documenti medici che hanno trovato la loro strada online che avvertono i pazienti che negli ospedali di Wuhan presentano sintomi minacciosi.

“Sars. è praticamente certo, non lasciate uscire le infermiere”, si legge in un messaggio. Un altro : “Lavati le mani. Maschere. Guanti”

Le autorità di Taiwan stanno guardando con allarme. L’isola sta già attuando le precauzioni sanitarie: gli arrivi sui voli diretti da Wuhan sono sottoposti a screening per sintomi simil-influenzali sull’asfalto di Taipei prima di poter sbarcare. Entro due giorni, Singapore e Hong Kong controlleranno gli arrivi dalla città ai loro confini.

A Wuhan, otto persone accusate di aver diffuso “voci” sulla malattia sono convocate all’Ufficio di Pubblica Sicurezza. Un altro che sarà rimproverato è un oculista di Wuhan, Li Wenliang, per aver mostrato a un gruppo di suoi ex allievi della scuola di medicina un’analisi del virus che credeva fosse Sars.

Frasi come “polmonite sconosciuta di Wuhan” e “mercato dei frutti di mare di Wuhan” sono già censurate su YY, una popolare piattaforma di live streaming.


  • Giorno 9
    Giovedì 9 gennaio
    Individuato un nuovo coronavirus

La malattia misteriosa viene identificata: Gli scienziati cinesi dicono che i pazienti malati a Wuhan hanno contratto un coronavirus non ancora scoperto.

Due coronavirus, Sars e la sindrome respiratoria mediorientale (Mers), hanno già scatenato pandemie in questo secolo.
Anche questa nuova è mortale. Ieri sera un uomo di 61 anni è morto in un ospedale di Wuhan, la prima vittima conosciuta.

In questa fase il carico di lavoro ufficiale è in calo. La sequenziazione del virus ha permesso ai medici di eliminare i pazienti che si pensava fossero infetti ma che in realtà avevano solo una polmonite normale. Da quattro giorni non sono stati annunciati nuovi casi di coronavirus. Più tardi, uno studio concluderà che a questo punto l’epidemia raddoppiava ogni settimana. Domani Li Wenliang, l’oculista, inizierà a mostrare i sintomi.


  • Giorno 13
    Lunedì 13 gennaio
    La Thailandia segnala il primo caso

È passata più di una settimana dall’ultima conferma da parte delle autorità sanitarie di Wuhan di un caso del nuovo coronavirus. Non c’è stato nulla da quando la città ha iniziato ad ospitare un importante incontro annuale tra i funzionari dello Stato e del partito provinciale.

Ma il virus è sfuggito alla rete. La Thailandia riporta il suo primo caso, che coinvolge un residente di Wuhan di 61 anni, la cui temperatura elevata è stata rilevata da uno scanner termico di sorveglianza all’aeroporto di Bangkok.

Un comitato di specialisti di malattie infettive che si chiama Nervtag si riunisce a Londra per discutere del virus, e ritiene che il rischio per il Regno Unito sia “molto basso, ma richiede indagini e test”.

Il governo cinese dice che non ci sono ancora prove chiare di trasmissione da uomo a uomo, compresi eventuali segni di malattia da parte di medici professionisti. Il messaggio ufficiale è ripreso dall’OMS, che rilascia un comunicato stampa in cui si dice rassicurato sulla qualità della risposta del governo cinese.

Gli epidemiologi dicono che la notizia è incoraggiante. “Se non ci saranno nuovi casi nei prossimi giorni, l’epidemia è finita”, dice al New York Times Guan Yi, professore di malattie infettive all’Università di Hong Kong.

I medici di Wuhan vedono un quadro diverso. Gli studi dimostreranno più tardi che da più di due settimane gli ospedali della città si occupano di “un aumento esponenziale” dei casi senza alcun legame con il mercato dei prodotti ittici.


  • Giorno 20
    Lunedì 20 gennaio
    Trasmissione da uomo a uomo confermata

Zhong Nanshan, medico cinese, epidemiologo, pneumologo,  e volto pubblico della risposta del governo cinese, va alla televisione di Stato con cattive notizie: nella provincia di Guangdong sono emersi due nuovi casi del virus tra i pazienti senza contatto diretto con Wuhan.

La conclusione è chiara. “Possiamo dire con certezza che si tratta di un fenomeno di trasmissione da uomo a uomo”, dice Zhong.

Dopo essere sembrato scomparire in Cina per più di due settimane, il virus ricompare in tutto il Paese. Venerdì  ci sono stati quattro nuovi casi.
Entro domenica, 139. Casi saranno confermati a Pechino e a Shanghai. Il Virus si sta diffondendo in tutto il mondo: Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti.

Il panico cresce a Wuhan. Alle 6 del mattino, più di 100 pazienti con sintomi di coronavirus erano in attesa di essere visti all’ospedale Xiehe della città, dice un operaio al Guardian.


  • Giorno 24
    Venerdì 24 gennaio
    Il virus arriva in Europa

Alla vigilia delle vacanze del nuovo anno lunare, mentre centinaia di milioni di cinesi sono in viaggio per andare a trovare amici e parenti, Wuhan è stato a tutti gli effetti sigillato. La maggior parte dei trasporti in entrata e in uscita dalla città è sospesa. Sono state rilevate più di 800 infezioni e 25 persone sono morte.

La città è la prima a sperimentare il pieno dell’epidemia: rapido aumento dei casi, ospedali sotto forte pressione e un’intera popolazione in quarantena.

Il virus arriva in Europa, rilevato in due recenti arrivi dalla Cina e da un parente. Il trio ha avuto decine di contatti e le autorità francesi dicono di essere in corsa per rintracciare possibili casi. “Bisogna curare un’epidemia come si cura un incendio”, dice il ministro della salute francese, Agnès Buzyn.

Trump ha ricevuto la sua prima domanda mediatica sul virus mentre si trovava a Davos. Alla domanda se fosse preoccupato per una potenziale pandemia, ha risposto: “Per niente. E abbiamo tutto perfettamente sotto controllo”.

Il blocco della Cina sarà esteso a 56 milioni di persone. Il presidente, Xi Jinping, avvertirà che il Paese sta affrontando una “grave situazione”. E Liang Wudong, un medico dell’ospedale Xinhua di Hubei, diventerà il primo medico professionista a morire.


  • Giorno 31
    Venerdì 31 gennaio
    Il giorno di Brexit, il giorno di Brexit, l’esplosione del contaggio

Dopo quasi quattro anni di agonizzante dibattito in parlamento e in tutto il Paese, alle 23.00 la Gran Bretagna esce formalmente dall’Unione Europea. Un Big Ben virtuale ha raggiunto il 10 di Downing Street e suona il campanello d’allarme per la pietra miliare. Nelle vicinanze, in Parliament Square, Nigel Farage conduce una rappresentazione di Dio salvi la Regina.

È anche il giorno importante per il coronavirus: entro la fine della giornata, l’epidemia sarà più grande di quella di Sars. Sarà confermato di aver raggiunto il Regno Unito. Spagna e Italia individueranno i loro primi casi.

“La situazione è grave ma non c’è bisogno di allarmarsi, è tutto sotto controllo”, dice il ministro della Salute italiano Roberto Speranza.

Nessuno è morto fuori dalla Cina, ma in Cina il numero dei morti sta accelerando, ora è di 258, con più di 11.000 infetti. Gli Stati Uniti annunciano di aver vietato l’ingresso agli stranieri che sono stati recentemente in Cina.


  • Giorno 35
    Martedì 4 febbraio
    Prima morte fuori dalla Cina

Il conteggio ufficiale dei casi in Cina supera i 20.000, con 425 morti. Un residente di Wuhan che la settimana scorsa ha sviluppato una grave polmonite muore in un ospedale di Manila nelle Filippine, la prima persona a soccombere al virus fuori dalla Cina. Le Filippine vietano ogni nuovo arrivo dalla Cina.

Il direttore generale dell’OMS dice che la diffusione internazionale della malattia sembra essere “minima e lenta”, anche se potrebbe comunque peggiorare, e non c’è bisogno di fermare inutilmente il commercio e i viaggi.

Un uomo londinese che arriva all’aeroporto di Gatwick da Shanghai dice al Guardian di essere allarmato dall’approccio leggero. Ha compilato un modulo con i dettagli delle sue informazioni di contatto e dei suoi piani di viaggio, ma dice di essere  stato ignorato.

Nell’ospedale centrale di Wuhan, le condizioni di Li Wenliang peggiorano. La sua morte, tra tre giorni, si scatenerà nella città chiusa e in tutta la Cina.

Gli ex direttori di un ufficio di preparazione alla pandemia della Casa Bianca, sciolto nel 2018, pubblicano un articolo di opinione sul Wall Street Journal. “Fermate un’epidemia di Coronavirus negli Stati Uniti prima che inizi”, si legge nel titolo.

L’indomani i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie inizieranno a distribuire kit di test per i coronavirus in tutto il Paese. Ma i dispositivi sono difettosi, e nel corso del prossimo mese gli Stati Uniti effettueranno poco più di 1.200 test, mentre la Corea del Sud e la Germania ne eseguiranno almeno 12.000 al giorno.

Tra pochi giorni, Trump dirà a un raduno nel New Hampshire che l’epidemia si attenuerà presto. “Entro aprile, sapete, in teoria, quando farà un po’ più caldo, miracolosamente scomparirà”, dirà.


  • Giorno 50
    Mercoledì 19 febbraio
    Preoccupazioni per la chiesa della Corea del Sud

I rigorosi test e la diligente ricerca di contatti stanno dando i loro frutti in Corea del Sud, dove fino a ieri sono stati registrati solo 30 casi del virus.

Ma il 31° caso è preoccupante per le autorità.

Una  donna  ha ignorato le richieste iniziali dei medici di fare il test per il coronavirus, andando invece a pranzo al buffet di un hotel. I funzionari hanno stabilito che ha avuto almeno 1.160 contatti a rischio.

L’Iran annuncia i primi due casi confermati, entrambi nella città Santa di Qom.

A Milano, l’Atalanta continua la sua  corsa in Champions League, sconfiggendo il club spagnolo Valencia per 4-1, lo stadio che si solleva ad ogni gol. “Circa un terzo della popolazione della piccola città di Bergamo era presente allo stadio di San Siro”, e migliaia di spagnoli si sono recati anche nel capoluogo lombardo per la partita.


  • Giorno 56
    Martedì 25 febbraio
    Il virus prende piede a livello globale

I casi globali hanno superato gli 80.000. Per la prima volta dall’annuncio dell’epidemia, i casi confermati al di fuori della Cina superano quelli all’interno. Secondo i numeri ufficiali, Pechino ha raggiunto il picco dell’epidemia due giorni prima, quando sono morte 150 persone.

Altri hanno appena iniziato la loro ascesa. L’Italia ha registrato la sua prima morte quattro giorni prima e ora ha 11 morti. Circa 50.000 persone in tutta l’Italia settentrionale sono state in isolamento negli ultimi quattro giorni, la prima popolazione in Europa ad essere messa in quarantena.

Si ritiene che il numero di morti in Iran sia il più alto al di fuori della Cina, con almeno 12 decessi confermati ufficialmente e ben 50 ritenuti morti solo a Qom, secondo un legislatore.

La malattia sta colpendo le élite della Repubblica Islamica: il suo vice ministro della salute è apparso ieri in televisione, sudando copiosamente, mentre diceva che il virus era sotto controllo. Nel pomeriggio, Iraj Harirchi conferma di essere risultato positivo.

Mentre gli Stati Uniti annunciano il suo 14° caso, Trump twitta durante una visita di Stato in India: “Il coronavirus è molto sotto controllo negli USA. Il mercato azionario comincia a sembrarmi molto buono”.


  • Giorno 66
    Venerdì 6 marzo
    L’Italia in crisi come il Regno Unito registra la prima morte

Il numero dei morti in Italia è cresciuto di sei volte in sei giorni: più di 230 italiani sono morti e il carico di lavoro aumenta di oltre 1.200 unità al giorno. Roma ha chiuso le scuole, ha bandito gli spettatori dalle partite di calcio di serie A e si prepara a difendere la Lombardia.

“Il sistema sanitario rischia di andare in sovraccarico e avremo un problema con la terapia intensiva se continua una crisi esponenziale”, dice il premier Giuseppe Conte. Una donna di 70 anni diventa la prima persona a morire a causa del virus in Gran Bretagna, e Downing Street dice che il virus si diffonderà “in modo significativo”.


  • Giorno 71
    Mercoledì 11 marzo
    Covid-19, dichiarata la pandemia

In un raro discorso dello Studio Ovale, Trump annuncia che la sua amministrazione sta intraprendendo “lo sforzo più aggressivo e completo della storia moderna per affrontare un virus straniero”.

Il numero di casi negli Stati Uniti ha superato le 1.000 unità e più di 116.000 persone sono infettate in tutto il mondo.

I mercati azionari negli Stati Uniti e nel Regno Unito stanno crollando più velocemente che mai dal crollo finanziario del 2008, presi dal panico per il virus e dalla guerra dei prezzi del petrolio saudita e russa.

I decessi in Italia aumentano di 168 unità in un solo giorno, la cifra più alta mai registrata. L’immagine di un’infermiera italiana esausta crollata sulla sua scrivania diventa virale. Il Paese sta affrontando la sua “ora più buia”, dice Conte.

L’OMS dichiara ciò che è diventato ovvio: Covid-19 è una pandemia.

La Gran Bretagna ha 456 casi, ma sta resistendo al tipo di arresti di massa che si stanno attuando altrove in Europa. Alle persone malate e vulnerabili viene consigliato di rimanere a casa, ma il governo è convinto che il costo della soppressione totale del virus sarà troppo alto in termini di libertà perse. Consentire la sua diffusione potrebbe anche “costruire una sorta di immunità del gregge in modo che più persone siano immuni a questa malattia”, Sir Patrick Vallance, il principale consulente scientifico inglese, lo dirà in seguito alla BBC.


  • Giorno 77
    Martedì 17 marzo
    Vita normale in attesa in tutto il mondo

Le nazioni europee si stanno isolando l’una dall’altra e il continente si sta isolando dal mondo. “Siamo in guerra”, dichiara il presidente francese Emmanuel Macron. I morti in Italia superano ormai le 450 morti al giorno e presto saranno superiori a quelli della Cina. I casi confermati in Spagna raddoppieranno fino a superare i 17.000 entro la fine della settimana. Tre quarti di coloro che sono morti per la malattia sono europei.

Ogni ora porta nuovi sviluppi: più casi, più morti e più restrizioni di movimento. Gli australiani d’oltreoceano ricevono una richiesta senza precedenti di tornare a casa il prima possibile. Ai francesi è vietato l’uso della bicicletta. Ai 40 milioni di residenti della California viene consigliato di non lasciare le loro case.

Downing Street si muove per rivedere urgentemente la sua strategia, compresa la costruzione dell’immunità del gregge, dopo aver modellato i terreni sulla scrivania di Boris Johnson, dimostrando che potrebbe costare mezzo milione di vite britanniche e mandare il servizio sanitario nazionale al tracollo.

In Burkina Faso, un ex vicepresidente del parlamento muore a causa del virus, la prima fatalità confermata di Covid-19 nell’Africa sub-sahariana. Entro la fine della settimana ci saranno 1.000 casi nel continente. Più di 160.000 casi sono stati confermati in tutto il mondo.


  • Giorno 83
    Lunedì 23 marzo
    La Gran Bretagna emette un ordine di blocco

I casi confermati in tutto il mondo hanno superato i 370.000, tra cui più di 6.600 britannici. In quello che si pensa sia uno dei momenti più seguiti nella storia della televisione britannica, Boris Johnson ordina la chiusura di tutte le attività non essenziali e sollecita il Paese: “Dovete restare a casa.” Quasi 400 morti in Spagna, il tasso giornaliero più alto finora. Si rivelerà il tasso più basso almeno per i prossimi quindici giorni.

Più di 5.000 nuovi casi sono stati confermati a New York, portando il totale dello stato a 20.000. Entro la fine della settimana gli Stati Uniti avranno il maggior numero di infezioni al mondo. L’ondata sembra in fase di regressione in Cina, che questa settimana ha registrato il suo primo giorno senza alcun caso di trasmissione interna, anche a Hubei, la provincia dove la malattia è comparsa per la prima volta.

L’indomani il primo ministro indiano, Narendra Modi, esorterà la sua nazione a “dimenticare cosa significa uscire” per le prossime tre settimane. L’ordine di blocco scatenerà una delle più grandi migrazioni umane attraverso il subcontinente da quando è stato diviso nel 1947, mentre i lavoratori cercano di tornare nei loro stati di origine. Significa che più di 3,5 miliardi di persone in tutto il mondo vivono ora sotto una qualche forma di quarantena.


  • Giorno 93
    Giovedì 2 aprile
    Passata un’altra triste pietra miliare

Verso le 20.40, il conteggio delle persone della Johns Hopkins University ha confermato che la Covid-19 ha superato 1 milione di persone, con più di 50.000 morti. Tra i malati c’è Boris Johnson, che dice di mostrare solo sintomi minori e di poter ancora presiedere alla risposta del governo britannico.

In Ungheria, il primo ministro, Viktor Orbán, ha ottenuto il potere di governare per decreto senza limiti di tempo.

In India, un secondo caso è stato scoperto a Dharavi, una vasta zona di baraccopoli a Mumbai e uno dei luoghi più densamente popolati della Terra, alimentando il timore che l’epidemia del Paese possa essere significativamente peggiore del conteggio ufficiale di 2.069 casi.

I decessi in Spagna superano i 950 in un solo giorno, il più alto mai registrato. Le cifre mostrano un record di 6,6 milioni di americani che hanno chiesto il sussidio di disoccupazione nell’ultima settimana, oltre agli oltre 3 milioni che lo hanno fatto la settimana precedente. Gli Stati Uniti hanno quasi un quarto di milione di casi e 6.000 morti. Gli ospedali da campo sono stati allestiti nel Central Park di New York, e i camion refrigerati sono stati utilizzati per immagazzinare i morti. Trump avverte che ci aspettano “due settimane molto, molto dolorose”.


  • Giorno 99
    Mercoledì 8 aprile
    Il futuro corso della pandemia è ancora sconosciuto

Boris Johnson rimane in ospedale, essendo stato ricoverato in terapia intensiva lunedì dopo che i suoi sintomi sono peggiorati.

In alcuni dei paesi europei più colpiti, le nuove trasmissioni e i decessi sono in calo. La Cina ha registrato il suo primo giorno con zero morti e sta riaprendo cautamente le città. Lo scorso sabato potrebbe essere stato il giorno più letale finora, con più di 6.500 morti in tutto il mondo. Ma con alcuni dei paesi più poveri e popolosi ancora ufficialmente relativamente incontaminati dal virus, è troppo presto per dirlo con certezza.

Singapore, che è stata celebrata per la sua rapida risposta, ha introdotto una rigorosa quarantena tra i segni di una possibile seconda ondata di infezioni. I vaccini sono stati accelerati, ma è improbabile che siano disponibili in massa per almeno 18 mesi.

Il Pakistan sta riaprendo il settore delle costruzioni. Con un quarto della sua popolazione in condizioni di povertà, il Paese cammina su una corda tesa tra il rallentamento del virus e “assicurarsi che la gente non muoia di fame e che la nostra economia non crolli”, dice il primo ministro, Imran Khan.

In tutto il mondo, oltre 75.000 persone sono morte e 1,3 milioni sono state infettate. Circa 270.000 sono guarite. Non c’è una strategia concordata su come riportare la vita alla normalità.


  • E i prossimi 100 giorni?

Vi sono alcune indicazioni provvisorie che “la curva si sta appiattendo” in Italia e Spagna, poiché il numero di nuovi casi diminuisce ogni giorno. Ma il Regno Unito e gli Stati Uniti finora sono sembrati essere circa due settimane indietro rispetto all’Italia nello sviluppo della malattia, quindi i loro giorni peggiori potrebbero essere ancora a venire.

 

Fonte: The Guardian

Leave a reply