Warning: Cookie names must not be empty in /home/customer/www/livepress.it/public_html/wp-content/plugins/rubik-extension/rubik-extension.php on line 254
Cos'è l'alopecia? Non è una cosa da ridere per milioni di donne nere americane - Livepress | Ultime notizie

Cos’è l’alopecia? Non è una cosa da ridere per milioni di donne nere americane

Danita Peoples, Clinical Associate Professor of Dermatology, Wayne State University
0
366

Lo schiaffo dell’Oscar che ha oscurato la cerimonia degli Academy Awards è stato innescato da una battuta sulla mancanza di capelli di Jada Pinkett Smith, con il marito Will Smith che si opponeva violentemente al comico Chris Rock che prendeva in giro la testa rasata dell’attrice.

A parte le recriminazioni su quella che potrebbe essere percepita come una burla meschina e una risposta sproporzionata , molte persone simpatizzeranno per Pinkett Smith. Come attestano milioni di donne negli Stati Uniti, la caduta dei capelli non è una cosa da ridere .

The Conversation ha chiesto al dermatologo Danita Peoples della Wayne State University’s School of Medicine dell’alopecia e perché alcune forme di essa possono colpire in modo sproporzionato le donne di colore .

1. Cos’è l’alopecia?

L’alopecia è una parola medica che si riferisce alla caduta dei capelli in generale. E ci sono descrittori aggiunti che possono riferirsi al luogo in cui si sta verificando la caduta dei capelli o alla sua causa. L’alopecia da trazione, ad esempio, è la caduta dei capelli dovuta a traumi o alterazioni infiammatorie croniche dei follicoli piliferi.

2. Quali sono le cause dell’alopecia?

L’alopecia da trazione si verifica quando c’è un trauma al cuoio capelluto, dove i capelli vengono tirati o strofinati regolarmente, causando infiammazione intorno ai follicoli piliferi. Questo può portare alla caduta o al diradamento dei capelli.

L’alopecia areata descrive la caduta dei capelli in un’area particolare. Ha diversi livelli di gravità, quindi potrebbe esserci solo un’area di perdita di capelli delle dimensioni di una moneta sul cuoio capelluto o potrebbe interessare aree estese. Può verificarsi in qualsiasi punto del corpo.

Oppure potrebbe causare la completa caduta dei capelli sul cuoio capelluto, alopecia totale. Alcune persone perdono le sopracciglia o vedono un diradamento delle ciglia.

Le persone possono anche avere l’alopecia universalis, che è una perdita di capelli su tutto il corpo.

L’alopecia areata è considerata un tipo di caduta dei capelli “immuno-mediata”. Il sistema immunitario sta attaccando i follicoli piliferi. Ha a che fare con i linfociti T , i globuli bianchi importanti nel sistema immunitario.

E poi altri disturbi autoimmuni possono essere associati a alopecia. Questa è la forma di alopecia che Jada Pinkett Smith ha detto di avere .

Il lupus è una malattia autoimmune che può portare alla caduta dei capelli. Un tipo è il lupus eritematoso sistemico. Un altro tipo, il lupus eritematoso discoide, colpisce principalmente la pelle e può causare la caduta dei capelli con cicatrici sul cuoio capelluto.

Anche le anomalie della tiroide possono essere correlate alla caduta dei capelli. Infatti, quando i pazienti vengono da me con la caduta dei capelli, il primo test che posso ordinare è uno studio della tiroide.

3. Chi colpisce?

Chiunque può avere l’alopecia. L’alopecia areata può manifestarsi a qualsiasi età, dai bambini agli adulti, sia negli uomini che nelle donne. Ma è più probabile che colpisca gli afroamericani rispetto ai bianchi o agli asiatici americani. Circa 1 milione di persone negli Stati Uniti hanno l’alopecia areata .

L’alopecia da trazione può colpire persone in determinate professioni, come le ballerine, che portano sempre i capelli raccolti in crocchia. Anche la pressione e l’attrito dei copricapi sportivi, come caschi o cappellini da baseball, possono causare la caduta dei capelli. E in alcune parti dell’Europa settentrionale, dove è comune per le persone tirare indietro i capelli regolarmente, ci sono tassi più elevati di alopecia da trazione.
L’ alopecia da trazione colpisce un terzo delle donne di origine africana, rendendola il tipo più comune di alopecia che colpisce le donne nere.

4. Perché l’alopecia da trazione è così comune tra le donne nere?

Questo è dovuto a certe pratiche di acconciatura che le donne nere usano sui loro capelli – indossando tessere strette o estensioni, lisciando con il calore, questo genere di cose. I capelli sono un grosso problema per le donne afroamericane in un modo che non lo è per altre. Quando stavo crescendo, i miei parenti più anziani dicevano a noi ragazze che i nostri capelli erano la nostra “corona di gloria”. E si preoccupavano molto di mantenere i nostri capelli eleganti e ben curati, e questo di solito significava lisciarli.

Ma credo che ci sia meno pressione di quella che c’era prima per le donne nere per tenerci i capelli lisci, sul posto di lavoro o altrove.

5. Come viene trattata l’alopecia?

Dipende dalla causa. Ci sono corticosteroidi iniettati o topici per l’alopecia areata. Se è dovuta a una carenza nutrizionale, come ferro o proteine, ovviamente bisogna semplicemente correggere le carenze con integratori o cambiando la dieta. Quando è causata dalla trazione o dal lupus discoide, se non si tratta l’infiammazione del cuoio capelluto abbastanza presto, la perdita di capelli può diventare permanente.

Quando si tratta di trazione, però, si tratta molto di più di eliminare le pratiche che causano il problema in primo luogo. Quello che sta accadendo ora è che più persone sono consapevoli degli aspetti negativi delle applicazioni chimiche o di calore per raddrizzare i capelli e stanno usando meno questi processi dannosi.

Una cosa che potrebbe aiutare è il CROWN Act, la legislazione introdotta lo scorso anno, che la Camera degli Stati Uniti ha approvato il 18 marzo 2022. Ciò renderebbe illegale discriminare le persone che indossano stili naturali, come afro e trecce, quindi spero che contribuirà a ridurre l’alopecia da trazione in futuro.

 

 

Foto Foto: Riproduzione/Instagram/@jadapinkettsmith

Danita Peoples, Clinical Associate Professor of Dermatology, Wayne State University
This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.

 

Comments are closed.