El Niño è in arrivo, le temperature degli oceani sono già a livelli record: questo può significare un disastro per pesci e coralli

0
297

I venti si stanno indebolendo lungo l’Oceano Pacifico equatoriale. Il calore si sta accumulando sotto la superficie dell’oceano. Entro luglio, la maggior parte dei modelli di previsione concorda sul fatto che il principale attore del sistema climatico – El Niño – tornerà per la prima volta dopo quasi quattro anni.

El Niño è una faccia della medaglia climatica chiamata Oscillazione El Niño-Sud, o ENSO.

Durante El Niño, una fascia di oceano che si estende per 6.000 miglia (circa 10.000 chilometri) verso ovest, al largo delle coste dell’Ecuador, si riscalda per mesi e mesi, in genere di 2-4 gradi Fahrenheit (circa 1-2 gradi Celsius). Pochi gradi possono sembrare pochi, ma in quella parte del mondo sono più che sufficienti per riorganizzare completamente i modelli di vento, precipitazioni e temperatura in tutto il pianeta.

Come El Niño influenza il pianeta

Non esistono due eventi El Niño esattamente uguali, anche se ne abbiamo visti abbastanza da permettere ai meteorologi di avere un’idea abbastanza precisa di ciò che potrebbe accadere.

La gente tende a concentrarsi sull’impatto di El Niño sulla terraferma, giustamente. L’acqua calda influenza le correnti d’aria che lasciano le aree più umide o più secche del solito. Può aumentare le tempeste in alcune aree, come gli Stati Uniti meridionali, mentre tende a ridurre l’attività degli uragani nell’Atlantico.

El Niño può anche creare scompiglio nei numerosi ecosistemi marini che sostengono l’industria ittica mondiale, tra cui le barriere coralline e le praterie di fanerogame.

In particolare, El Niño tende a innescare periodi intensi e diffusi di riscaldamento estremo degli oceani, noti come ondate di calore marino. Le temperature globali degli oceani sono già a livelli record, quindi le ondate di calore marine indotte da El Niño potrebbero portare molte attività di pesca sensibili a un punto di rottura.

Il problema delle ondate di calore marine

Un’onda di calore marina è proprio questo: un'”ondata” di calore estremo nell’oceano, non dissimile da un’ondata di calore atmosferico sulla terraferma.

Al minimo, le ondate di calore marine possono inondare baie e insenature locali con acqua più calda del normale per alcuni giorni o settimane. Quando sono più grandi, le ondate di calore marine, come il Northeast Pacific Warm Blob del 2013-2014, possono raggiungere proporzioni gigantesche, con regioni grandi tre volte il Texas che sperimentano temperature oceaniche da 4 a 6 F (circa 2 o 3 C) sopra la media per mesi o addirittura anni.

L’acqua calda potrebbe non sembrare un grosso problema, soprattutto per i surfisti che sperano di lasciare a casa la muta. Ma per molti organismi marini altamente adattati a specifiche temperature dell’acqua, le ondate di calore marine possono far sembrare la vita nell’oceano come una maratona.

Per esempio, alcuni pesci aumentano il loro metabolismo in acque calde a tal punto da bruciare energia più velocemente di quanto riescano a mangiare, e possono morire. Il merluzzo del Pacifico è diminuito del 70% nel Golfo dell’Alaska in risposta a un’ondata di calore marino. Altri impatti includono lo sbiancamento dei coralli, diffuse fioriture di alghe nocive, alghe decimate e un aumento degli spiaggiamenti di mammiferi marini. Complessivamente, ogni anno le ondate di calore marino causano perdite per miliardi di dollari negli Stati Uniti.

Le ondate di calore marine si scatenano per una serie di motivi. A volte le correnti oceaniche spostano l’acqua calda. A volte i venti di superficie sono più deboli del normale, con conseguente minore evaporazione sull’oceano e acque più calde. A volte i luoghi nuvolosi non sono così nuvolosi per alcuni mesi, il che lascia entrare più luce solare che riscalda l’oceano. A volte i venti più deboli e la diminuzione delle nuvole si verificano contemporaneamente, producendo ondate di calore marino da record.

Dove si colloca El Niño

Nel sistema climatico, El Niño è il re. Quando indossa la sua corona infuocata, l’intero pianeta ne prende atto e gli oceani non fanno eccezione. Ma la probabilità di un aumento dell’attività delle ondate di calore marine durante El Niño dipende da dove ci si trova.

Lungo la costa occidentale degli Stati Uniti, durante El Niño, i venti superficiali che normalmente soffiano da nord tendono a diminuire. Questo indebolisce l’evaporazione e rallenta l’upwelling delle acque più fredde e profonde. Questo aumenta le possibilità di ondate di calore marine costiere.

I pescatori peruviani hanno sopportato per secoli periodi di estremo riscaldamento degli oceani che allontanavano i pesci. Solo negli anni Venti del secolo scorso gli scienziati si sono resi conto che queste ondate di calore marine sudamericane erano collegate all’ENSO del Pacifico.

Nel Golfo del Bengala, a est dell’India, le interazioni tra El Niño e un modello di flusso d’aria tropicale noto come Circolazione Walker aumentano il rischio di ondate di calore marine.

Le ondate di calore dei fondali marini sono un altro rischio

Anche se quest’anno le ondate di calore marine non sono più evidenti sulla superficie dell’oceano, non significa che tutto vada bene.

In un recente studio, i miei colleghi e io abbiamo dimostrato che le ondate di calore marine si sviluppano anche lungo il fondale marino delle regioni costiere. In effetti, queste “onde di calore marine di fondo” sono talvolta più intense delle loro controparti di superficie. Possono anche persistere molto più a lungo. Ad esempio, un’ondata di calore marina di fondo del 1997-1998 al largo della costa occidentale degli Stati Uniti è durata altri quattro o cinque mesi dopo che le temperature oceaniche di superficie si erano già raffreddate.

Eventi di questo tipo possono essere collegati a El Niño e sottoporre a forte stress le specie che vivono sul fondo. Gli sbarchi di granchi del Mare di Bering sono diminuiti dell’84% nel 2018 dopo che un’ondata di calore marino ha raggiunto i fondali marini.

Siamo in acqua calda

Con El Niño all’orizzonte, cosa possiamo aspettarci per quest’anno?

La buona notizia è che i modelli di previsione stagionale sono in grado di prevedere abilmente le ondate di calore marino con tre o sei mesi di anticipo, a seconda della regione. E le previsioni tendono a essere più accurate durante gli anni di El Niño.

Le ultime previsioni indicano che diverse ondate di calore marine attive persisteranno fino a giugno-agosto, tra cui nel Pacifico settentrionale, al largo delle coste del Perù, a sud-est della Nuova Zelanda e nell’Atlantico settentrionale tropicale.

Le stesse previsioni indicano che El Niño si intensificherà nei prossimi sei-nove mesi, aumentando il rischio di ondate di calore marino tra gennaio e marzo del 2024 per la costa occidentale degli Stati Uniti, l’Oceano Indiano occidentale, la Baia del Bengala e l’Atlantico settentrionale tropicale.

Detto questo, queste previsioni sono abbastanza lontane da poter cambiare. Il tempo ci dirà se sono valide, ma faremmo bene a prepararci. El Niño sta arrivando.

 

Questo articolo è stato pubblicato su TheConversation
Traduzione per Livepress.it – Beatrice Privitera