Esperti d’arte italiani stupiti dal tumulto della statua del David in Florida

By Davide Ghiglione
0
241

Il museo fiorentino che ospita la statua del David di Michelangelo ha invitato insegnanti e studenti di una scuola della Florida a visitarlo, dopo il clamore suscitato da una lezione d’arte. Il preside della scuola si è dimesso dopo un reclamo per una lezione di prima media che includeva un’immagine della statua.

Un genitore aveva denunciato la “pornografia” dell’immagine.

Cecilie Hollberg, direttrice della Galleria dell’Accademia, ha ora rivolto l’invito alla classe.

Ha detto che il direttore dovrebbe essere “premiato, non punito”.

“Parlare di Rinascimento senza mostrare il David, un’icona indiscussa dell’arte e della cultura di quel periodo storico, non avrebbe senso”, ha dichiarato la Hollberg.

La controversia è iniziata quando il consiglio di amministrazione della Tallahassee Classical School – una scuola privata della capitale della Florida – ha fatto pressione sulla preside Hope Carrasquilla affinché si dimettesse dopo che tre genitori si erano lamentati di una lezione che includeva una foto della statua di marmo di 17 piedi nuda.

La statua, una delle più famose della storia occidentale, raffigura il biblico Davide che va a combattere Golia armato solo di una fionda e della sua fede in Dio.

Secondo quanto riferito, il consiglio ha preso di mira la signora Carrasquilla perché i genitori hanno affermato di non essere stati informati in anticipo che sarebbe stato mostrato un nudo, e un genitore ha definito la statua “pornografica”.

L’incidente ha lasciato sconcertati i fiorentini e gli esperti di arte rinascimentale.

Il David è considerato un capolavoro del Rinascimento italiano e un simbolo dei valori umanistici. È esposto nella Galleria dell’Accademia dal 1873.

La signora Hollberg si è detta “stupita”, affermando che pensare che la statua del David possa essere considerata pornografica significa non solo non comprendere la Bibbia, ma la stessa cultura occidentale.

“Non posso credere che sia successo davvero, all’inizio pensavo fosse una fake news, tanto era improbabile e assurda”, ha detto.

“Bisogna distinguere tra nudità e pornografia. Non c’è nulla di pornografico o di aggressivo nel David, è un ragazzo giovane, un pastore, che anche secondo la Bibbia non aveva abiti ostentati ma voleva difendere il suo popolo con quello che aveva”.

Anche il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha invitato l’insegnante che ha mostrato agli studenti l’immagine del David di Michelangelo a visitare la città e le sue opere d’arte.

“Scambiare l’arte per pornografia è semplicemente ridicolo”, ha twittato. “L’arte è civiltà e chi la insegna merita rispetto”.

In un’intervista alla rivista online Slate, Barney Bishop, presidente del consiglio scolastico, ha dichiarato che l’anno scorso il preside aveva inviato un avviso ai genitori per avvisarli che gli studenti avrebbero visto il David di Michelangelo, ma quest’anno non è stato fatto.

L’ha definito un “errore madornale” e ha detto che “i genitori hanno il diritto di sapere ogni volta che ai loro figli viene insegnato un argomento e un’immagine controversa”.

Secondo lo storico dell’arte fiorentino e rettore dell’Università per Stranieri di Siena, Tomaso Montanari, questo atteggiamento è “sconcertante”.

“In primo luogo c’è lo sconcerto per l’assenza di libertà educativa, che non dovrebbe essere limitata o manipolata dalle famiglie”, ha detto Montanari.

“D’altra parte, da un punto di vista culturale, il mondo occidentale ha la tendenza ad associare il fondamentalismo e la censura ad altre società, credendo di avere la capacità di diffondere gli ideali democratici in tutto il mondo.

“Ma questo arretramento culturale evidenzia chiaramente la presenza di opinioni fondamentaliste anche all’interno dell’Occidente”.

Mentre diversi genitori e insegnanti intendono protestare contro le dimissioni della signora Carrasquilla durante la riunione del consiglio scolastico, lei non è sicura che accetterebbe di nuovo il lavoro anche se le venisse offerto.

“C’è stata una tale controversia e un tale sconvolgimento”, ha detto in un’intervista all’Associated Press. “Dovrei davvero considerare: “È davvero la cosa migliore?””.

Tornata a Firenze, la signora Hollberg ha osservato: “Dalle maestose statue alle incantevoli fontane e ai dipinti, l’Italia trabocca di opere d’arte, non solo nei suoi musei, ma in tutte le sue città, piazze e strade, alcune delle quali presentano figure nude”.

“Questo le rende pornografiche? Dovrebbero essere chiuse intere città a causa delle rappresentazioni artistiche delle forme umane?”.

 

 

Questo articolo è stato pubblicato su BBC News
Traduzione per Livepress.it – Beatrice Privitera