I neonati bloccati a Kiev e le donne che partoriscono per soldi

0
106

Dozzine di bambini nati nella fiorente attività materna surrogata dell’Ucraina si trovano ancora nel paese poiché i loro genitori biologici provenienti dagli Stati Uniti e di altri paesi non possono viaggiare per “prenderli con se” dopo la nascita. Per ora sono le agenzie che hanno organizzato le nascite surrogate che si prendono cura di loro. Questi neonati non si trovano nella scuola materna di un ospedale di maternità, ma sono allineati uno accanto all’altro in due grandi sale di accoglienza dell’improbabile Hotel Venezia alla periferia di Kiev, protetto da mura esterne e filo spinato.

Sono i figli di coppie straniere nate da madri surrogate ucraine presso il BioTexCom Center for Human Reproduction di Kiev, la più grande clinica di maternità surrogata al mondo. Sono bloccati in hotel perché i loro genitori biologici non sono stati in grado di viaggiare dentro o fuori l’Ucraina da quando a marzo i confini sono stati chiusi a causa della pandemia di Covid-19. Ansiosi neo genitori controllano i bambini che non hanno ancora incontrato tramite videochiamate,  altri hanno inviato registrazioni audio per calmare i bambini.

A metà maggio il centro BioTexCom ha pubblicato i filmati dell’hotel per evidenziare il dilemma straziante dei  genitori e per fare pressioni per un allentamento delle chiusure dei confini. La difficile situazione dei bambini ha fatto notizia in tutto il mondo, ma un mese dopo, circa 50 bambini rimangono nell’hotel e questo ha acceso un duro riflettore sull’etica e le dimensioni del fiorente settore commerciale infantile in Ucraina.

Mykola Kuleba, difensore civico ucraino per i bambini, ha ora affermato che non è sufficiente riformare un sistema che ha descritto come una violazione dei diritti dei minori e che i servizi di maternità surrogata per le coppie straniere in Ucraina dovrebbero essere vietati. In un’economia a corto di liquidità molte donne povere, soprattutto nelle piccole città e nelle aree rurali, si stanno ancora mettendo in fila per soldi, anche se stanno pagando un pesante prezzo di salute e psicologico, credono gli attivisti.

A Vinnytsia, una città a sud-ovest di Kiev, Liudmyla sta ancora aspettando di ricevere il saldo delle sue tasse per aver dato alla luce una bambina per una coppia tedesca a febbraio. Scrive regolarmente la sua agenzia di maternità surrogata (non BioTexCom), che dice che le deve € 6.000 . “Continuano a dirmi che non possono inviare l’intera somma a causa del blocco”, dice.

Un album promozionale BioTexCom che mostra i clienti e i loro nuovi bambini
 (Nella foto un album promozionale BioTexCom che mostra i clienti e i loro nuovi bambini Fotografia: Anastasia Vlasova / Getty Images)

Non ci sono statistiche ufficiali, ma si stima che diverse migliaia di bambini nascano ogni anno da madri surrogate in Ucraina. L’80% di questi bambini è destinato a coppie straniere, che scelgono l’Ucraina perché il processo è legale ed economico. Sergii Antonov, un avvocato della fertilità, afferma che le agenzie surrogate ucraine si organizzano occasionalmente per far nascere i bambini all’estero perché ciò può facilitare il processo di registrazione delle nascite.

Il prezzo di un pacchetto di maternità surrogata in Ucraina parte da € 25.000, con la madre surrogata che riceve almeno € 10.000. I genitori designati sono generalmente tenuti a sposare coppie eterosessuali e avere la prova della diagnosi di infertilità. Le cliniche e le agenzie di maternità surrogata pubblicano i loro annunci sui giornali, sui trasporti pubblici o nei gruppi di social media.

Tetiana Shulzhynska, 38 anni, scrive a tali gruppi, cercando di convincere le donne a stare alla larga dalla maternità surrogata perché pensa che alcune di loro finiscano per pagare con la loro salute o addirittura la loro vita. “In un contratto, si proteggono solo i bambini, a loro non importa di noi”, dice, seduta su un letto nella sua piccola casa di legno a Chernihiv, nel nord dell’Ucraina.

Tetiana Shulzhynska passa attraverso la sua cartella clinica a casa sua a Chernihiv, nel nord dell'Ucraina( Fotografia: Anastasia Vlasova Tetiana Shulzhynska passa attraverso la sua cartella clinica a casa sua a Chernihiv, nel nord dell’Ucraina)

Yuriy Kovalchuk, un ex procuratore statale il cui ufficio ha supervisionato una serie di indagini penali su BioTexCom nel 2018 e nel 2019, afferma che almeno altre tre donne sono andate alle forze dell’ordine a seguito di gravidanze surrogate organizzate dalla società.

Dice che altre indagini hanno riguardato accuse di frode e persino un’inchiesta sulla tratta di esseri umani nel 2016, dopo che una coppia italiana ha scoperto nel 2011 che i bambini che avevano portato a casa non erano geneticamente figli loro. Kovalchuk è stato rimosso dal suo incarico l’anno scorso e ritiene che le indagini su BioTexCom si siano interrotte di conseguenza. Ha scritto all’ufficio del difensore civico a maggio delineando le sue preoccupazioni per la clinica.

Una coppia argentina incontra il figlio per la prima volta all'Hotel Venice(Nella foto Una coppia argentina incontra il figlio per la prima volta all’Hotel Venice. 
Fotografia: Sergei Supinsky / AFP / Getty Images)All’Hotel Venice, Albert Tochilovsky, il proprietario di BioTexCom, non nega che vi siano state confusioni con embrioni durante le procedure di maternità surrogata nel 2011 che hanno portato alle indagini sulla tratta di esseri umani.

Incolpa l’errore di una mancanza di esperienza quando la clinica aveva solo un anno e dice: “Non credo che siamo stati solo noi a fare errori qui. Se qualcuno inizia a controllare il DNA, ci saranno molti scandali. ”

Afferma che in almeno tre casi i genitori hanno respinto i bambini surrogati dopo che erano nati con problemi di salute. Il più noto di questi è il caso di Bridget, figlia di una coppia americana, nata nel 2016 e ora vive in un orfanotrofio a Zaporizhia, nell’Ucraina orientale. “È stata una tragedia per noi”, afferma Tochilovsky.

Albert Tochilovsky, il proprietario di BioTexCom
 ( Nella foto Albert Tochilovsky, il proprietario di BioTexCom. Fotografia: Sergei Supinsky / AFP via Getty Images)

 

Il sito Web della compagnia pubblicizza “le migliori madri surrogate” e Tochilovsky nega maltrattamenti nei confronti di qualsiasi donna o frode nella sua clinica. Respinge le affermazioni sul cancro di Shulzhynska come “assurdità” e afferma che l’azienda offre protezione contrattuale alle madri surrogate.

“Loro non hanno perso la loro salute a casa mia, è successo negli ospedali di maternità. La nostra clinica fa tecnologie di riproduzione, le altre procedure sono in corso nei centri statali… In molti casi paghiamo un risarcimento. Se un utero viene rimosso, paghiamo  per questo in base al contratto.”

Le madri surrogate si auto-organizzano sui social media, dove condividono consigli e avvertimenti sulle agenzie di maternità surrogata. Svitlana Sokolova, ex madre surrogata e ora attivista presso l’ONG Strength of Mothers, che aiuta i surrogati, afferma di aver iniziato a ricevere più lamentele su presunti maltrattamenti durante il blocco di Covid. Un gruppo di donne ha affermato che il loro contratto li ha obbligati a continuare a far impiantare embrioni nei loro grembi per un anno fino alla gravidanza. “Attraverso questo contratto, le donne sono diventate una specie di proprietà”, afferma.

Maryna Lehenka, avvocato presso La Strada Ucraina, afferma che la hotline dell’ente benefico riceve circa 100 telefonate all’anno da madri surrogate che si lamentano dello stress che subiscono dopo aver dato via bambini o problemi causati dagli ormoni che hanno preso per aumentare le possibilità di gravidanza. Ricorda un caso in cui una donna si nascondeva in un villaggio perché non voleva regalare un bambino surrogato.

Lehenka concorda che la maternità surrogata commerciale dovrebbe essere vietata in Ucraina. Sokolova, che è comproprietario di un’agenzia di maternità surrogata, sostiene invece un adeguato quadro giuridico che protegga i surrogati. “Altrimenti, andrà solo sottoterra.”

Nonostante le pressioni per la regolamentazione del business della maternità surrogata – ci sono diversi progetti di legge al parlamento – esperti e addetti ai lavori dubitano che importanti cambiamenti legali saranno presto apportati per frenare il business delle nascite. Tochilovsky afferma che se la maternità surrogata commerciale diventasse illegale, la sua clinica si concentrerebbe sulla donazione di embrioni. “Il futuro del mondo è nella biotecnologia e la maggior parte del denaro verrà destinata alle biotecnologie”, afferma.

Olga, che è alla sua seconda gravidanza surrogata, gemelle per una coppia cinese, aspetta in un appartamento in affitto a Kiev
 (Nella foto Olga, che è alla sua seconda gravidanza surrogata, gemelle per una coppia cinese, aspetta in un appartamento in affitto a Kiev. Fotografia: Anastasia Vlasova

L’unica preoccupazione di Olga è se i genitori biologici arriveranno prima della nascita dei gemelli. Altrimenti, dovrà prendersi cura dei bambini finché non verranno i genitori. Sokolova dice che alcuni surrogati hanno finito per prendersi cura dei loro bambini per mesi. Ricorda un caso in cui una madre surrogata ha adottato un bambino dopo che i genitori biologici lo avevano respinto all’ultimo momento.

Nel frattempo, i nuovi bambini nati da surrogati arrivano al BioTexCom quasi ogni giorno e vengono sistemati nella zona materna di fortuna dell’hotel. Un gruppo di coppie argentine e spagnole, alcune delle quali hanno viaggiato prima del blocco, hanno preso i loro bambini la scorsa settimana, ma non è ancora chiaro quando i confini dell’Ucraina riapriranno ufficialmente e in quali paesi.

Olha Pysana, un funzionario della  compagnia, World Center of Baby, ha affermato che la maternità surrogata è sicura e fornisce un servizio insostituibile alle coppie sterili. “Crediamo che le persone stiano cercando uno scandalo dal nulla”, ha detto la signora Pysana. “Tutti i bambini sono geneticamente legati ai genitori. Sfortunatamente, a causa di Covid, i genitori non sono qui in Ucraina “.

Comments are closed.