Il caso di Patrick Zaky fa eco a quello dello studente italiano assassinato Giulio Regeni

0
219

Patrick George Zaki, attivista e ricercatore egiziano di 27 anni, si trova dall’8 febbraio in detenzione preventiva nella città di Mansoura ed è previsto che vi resterà per almeno 15 giorni.

Laureato all’Università di Bologna, è stato arrestato all’aeroporto del Cairo durante una visita alla famiglia. Ricercatore in materia di genere e diritti umani presso l’Iniziativa egiziana per i diritti personali (EIPR) del Cairo, che ha dichiarato di essere stato prelevato di nascosto dall’aeroporto e interrogato presso le strutture dell’agenzia di sicurezza nazionale egiziana del Cairo e di Mansoura, la sua città natale.

“È stato picchiato, sottoposto a scosse elettriche, minacciato e interrogato su varie questioni legate al suo lavoro e al suo attivismo”, ha detto l’EIPR.  Le autorità italiane hanno rapidamente lanciato l’allarme sulla detenzione di Zaky. Il ministero degli Esteri ha detto all’Ansa che il ministro degli Esteri, Luigi di Maio, “ha seguito il caso da vicino e ha già preso contatto con l’ambasciata italiana al Cairo per ottenere informazioni sull’arresto dello studente”.

Secondo l’EIPR, Zaky è stato accusato di aver “danneggiato la sicurezza nazionale”, e altri, tra cui l’istigazione a protestare senza licenza, l’intenzione di rovesciare lo Stato, la diffusione di notizie false e la promozione del terrorismo. Il Servizio informazioni di Stato egiziano ha rilasciato una dichiarazione che cita una fonte di sicurezza senza nome, ribadendo che Zaky è un cittadino egiziano e che è stato arrestato per ordine di un’accusa di sicurezza dello Stato “che ha deciso di trattenerlo per 15 giorni in attesa delle indagini”.

Zaky ha parlato delle rappresaglie contro gli attivisti egiziani e la società civile nel 2018, raccontando all’agenzia di stampa italiana Dire: “Noi ci battiamo per i nostri attivisti, ma anche per Giulio Regeni, le istituzioni cercano di evitare che la gente ne parli”. Le proteste non sono permesse. Noi ONG siamo minacciati”.

Alessandra Ballerini, avvocato italiano della famiglia Regeni, ha rilasciato una dichiarazione congiunta con l’Associazione dei Dottorandi e Ricercatori in Italia, gli studenti dell’Università di Bologna e l’associazione studentesca Link.

“Ci uniamo alla nostra voce a quella della famiglia Regeni nel chiedere al governo di includere l’Egitto nella lista dei Paesi non sicuri e di convocare l’ambasciatore italiano d’Egitto in Italia per consultazioni”, hanno detto. “Con questo caso, l’Egitto dimostra ancora una volta la spietatezza della sua dittatura”.

Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International in Italia, ha dichiarato che le autorità italiane e universitarie hanno il dovere di proteggere Zaky. “È preoccupante che Zaky sia stato probabilmente spiato in Italia, dove ha fatto un master in studi di genere”, ha aggiunto. “Siamo preoccupati per questi 15 giorni di reclusione”. È una strategia che l’Egitto usa per mettere a tacere le persone che poi rimangono in prigione per mesi o anni, mentre il mondo le dimentica”.

 

(Foto: Giulio Regeni abbraccia Zaki e lo rassicura. Il murales di Laika a due passi dall’Ambasciata egiziana a Roma)

Comments are closed.