Il poliziotto accusato per l’omicidio di George Floyd rilasciato su cauzione di 1 milione di dollari

0
52

L’ex agente di polizia statunitense bianco, ripreso mentre premeva il ginocchio sul collo del signor Floyd per quasi otto minuti prima di morire il 25 maggio e accusato dell’omicidio di George Floyd, è stato rilasciato su cauzione.

Derek Chauvin ha pagato una cauzione di 1 milione di dollari ed è stato rilasciato mercoledì mattina, secondo i registri del tribunale. Chauvin, dopo essere stato licenziato si trovava nella prigione di massima sicurezza di Oak Park Heights, Minnesota, dalla fine di maggio. A giugno, un giudice ha fissato una cauzione di 1,25 milioni di dollari senza condizioni preliminari, o 1 milione di dollari con condizioni che includono che Chauvin non contatti la famiglia di Floyd, consegni le armi da fuoco e non lavori nelle forze dell’ordine o nella sicurezza in attesa del processo.

I registri del tribunale hanno dimostrato essere garantiti da un’agenzia di cauzione, ha riferito la CBS Minnesota.

Negli Stati Uniti, infatti, gli intermediari di cauzione promettono di pagare alle autorità l’intero importo della cauzione per gli imputati se non possono permettersi di farlo o non si presentano in tribunale.

La morte del signor Floyd ha portato a proteste globali e a richieste di riforma della polizia, stimolate dal movimento Black Lives Matter.

Chauvin ora attende il processo nel marzo del prossimo anno con l’accusa di omicidio di secondo grado e omicidio colposo. Altri tre agenti – J Alexander Kueng, Thomas Lane e Tou Thao – sono stati licenziati con l’accusa di concorso in omicidio.

Tutti e quattro gli ufficiali accusati in relazione all’uccisione del signor Floyd a Minneapolis, Minnesota, hanno ora pagato la cauzione e sono liberi fino al processo dell’anno prossimo.

Il signor Chauvin è stato rilasciato poco prima delle 11:30, ora locale (17:30 GMT) di mercoledì, secondo l’ufficio dello sceriffo della contea di Hennepin.

Ben Crump, un avvocato per i diritti civili che rappresenta la famiglia del signor Floyd, ha detto che il rilascio su cauzione del signor Chauvin è stato un “doloroso promemoria” che “siamo ancora lontani dall’ottenere giustizia per George”.

“Sebbene a George Floyd sia stata negata la giustizia in vita, non avremo pace finché non gli sarà data piena giustizia nella morte”, ha commentato Crump alla BBC.

Attualmente, tutti e quattro gli ufficiali accusati sono programmati per affrontare insieme il processo a marzo, ma un giudice sta considerando di processarli separatamente. L’evento che ha portato al loro processo ha evidenziato profonde ferite per la disuguaglianza razziale negli Stati Uniti.

Le manifestazioni della Black Lives Matter – alcune delle quali violente – sono diventate una questione politica centrale nella corsa alle elezioni presidenziali di novembre negli Stati Uniti.

 

Comments are closed.