Iran: decine di studentesse portate in ospedale per avvelenamento

0
125

Decine di studentesse sono state ricoverate in ospedale dopo un misterioso avvelenamento in Iran. Le autorità iraniane stanno indagando su una pista specifica, secondo cui diverse studentesse sono state avvelenate come “vendetta” per il ruolo svolto dalle giovani donne nelle recenti proteste contro l’hijab obbligatorio.

Il Viceministro dell’istruzione iraniano, Younes Panahi, ha detto ieri ai giornalisti: “Dopo l’avvelenamento si è scoperto che molti volevano che tutte le scuole, specialmente quelle femminili, fossero chiuse, i composti chimici usati non sono prodotti chimici di guerra e una grande percentuale degli agenti chimici sono curabili”.

L’agenzia ha riferito che finora 35 studenti sono stati trasferiti in ospedale, aggiungendosi alle centinaia di casi di avvelenamento da novembre in almeno altre due città. Gli avvelenamenti arrivano dopo più di cinque mesi di proteste diffuse in tutto l’Iran per la morte della 22enne Mahsa Amini dopo il suo arresto per una presunta violazione del codice di abbigliamento femminile del Paese. Domenica, gli studenti di una scuola femminile di Borujerd sono stati portati d’urgenza in ospedale dopo un incidente simile, il quarto nella città occidentale nell’ultima settimana.

Gli attivisti hanno paragonato i responsabili dei presunti attacchi ai talebani in Afghanistan e Boko Haram nel Sahel, che si oppongono all’istruzione delle ragazze. Il 14 febbraio, i genitori degli studenti ammalati si erano riuniti fuori dal governatorato di Qom per “chiedere spiegazioni” alle autorità, ha riferito IRNA. Il giorno successivo, il portavoce del governo, Ali Bahadori Jahromi, ha affermato che i ministeri dell’intelligence e dell’istruzione stanno cercando di stabilire la causa degli avvelenamenti.

Martedì, l’ex vicepresidente riformista iraniano Massoumeh Ebtekar ha espresso il suo rammarico per la “reiterazione del reato di avvelenamento di ragazze” e ha invitato le autorità “a porre fine ai fanatici misogini una volta per tutte”.