La disperazione delle giovani donne afghane: “La mia identità andrà persa”

0
234

Mentre una città dopo l’altra cade nelle mani dei talebani, le donne temono che le libertà conquistate dal 2001 saranno distrutte.

Per decenni, il tradizionale burqa afgano, venduto per lo più nei toni del blu, è stato sinonimo dell’identità delle donne afgane in tutto il mondo. Solitamente realizzato in tessuto pesante, è specificamente progettato per coprire chi lo indossa dalla testa ai piedi. Un tessuto a rete viene posizionato vicino agli occhi in modo che la donna all’interno possa sbirciare attraverso le maglie ma nessuno possa vedere all’interno. È stato applicato rigorosamente durante il regime dei talebani alla fine degli anni ’90 e non indossarne uno in pubblico per le donne si traduceva in punizioni severe e frustate pubbliche da parte della “polizia morale” dei talebani.

Dopo la caduta dei talebani nel 2001, anche se molte donne hanno scelto di continuare ad indossare il burqa, in aderenza a credenze religiose e tradizionali, il suo rifiuto da parte di milioni di altre donne in tutto il Paese è diventato il simbolo di una nuova alba. Oggi ci sono burqa nelle strade del centro di Kabul, ma ci sono anche le donne vestite in una serie di stili diversi, molti dei quali mescolano materiali tradizionali con modelli moderni e ispirazioni alla moda di tutta la regione.

Le donne afgane sono tra le donne più naturalmente eleganti al mondo“, afferma Fatimah, artista e fotografa di moda. “Quando vai per le strade di Kabul oggi vedi questo incredibile mix di tessuti diversi e cenni a tradizioni secolari mescolate a stili e ispirazioni molto moderne. È questo bellissimo spirito creativo che era semplicemente pieno di speranza per il futuro“.

Ora l’avanzata apparentemente inarrestabile dei talebani ha visto ancora una volta il burqa tirato fuori da polverosi magazzini e armadi da donne che ricordano la vita sotto il governo dei militanti.

La scorsa settimana nella città di Herat, mentre le forze talebane si ammassavano per la città, donne anziane come Fawzia, 60 anni, stavano facendo scorta per le donne più giovani della sua famiglia.

 

Fawzia ricorda la realtà di vivere come una donna sotto i talebani due decenni fa.

Tutte noi donne anziane abbiamo parlato di quanto fosse difficile essere una donna ai vecchi tempi“, ha detto. “Allora vivevo a Kabul e ricordo come picchiavano le donne e le ragazze che lasciavano le loro case senza il burqa“.

Poco dopo la caduta della città, una dichiarazione dei talebani è circolata online e tra i cittadini di Herat si informava che indossare il burqa era ormai obbligatorio in tutti gli spazi pubblici.

A Kabul, un senso di dolore e panico ha travolto le donne della capitale afghana. Con due terzi della popolazione sotto i 30 anni, la maggior parte delle donne qui non ha mai vissuto sotto il controllo dei talebani.

In alcune famiglie, il burqa ha scatenato conflitti intergenerazionali divisivi. I genitori della 26enne Habiba implorano lei e le sue sorelle di indossare un burqa prima che i talebani entrino in città.

Mia madre dice che dovremmo comprare un burqa. I miei genitori hanno paura dei talebani. Mia madre pensa che uno dei modi per proteggere le sue figlie sia far indossare loro il burqa“, dice.

Ma non abbiamo burqa in casa nostra e non ho intenzione di comprarne uno. Non voglio nascondermi dietro un panno simile a una tenda. Se indosso il burqa, significa che ho accettato il governo dei talebani. Ho dato loro il diritto di controllarmi. Indossare un chador è l’inizio della mia pena di prigionia in casa mia. Ho paura di perdere i traguardi per cui ho lottato così duramente“.

Habiba è una studentessa universitaria, con tutta la vita davanti. Ci sono già notizie di ciò che i talebani stanno facendo alle donne nelle aree che ora controllano: limitare la loro libertà di movimento e cercare coloro che hanno condotto una vita pubblica.

Habiba racconta che lei, come molte donne a Kabul, è preoccupatissima per ciò che sarà.

“Sto alzata fino a tarda notte, a volte fino all’una o alle due del mattino, preoccupandomi di cosa accadrà. Ho paura che, poiché sto rifiutando il burqa, presto dovrò restare a casa e perderò la mia indipendenza e libertà.

“Ma se accetto il burqa, eserciterà potere su di me. Non sono pronta a lasciare che ciò accada”.

Molte giovani donne a Kabul provano lo stesso senso conflittuale di disperazione e sfida . Amul, modella e stilista, ha lavorato per anni per creare una piccola impresa e ora vede che si sta dirigendo verso l’obliterazione.

Tutta la mia vita è stata dedicata al tentativo di mostrare la bellezza, la diversità e la creatività delle donne afghane“, afferma. Per tutta la vita, dice, ha combattuto contro l’immagine della donna afghana come una figura senza volto con un burqa blu. “Non avrei mai pensato di indossarne uno, ma ora non lo so.

“È come se la mia identità stesse per essere cancellata”.

 

 

di Humanity United

Foto: Donne che passano davanti a un cartellone di un salone di bellezza a Kabul.
Fotografia: Sajjad Hussain/AFP/Getty Images

Comments are closed.