La ricerca è la prova più forte della probabilità che i vaccini funzionino per lunghi periodi.

I ricercatori hanno rivelato che le persone che sono state infettate dal virus COVID-19 hanno una memoria immunitaria per proteggersi dalla reinfezione per almeno otto mesi. La ricerca è la prova più forte della probabilità che i vaccini contro il virus, SARS-CoV-2, funzioneranno per lunghi periodi.
0
234

Sono trascorsi 40 anni dall’eradicazione del vaiolo, una delle malattie virali più devastanti che abbiano mai colpito l’umanità e debellata con successo dagli sforzi umani. Se non iniziamo a costruire l’alfabetizzazione sui vaccini e a ripristinare la fiducia del pubblico nella scienza, non possiamo sperare di contenere questa pandemia “.

La ricerca è la prova più forte della probabilità che i vaccini contro il virus, la SARS-CoV-2, funzionino per lunghi periodi. In precedenza, molti studi hanno dimostrato che la prima ondata di anticorpi contro il coronavirus è diminuita dopo i primi mesi, sollevando il timore che le persone possano perdere rapidamente l’immunità. Questo nuovo lavoro dissipa queste preoccupazioni.

Lo studio è il risultato di una collaborazione multicentrica guidata dal professor associato Menno van Zelm, del Dipartimento di Immunologia e Patologia della Monash University, con l’Alfred Research Alliance tra la Monash University, l’ospedale Alfred e il Burnet Institute, e pubblicato sulla rivista Science Immunology.

I ricercatori hanno reclutato una coorte di 25 pazienti COVID-19 e hanno prelevato 36 campioni di sangue da loro dal 4° giorno dopo l’infezione al 242° giorno dopo l’infezione.

Come per altri studi – guardando solo alla risposta immunitaria – i ricercatori hanno trovato che gli anticorpi contro il virus hanno iniziato a diminuire dopo 20 giorni dopo l’infezione.

Tuttavia – cosa importante – tutti i pazienti hanno continuato ad avere cellule B della memoria che hanno riconosciuto uno dei due componenti del virus SARS-CoV-2, il picco e le proteine nucleocapside. Queste cellule della memoria B specifiche del virus erano stabilmente presenti fino a otto mesi dopo l’infezione.

Secondo l’Associate Professor van Zelm, i risultati danno speranza all’efficacia di qualsiasi vaccino contro il virus e spiegano anche perché ci sono stati così pochi esempi di reinfezione vera e propria tra i milioni di persone che sono risultate positive al virus a livello globale.

“Questi risultati sono importanti perché dimostrano, in modo definitivo, che i pazienti infettati dal virus COVID-19 mantengono di fatto l’immunità contro il virus e la malattia”, ha detto.

“Questa è stata una nuvola nera che incombe sulla potenziale protezione che potrebbe essere fornita da qualsiasi vaccino COVID-19 e dà la reale speranza che, una volta sviluppati uno o più vaccini, essi forniranno una protezione a lungo termine”.

Fonte Science Daily

 

Comments are closed.