La Spagna approva l’eutanasia, in vigore a Giugno

0
304

Il 18 marzo il parlamento ha approvato in via definitiva, con 202 voti a favore e 141 contrari, la legalizzazione dell’eutanasia, che entrerà in vigore a giugno. La legge prevede che chi ha “una malattia grave e incurabile” o soffre di “dolori cronici che causano una situazione d’invalidità” possa chiedere l’aiuto del personale medico per mettere fine alla propria vita evitando “sofferenze intollerabili”. La Spagna diventa così il quarto paese europeo a legalizzare l’eutanasia dopo Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo.

Con l’approvazione della norma, la Spagna si unisce a un breve gruppo di paesi in cui l’eutanasia è regolamentata. In Portogallo, la Corte costituzionale si è opposta alla legge, mentre in Colombia la pratica è legale, secondo una sentenza della Corte costituzionale, ma non è regolamentata. In Nuova Zelanda la legge dovrebbe entrare in vigore a novembre. In alcune parti degli Stati Uniti e dell’Australia la pratica è consentita.

La relatrice della legge, l’ex ministro della Salute con il PSOE María Luisa Carcedo, afferma che la legge è “estremamente garante, in questo paese, contrarre una malattia degenerativa terminale sembra essere un crimine. La sentenza che ti impongono è una fine crudele e dolorosa priva di ogni integrità e dignità ”. Il presidente dell’associazione Right to Die with Dignity (DMD), Javier Velasco, ha dichiarato questo giovedì che la legge “salverà molte persone da molte sofferenze. Saranno richieste poche eutanasie, ma la legge gioverà a tutta la società ”. Nei paesi in cui l’eutanasia è legale, la sua pratica rappresenta tra l’1% e il 4% di tutti i decessi annuali.

Pareri contrari

PP, UPN e Vox, invece, affermano che se venisse approvata una legge palliativa, la legge sull’eutanasia non sarebbe necessaria. Lourdes Méndez, della formazione di estrema destra, ha affermato che la legge impianta “la cultura dello scarto e della morte”. Per il popolare portavoce, José Ignacio Echániz, “l’eutanasia non è richiesta dall’autonomia, ma dalla dipendenza e dalla fragilità”, e quando vengono curati “il desiderio di morire scompare”. A cui Joseba Agirretxea (PNV) ha risposto che “non tentare di ingannare la società”, alludendo al fatto che la regolamentazione dell’eutanasia non è incompatibile con le cure palliative.

Echániz ha anche assicurato che la legge non ha alcun sostegno sociale. Ma tutti i sondaggi, compresi quelli diretti a medici e infermieri, mostrano un sostegno maggioritario, ha risposto Sara Giménez, di Ciudadanos. L’ultima di Metroscopia, del 2019, dell’87%. Giménez ritiene che la legge “rappresenti un progresso molto importante nel diritto di decidere di coloro che soffrono”. Carolina Telechea (ERC) ha iniziato il suo intervento: “Sono padrona della mia vita, ma anche della mia morte”. Vox ha annunciato che farà ricorso contro la norma dinanzi alla Corte costituzionale e ha avvertito che se arriverà al potere la abrogherà.

Tagsspagna

Comments are closed.