La visione del Guardian sulla morte di George Floyd: una svolta?

Le proteste a livello nazionale a seguito del brutale soffocamento di un uomo nero disarmato a Minneapolis potrebbero essere un momento decisivo nella politica razziale americana. 
0
106

“Io non voglio vederlo su una maglietta proprio come gli altri ragazzi.”
Queste le parole del fratello di George Floyd, Philonese, durante una telefonata della scorsa settimana con Joe Biden, il candidato presidenziale dei democratici.

Ogni afroamericano avrà capito subito cosa voleva dire. Trayvon Martin, Eric Garner, Michael Brown, Walter Scott e ora Floyd: la litania di nomi di uomini di colore morti per aver incontrato il poliziotto sbagliato al momento sbagliato continua ad allungarsi.

Le riprese video, nei casi di Garner e Scott, hanno rivelato al mondo la brutalità casuale e inconcepibile con cui gli è stata tolta la vita. L’uccisione del diciassettenne Martin da parte di un osservatore della comunità della Florida e la decisione di una giuria di assolvere il suo assassino hanno portato alla creazione del movimento Black Lives Matter.

Ma la settimana scorsa è stato ancora possibile, in America, che un agente di polizia bianco si sia inginocchiato per quasi nove minuti sulla trachea di un Floyd disarmato – in pieno giorno – schiacciandogli il respiro e la vita.

La portata delle proteste per l’uccisione di Floyd – che ha infranto il coprifuoco e sfidato le truppe della guardia nazionale, in sei giorni e in quasi 40 città americane – suggerisce che questa morte potrebbe essere un punto di svolta. I tentativi di liquidare i partecipanti come semplici rivoltosi senza legge, o “anarchici” fuori dallo Stato, secondo le parole del presidente Trump, hanno intenzionalmente travisato quella che è stata un’espressione di massa di repulsione e furia.

Sullo sfondo di un bilancio di oltre 100.000 morti di Covid-19, si profila ora un momento pericoloso per l’America. Molto prima della morte di Floyd, il Covid-19, che colpisce in modo sproporzionato i meno abbienti, aveva brutalmente esposto la linea di faglia razziale che ancora attraversa il panorama sociale degli Stati Uniti. La pandemia, gestita in modo caotico da Trump, ha ucciso afroamericani a un ritmo quasi tre volte superiore a quello dei bianchi americani.

La devastazione economica provocata dalla malattia ha spinto il tasso di disoccupazione vicino al 20%, al pari della Grande Depressione. Anche in questo caso, le ricadute hanno colpito in modo sproporzionato gli afroamericani.

È la grande sfortuna degli Stati Uniti in un momento come questo di essere guidati da un presidente che semina divisione come una questione di strategia politica. Arroccato, ora letteralmente, alla Casa Bianca, il presidente ha twittato la settimana scorsa: “Quando iniziano i saccheggi, iniziano le sparatorie.” Le parole riecheggiarono quelle di un famigerato capo della polizia di Miami durante i disordini razziali del 1967.

Erano indegne di un politico che ricopriva una qualsiasi carica, per non parlare di quella della presidenza.

Dalla sua difesa dei marciatori di estrema destra a Charlottesville all’abuso dei giocatori di calcio neri che si rifiutano di battersi per l’inno nazionale, Trump ha esacerbato la divisione razziale e l’ha sfruttata per sostenere la sua base di elettori bianchi. Da qui a novembre, c’è il pericolo che il presidente tenti di agire secondo il tono autoritario del suo discorso d’insediamento del 2017, quando ha parlato di eliminare la “carneficina americana” nei centri urbani del Paese.

Gli americani devono sperare che i manifestanti degli ultimi giorni non rispondano in natura a tali provocazioni. Il rapper Killer di Atlanta Mike ha esortato coloro che marciano attraverso gli Stati Uniti ad assumere procuratori, uffici del sindaco, capi e vicecapi della polizia nelle cabine elettorali, e a sfidare quelle strutture locali di potere giudiziario e civile, dove il razzismo sistemico prospera ancora.

Una nuova generazione di politici, informata dalla cultura e dalle intuizioni di movimenti come Black Lives Matter, sarà chiamata a seguire con successo questa strategia. Potrebbero trovare alleati in agenti di polizia come quelli del New Jersey che hanno marciato con i manifestanti, o il capo della polizia di Atlanta che ha condannato l’uso dei taser da parte dei suoi agenti ed è scesa in strada per ascoltare i manifestanti.

 

 

 

 

Questo articolo è stato pubblicato da The Guardian

Comments are closed.