L’attacco alla coppia gay a Roma spinge alla richiesta di una legge contro l’omofobia

0
881

Jean Pierre Moreno è stato preso a pugni e calci da un uomo in una stazione della metropolitana di Roma dopo aver baciato il suo ragazzo, L’incidente è stato ripreso in video e condiviso domenica notte dai gruppi di attivisti Gaynews e Gaynet Roma. Moreno ha detto a Gaynews: “Mentre io e il mio ragazzo ci stavamo baciando, improvvisamente abbiamo sentito un uomo gridare dall’altro binario: ‘Cosa stai facendo? Non ti vergogni? ‘”L’uomo ha poi attraversato i binari per attaccare la coppia. Un disegno di legge a lungo atteso che renderebbe la violenza contro le persone LGBT e le persone disabili, così come la misoginia, un crimine d’odio è stato approvato dalla camera bassa del parlamento italiano a novembre nonostante mesi di proteste da parte di gruppi di destra e cattolici.

La legge, redatta da Alessandro Zan, senatore del Partito Democratico (PD) di centrosinistra, sarebbe un’estensione di una legge esistente che punisce la violenza razzista, l’odio e la discriminazione.

I gruppi per i diritti umani ricevono centinaia di denunce di crimini ispirati dall’odio ogni anno, ma molti rimangono impuniti. Sebbene l’Italia abbia approvato le unioni civili omosessuali nel 2016 , il paese è rimasto indietro rispetto ai suoi partner dell’UE nella creazione di misure anti-omofobia. I tentativi di vari governi negli ultimi tre decenni di emanare una legge simile sono stati soffocati o sabotati, con qualsiasi progresso o anche solo un dibattito significativo ostacolato da una cultura macho, dal cattolicesimo e dal sostegno ai partiti di estrema destra.

“Speriamo vivamente che la legge venga approvata in quanto è assolutamente necessaria”, ha detto al Guardian Luisa Rizzitelli, attivista LGBT,  la pressione deve essere aumentata, altrimenti ci sarà la tentazione di spingere la legge in fondo alla fila “.