Le donne pioniere che sono entrate in ingegneria negli anni ’70 riflettono su cosa è cambiato e cosa no

0
49

L’ingegneria negli Stati Uniti è stata a lungo – e continua ad essere – una professione dominata dagli uomini. Cinquant’anni fa, sembrava che questo potesse cambiare.

Nel 1970, la percentuale di donne che si laureavano in ingegneria era meno dell’1%. Nel 1979, quel numero era del 9%. Molti speravano che le donne avrebbero continuato ad entrare nel campo allo stesso ritmo. Ma non è quello che è successo. Oggi, solo il 21% dei laureati in ingegneria sono donne, un numero ampiamente invariato dal 2000.

Sono uno storico che, insieme ai miei colleghi, Nicole Conroy e William Barr II, ha intervistato 251 donne ingegnere che si sono laureate nel 1970. Queste donne pioniere hanno riflettuto sulle avversità che hanno affrontato – e hanno avuto consigli per le donne che entrano nel campo oggi.

Mai abbastanza uno del gruppo”.

Abbiamo chiesto quali sono le più grandi sfide che le nostre intervistate hanno affrontato come donne in un campo dominato dagli uomini. I tre ostacoli che hanno citato più frequentemente sono stati: non essere rispettate, non adattarsi e lottare per raggiungere l’equilibrio tra lavoro e famiglia.

Una partecipante al sondaggio, un ingegnere biomeccanico che ora lavora nell’ingegneria web, ha spiegato: “La più grande sfida per me è stata continuare a credere in me stessa, quando tutti i messaggi che ricevevo erano che non sarei mai stata presa sul serio o promossa o mi avrebbero dato aumenti – o anche assunta – alla stessa velocità degli uomini, che erano chiaramente meno qualificati e non così intelligenti come me“.

Un ingegnere chimico che lavorava nel settore manifatturiero è d’accordo: “Devi dimostrare quanto vali solo perché sei donna. E devi lavorare il doppio!”.

Al lavoro nel laboratorio Kodak, 1977. Society of Women Engineers Photographs, Walter P. Reuther Library
Un ingegnere civile ha detto: “Siamo ‘donne ingegnere’. La gente non si riferisce ad un uomo come ad un ‘uomo ingegnere’ – è un ingegnere. Ci viene costantemente ricordato che non ci apparteniamo veramente”. Un altro ingegnere civile ha dichiarato: “A molti livelli, non sei mai del tutto parte del gruppo“.

Le donne hanno anche parlato delle responsabilità di cura della famiglia. Un vicepresidente in pensione di un’importante azienda chimica ha dichiarato: “Le giovani donne ingegnere sono alla pari finché non hanno figli, poi lottano per bilanciare lavoro e famiglia – e competere con gli uomini che non hanno gli stessi vincoli di tempo o una vita familiare impegnata”. Un’altra donna che lavorava come chimico ha avvertito che i capi danno per scontato che “te ne andrai non appena inizierai ad avere figli“.

Ricordate che le donne che abbiamo intervistato hanno tutte più di 60 e 70 anni.

Abbiamo chiesto loro se pensavano che le sfide da affrontare fossero cambiate nel tempo. Un ingegnere chimico e ambientale in pensione ha detto: “Il progresso è lento” – un’opinione condivisa da molti partecipanti al sondaggio. Un ingegnere nucleare ha aggiunto: “Rimane ancora un vecchio club di ragazzi … Non è così evidente o così grossolano come quando ho iniziato, ma esiste ancora“.

Alcuni hanno notato che forme sottili di discriminazione e pregiudizi possono essere davvero dannose. Un ingegnere con una lunga carriera nell’industria automobilistica ha detto: “Il pregiudizio può essere abbastanza sottile, e questo danneggia davvero le giovani donne, perché possono impiegare anni per riconoscerlo, e a quel punto possono aver perso molto terreno“.

Circa un quarto degli intervistati ha detto che i problemi di genere non esistono più.

Un ingegnere di progetto senior ha detto: “Oggi, le giovani donne ingegnere sono più accettate soprattutto perché ce ne sono di più. È più facile mettere un piede nella porta. Gli ingegneri maschi più giovani sono anche abituati a lavorare con le donne perché sono andati a scuola con loro“.

 

Consigli alle giovani donne che entrano in ingegneria

Nonostante l’identificazione delle sfide, la maggior parte dei partecipanti al sondaggio ha detto che direbbe a una giovane donna che sta pensando di intraprendere una carriera in ingegneria: “Buttati!

Black and white photo of a woman in a hard hat at the controls in a large control room.

Molte delle donne hanno decantato i benefici della carriera che hanno scelto. Una manager di programma nel settore manifatturiero ha dichiarato che “a mani basse” l’ingegneria è la migliore laurea. Un ingegnere meccanico che possedeva la sua società di consulenza ha detto: “Ti darà la flessibilità per fare quasi tutto. È quasi impossibile indicare qualcosa di tangibile che un ingegnere non abbia toccato o influenzato in qualche modo. È anche soddisfacente vedere gli effetti di ciò che hai fatto”.

Alcuni partecipanti al sondaggio hanno suggerito che le donne più giovani potrebbero aver bisogno di ignorare gli ostacoli. Un ingegnere aerospaziale in pensione ha consigliato: “Puoi fare il lavoro. Tuttavia ci vuole forza e perseveranza per farlo ignorando gli oppositori”.

Gli intervistati avevano anche consigli pratici per le donne più giovani che iniziano la professione. Hanno sottolineato l’uso di alcuni approcci che hanno funzionato per loro. Questi includono parlare per se stesse, uscire dai luoghi di lavoro che non le supportano, cercare organizzazioni professionali che possano aiutarle, trovare mentori di tutti i generi e raggiungere altre donne ingegnere.

Foto in bianco e nero di sei giovani donne che chiacchierano informalmente mentre partecipano ad una conferenza.
I membri discutono una sessione alla Society of Women Engineers National Convention del 1981 ad Anaheim, California. Society of Women Engineers Photographs, Walter P. Reuther Library
Un ingegnere nucleare in pensione ha detto: “Usa la ‘Old Girls’ Network’ – esiste… Non isolarti. Non sei l’unica con il tuo problema”. Parte di una lotta più grande
In effetti, i problemi che i nostri intervistati hanno affrontato erano e sono strutturali. L’ingegneria rimane dominata dagli uomini a causa di molti fattori comuni in altri campi STEM. Questi includono pregiudizi e stereotipi di genere, impostazioni educative e luoghi di lavoro dominati dagli uomini, e molestie sessuali.

Le sfide per le donne dei gruppi sottorappresentati, come le persone di colore, le persone con disabilità e le persone con identità LGBTQ, sono ancora maggiori.

Come ha detto un professore di ingegneria chimica, “Le leggi e gli atteggiamenti sono cambiati in modo significativo … Tuttavia, questi cambiamenti non sono senza contraccolpi o spinte. Imparare a far fronte a questo è in corso, non solo per le donne, ma per tutti gli ‘estranei’ in questa professione”.

 

 

Foto in bianco e nero di una donna con un elmetto ai comandi in una grande sala di controllo.
Al lavoro nella sala di controllo della Con Edison 74th St. Station, New York, 1975. Society of Women Engineers Photographs, Walter P. Reuther Library

Fonti: The Converttion

Comments are closed.