Luca Parmitano: “Mi scuso, con umiltà, per l’errore e per le conseguenze (del tutto inaspettate): me ne assumo ogni responsabilità

0
593

Nelle ultime ore si è diffusa la notizia che Luca Parmitano e la sua equipe sapevano dell’esistenza del coronavirus già da Novembre, ovvero prima ancora che la Cina annunciasse pubblicamente il diffondersi dell’epidemia. Diverse le ipotesi di complotto. Il sospetto è che Astro Luca fosse già stato informato dall’Intelligence americana e quindi che i governi conoscessero la pericolosità del Covid, ma nessuno avrebbe preso provvedimenti.

Luca Parmitano, con un lungo post su Facebook , risponde  e spiega chiaramente l’equivoco, un errore umano.

“È stato portato alla mia attenzione un errore da me commesso durante un’intervista rilasciata a una trasmissione televisiva.
Nell’episodio in questione, parlando delle precauzioni prese durante il rientro dalla Stazione Spaziale Internazionale, ho erroneamente affermato che, come equipaggio, fossimo al corrente dell’inizio del contagio pandemico già a novembre.
Errare è umano, e mi spiace molto vedere che in questo caso il mio lapsus sia stato strumentalizzato.
L’errore è dovuto a vari fattori, e qui di seguito ne riporto alcuni.

1) A bordo della ISS non utilizziamo il calendario, ma il Coordinated Universal Time (UTC). L’anno inizia con il giorno 1 e finisce con il giorno 365, e gli eventi vengono eseguiti in base a questa pianificazione. Di conseguenza è possibile confondere un mese con un altro poichè non vi facciamo mai riferimento, ma utilizziamo il giorno UTC;

2) ricordo che, intorno alla fine della missione, parlavamo con l’equipaggio di varie crisi in corso sulla Terra. Nel ripensare agli eventi intorno a quel periodo, ho fatto confusione tra le diverse conversazioni, e nel ricordare gli eventi ho collegato le prime notizie di contagio a un contesto temporale precedente. A bordo, abbiamo appreso del contagio insieme al resto del mondo, quando le agenzie giornalistiche e le grandi testate televisive hanno iniziato a parlarne;

3) tutto questo è facilmente verificabile: le comunicazioni Terra – bordo – Terra sono soggette al Freedom Of Information Act, una legge che impone totale trasparenza e che tutte le comunicazioni siano registrate. Non è possibile ricevere informazioni riservate. Inoltre, l’idea che fossimo già al corrente di un contagio pandemico è smentita dai fatti: le operazioni di rientro della Spedizione 61 sono state svolte normalmente, senza alcuna ulteriore precauzione.

Al contrario, quando la situazione pandemica si è rivelata in tutta la sua gravità, l’equipaggio rientrato dalla Spedizione 62 è stato isolato in quarantena per evitare possibili contagi.

Mi scuso, con umiltà, per l’errore e per le conseguenze (del tutto inaspettate): me ne assumo ogni responsabilità.”

E la risposta dei followers non si è fatta aspettare:

da “Benvenuto sulla Terra” a “Se i politici, i giornalisti e tutte le persone che per visibilità hanno modo di influenzare le idee degli altri fossero così attenti a come dicono le cose e ammettessero così trasparentemente eventuali errori, il mondo sarebbe davvero un posto migliore! Grazie @luca, sei un grande!” e ancora “Ma devi anche giustificarti comandante, sei il nostro orgoglio. GRAZIE DI ESISTERE”

 

 

 

Comments are closed.