Mio suocero critica la mia genitorialità. Come lo gestisco?

di Annalisa Barbieri | Illustrazione: Lo Cole / The Guardian
0
92

I genitori di mio marito vivono nelle vicinanze e sono stati un grande sostegno da quando  è nato mio figlio  l’anno scorso (la mia famiglia vive all’estero). Ci aiutano regolarmente nella cura dei bambini e, nonostante alcune piccole divergenze di opinione, ci fidiamo di loro e siamo grati di poter contare su di loro quando abbiamo bisogno di una mano.

Ma mio suocero è diventato molto critico nei miei confronti. Fa regolarmente commenti offensivi, sempre rivolti a me, anche quando si tratta di qualcosa che coinvolge mio marito. Spesso i commenti vengono derisi da altre persone o semplicemente ignorati. Tendo a non rispondere – sono una che mi zittisco quando mi sento ferita o imbarazzata.

Voglio che mio figlio abbia un rapporto stretto con i suoi nonni. Mio marito ha notato i commenti ed è di sostegno. Ne abbiamo parlato e siamo entrambi d’accordo sul fatto che suo padre non sembra disprezzarmi come persona e non dice queste cose con malizia. Non ricordo che abbia fatto commenti negativi su di me prima che nostro figlio nascesse; si tratta piuttosto del mio ruolo di madre. Lavoro duramente per mantenere un buon rapporto con loro, nonostante le nostre differenze. Ho anche visto come un disaccordo con i suoceri può rendere le cose difficili per il loro, e non lo voglio questo per mio marito.

In un certo senso, so che non si tratta di me o dei miei genitori; so che mio suocero ha avuto un’educazione difficile, piuttosto trascurata. Apprezzerei avere alcuni consigli su come affrontare i commenti e impedire che rovinino quello che è, nel complesso, un rapporto positivo. So che non spetta a me “guarire” mio suocero, ma qualcosa devo pur fare.

Sembra pensieroso e astuto. Non specificherò il tipo di commenti che fa mio suocero, ma sono sempre molto puntuali. C’è chiaramente qualcosa nel modo in cui sono genitore che lo irrita, e penso che ho  ragione a sospettare che la sua difficile educazione abbia qualcosa a che fare con questo.

Tuttavia, mi chiedo se, lungi dall’odiarmi, mio suocero mi ammiri davvero. Vuole chiaramente la mia attenzione. È interessante che sia cambiato dopo che ho avuto il tuo bambino, il che rafforza ulteriormente l’idea che si tratta di me come madre, piuttosto che come persona. Alcune persone trovano minacciosa l’intimità tra madre e figlio. Può attingere a questioni irrisolte al suo interno, spesso inconsciamente. Ma non è giusto puntare tutto questo su di me.

Lo psicoterapeuta familiare che ho consultato, ha detto qualcosa di molto interessante: “Quello che credi nell’intento di una persona [quando ti dice qualcosa] ha un impatto reale su come ti senti e rispondi. Quindi, se pensi, per esempio, che sia un uomo vecchio e cattivo, danneggiato fin dall’infanzia, riceverai i suoi commenti in un modo particolare e risponderai di conseguenza”. Tutti noi lo facciamo, ed è qualcosa da guardare; è molto difficile prendere commenti in modo neutrale se li hai già sovrapposti con un significato.

Penso che lei e suo suocero abbiate qualcosa in comune: non comunicate onestamente l’uno con l’altro. Vi chiudete a riccio, e lui fa commenti spinti che molto probabilmente riguardano qualcosa di completamente diverso. “Siete entrambi bloccati”, ha detto il terapista, “in uno schema circolare”. Ha anche suggerito l’idea che potrebbe mancare la connessione [che avevate] di prima. “Alcune persone non hanno le capacità per riflettere [sul loro comportamento] e dire, per esempio, ‘mi mancano davvero le nostre conversazioni’, e invece iniziano a prendersela con qualcuno per provocare una risposta”.

Lo psicoterapeuta ha suggerito di cercare prima di tutto di vedere il suo atteggiamento come se non provenisse da un luogo di critica, ma come se  mio suocero “cercasse di riconnettersi”; questo potrebbe ammorbidire la mia reazione nei suoi confronti. Secondo, dici che parla “attraverso” il bambino quando ti critica. Prova a fare lo stesso: “Oh, guarda quanto ti vuole bene il nonno, ti pensa sempre” ecc.

Vorrei andare oltre, e quando dice qualcosa di negativo, vorrei rispondere: “Oh, ti senti escluso?  “Perché i commenti cattivi? Ma anche se sono favorevole alla franchezza, a volte sei troppo diretto e non ti dà il risultato che vuoi, perché mi mette sulla difensiva.

C’è un grande detto: “Dentro con rabbia, fuori con amore”. Vorrei poterlo fare, sarebbe molto disarmante.

 

Comments are closed.