Nel mio ospedale, oltre il 95% dei pazienti COVID-19 condivide una cosa in comune: non sono vaccinati

0
126

In qualità di medico di medicina d’urgenza e di terapia intensiva presso la School of Medicine dell’Università di Washington a Seattle , ho perso il conto del numero di ondate di COVID-19 dall’inizio della pandemia negli Stati Uniti a Seattle  (febbraio 2020). Ma adesso sembra diverso. I pazienti sono più giovani. Hanno meno condizioni mediche preesistenti. E nel mio ospedale, oltre il 95% di questi pazienti ricoverati condivide una caratteristica comune: non sono vaccinati.

Mentre sono grato di vedere le notizie della recente approvazione completa da parte della FDA di uno dei vaccini mRNA COVID-19 , la scienza è chiara nella mia mente da un po’ di tempo. I vaccini mRNA, sviluppati per la prima volta in quasi 50 anni , sono a dir poco un miracolo della scienza progettato per situazioni proprio come una pandemia di virus respiratorio. I vaccini sono lo strumento più efficace che abbiamo per prevenire gravi malattie e ricoveri ospedalieri e proteggere le nostre preziose risorse sanitarie. Alcuni dei miei colleghi hanno appena pubblicato uno studio che mostra esattamente questo.

Naturalmente, ogni trattamento medico comporta rischi e potenziali effetti collaterali, ma abbiamo assistito alla più grande sperimentazione al mondo di vaccini, con oltre 200 milioni di persone negli Stati Uniti che hanno ricevuto almeno una dose . I medici possono affermare con sicurezza che gli effetti collaterali dei vaccini sono rari e generalmente lievi e le voci sui vaccini che alterano il DNA o causano infertilità sono completamente infondate e prive di base scientifica.

Ho comprensione per coloro che sono caduti vittima della disinformazione. Troppe volte mi è stato chiesto da un familiare di un paziente morente con COVID-19 se fosse troppo tardi per il vaccino. Troppe volte ho dovuto dire di sì. La domanda successiva è spesso: “C’è qualcos’altro che si può fare?” Troppo spesso la risposta è no.

Avere questa conversazione più e più volte, spesso tramite software di teleconferenza o telefono, è estenuante e profondamente triste, soprattutto sapendo che, nel caso di pazienti non vaccinati, probabilmente poteva essere evitata.

Mi rendo conto che non tutti vedono quello che vedo io ogni giorno. Mentre abbondano le storie sulle reazioni ai vaccini, pochi sentono parlare della realtà della grave infezione da COVID-19. Tuttavia, quando chiudo gli occhi di notte, vedo l’uomo sano di 27 anni che è morto dopo quattro settimane collegato a macchine che hanno cercato di tenerlo in vita, e la giovane famiglia che ha lasciato. Vedo la donna di 41 anni ormai debole e permanentemente disabile dopo una lunga degenza in ospedale. Vedo il contadino di 53 anni che ora richiede la dialisi dopo aver sviluppato insufficienza renale, una complicanza comune del grave COVID-19. E innumerevoli altri.

Sento spesso affermazioni di ” sopravvivenza al 99% ” da COVID-19 con o senza vaccino, ma in realtà i fatti sono molto più sconcertanti. Quasi 1 americano su 500 è morto a causa di questa malattia, e per coloro che sopravvivono, la devastazione è come non ho mai visto. Buchi nei polmoni, deperimento muscolare, cedimento degli organi uno per uno: milioni di persone subiranno conseguenze fisiche, psicologiche e finanziarie che dureranno mesi o anni, un tributo difficile da quantificare.

I chirurghi e altri operatori sanitari hanno indossato maschere negli ospedali per anni per proteggere se stessi e i loro pazienti durante le procedure. Ryan McVay/The Image Bank tramite Getty Images

 

Anche l’impatto sul nostro sistema sanitario è difficile da quantificare. Il personale, anche più dei letti o dei ventilatori, è criticamente basso. Nello stato di Washington , in Texas e in tutto il paese , operatori sanitari esperti stanno lasciando la professione a frotte , esasperati dal continuo assalto di pazienti malati di COVID-19 e da un ambiente di lavoro impegnativo. Le persone – infermieri, terapisti respiratori, medici, fisioterapisti, operatori sanitari – svolgono il lavoro negli ospedali; un letto d’ospedale è inutile senza personale che si prenda cura.

A causa di queste carenze di personale, gli ospedali stanno  chiudendo e le disuguaglianze e le debolezze di un sistema sanitario già teso vengono messe a nudo. Venerati come “eroi dell’assistenza sanitaria” solo un anno fa, i medici vengono molestati e persino aggrediti dopo aver parlato di scienza alle riunioni del consiglio scolastico.

Sono frustrato dal fatto che molti americani non abbiano scelto di vaccinarsi, di indossare maschere, di prendere sul serio questa pandemia. Mi chiedo spesso come sarebbe il 2021 se l’avessero fatto. Ad esempio, abbiamo indossato maschere per anni in ospedale per le procedure e per proteggerci da altri virus respiratori. Sappiamo che il virus SARS-CoV-2 può essere diffuso da aerosol che rimangono sospesi nell’aria e che alcune maschere non possono bloccare completamente queste goccioline. Ma sappiamo anche che il COVID-19 e la maggior parte degli altri virus respiratori si diffondono anche dalla tosse e dagli starnuti attraverso goccioline respiratorie più grandi, che la maggior parte delle maschere blocca. Le maschere non sono perfette, ma ci sono forti prove che riducono la trasmissione .

Con molti ospedali a capacità, ci sono state domande nei media e altrove sul fatto che gli ospedali o gli operatori sanitari debbano dare la priorità alla cura dei vaccinati , o addirittura rifiutarsi di prendersi cura di individui non vaccinati che sviluppano grave COVID-19, ma non è così che noi pensare . In medicina, specialmente in medicina d’urgenza e di terapia intensiva, spesso ci prendiamo cura di persone che fanno scelte sbagliate riguardo alla loro salute. Consigliamo, forniamo informazioni, speriamo e andiamo avanti, fornendo la stessa identica cura indipendentemente dalle scelte o dalle convinzioni.

Sebbene tesi e imperfetti, facciamo del nostro meglio per tutti coloro che hanno bisogno di noi. Ma molti luoghi hanno raggiunto un punto in cui la domanda di assistenza sanitaria ha superato la capacità di fornirla. E abbiamo bisogno di aiuto.

 

Nicholas Johnson
Professore Associato di Medicina d’Emergenza, UW School of Medicine, Università di Washington

Nella foto: I chirurghi e altri operatori sanitari hanno indossato maschere negli ospedali per anni per proteggere se stessi e i loro pazienti durante le procedure.
Ryan McVay/The Image Bank tramite Getty Images

Comments are closed.