New York Times : “I problemi dell’ex Ilva sono lo specchio dell’Italia”

0
163

Un lungo reportage quello del New York Times, autorevole quotidiano mondiale, per raccontare “l’emblema di ciò che affligge l’Italia”.

I problemi in un’acciaieria invecchiata, lo specchio dell’Italia”. Così scrive il New York Times riguardo la crisi dell’ex Ilva di Taranto : “La più grande fabbrica del Sud depresso del Paese si avvicina alla chiusura, vittima di un settore in declino, regolamentazione casuale e politica instabile”.Secondo il New York Times sarebbe un nuovo caso di “cattiva gestione politica” in un Paese che ha “la compagnia aerea nazionale Alitalia perennemente zoppicante, i progetti di infrastrutture in stallo” e in cui “le banche devono essere salvate”. Arrivati a questo punto, sintetizza il quotidiano americano, l’Ilva “sembra essere troppo grande per fallire e si è guastata troppo per continuare a funzionare”. Nel lungo reportage con testimonianze di abitanti del luogo il sindaco Rinaldo Melucci e lavoratori dell’ex Ilva, vengono ripercorsi i problemi del siderurgico e la battaglia legale tra l’amministrazione straordinaria e ArcelorMittal seguita al tentativo di ritirarsi della multinazionale dell’acciaio.
Lo abbiamo tradotto per voi.
( By   | New York Times)
dal New York Times 
“La più grande fabbrica del paese, economicamente depressa nel sud del paese, sta chiudendo, vittima del declino dell’industria, di una regolamentazione disordinata e di una politica instabile.”

 

TARANTO, Italia – Nel suo negozio all’angolo, accanto alla più grande acciaieria d’Europa, Giuseppe Musciacchio ha trascinato il dito indice su uno scaffale impastato di polvere grigia. All’esterno, una torreggiante ciminiera di fumo incombe su un paesaggio di altiforni e depositi di minerali pericolosi. Sbuffi scuri di gas di scarico industriali vanno alla deriva nel cielo come nuvole di pioggia. Nei “giorni di vento”, il sindaco annulla la scuola per paura che la polvere tossica soffi in città.

“Pulisco continuamente”, ha detto il signor Musciacchio, mostrando come la fuliggine metallica si sia attaccata a un magnete. Le fotografie sul muro onorano la madre e gli altri parenti che, secondo lui, sono morti di cancro. “Sono morti per aver vissuto qui, per aver respirato qui“.

Tuttavia, mentre il governo italiano e il gestore straniero della fabbrica, il gigante dell’acciaio ArcelorMittal, sono impegnati in una lotta ad alto rischio per il futuro dello stabilimento, Musciacchio spera che non venga chiuso. “Sarebbe un disastro economico“, ha detto.

La chiusura dello stabilimento potrebbe avere conseguenze per la stabilità del governo italiano e dell’intera economia del Paese. Questo ha reso la lotta per l’acciaieria un emblema di ciò che affligge l’Italia: industria in declino, regolamentazione disordinata e politica instabile.

 

Tamburi, il quartiere popolare accanto all'acciaieria.(foto) Alfredo Chiarappa per il New York Times
Nicola Bando, funzionario sindacale e lavoratore siderurgico, riceve sussidi di disoccupazione da novembre 2018.(Foto Alfredo Chiarappa per il New York Times)

 

L’Italia non vuole simboli di cattiva gestione politica e di un’economia bloccata. C’è la perenne zoppicante compagnia di bandiera Alitalia, i progetti infrastrutturali in stallo, le banche che hanno bisogno di un salvataggio.
Ma la chiusura dell’acciaieria – ancora conosciuta con il suo nome precedente, ILVA – varrebbe, secondo un recente studio, circa l’1,4 per cento dell’intera produzione economica italiana. Uno stabilimento tentacolare, lungo 15 chilometri, è la più grande fabbrica del sud economicamente depresso del Paese.
Se chiude, più di 10.500 lavoratori potrebbero perdere il lavoro in una regione che già soffre di una disoccupazione vertiginosa, soprattutto tra i giovani. Gli imprenditori temono che gli investitori stranieri si allontanino dall’Italia. E il Paese potrebbe essere costellato da una città fantasma tossica, con sostanze inquinanti che si infiltrano nel terreno e nel mare circostante.

A questo punto l’acciaieria sembra essere troppo grande per fallire e non riuscire a continuare a funzionare.

La sua storia rispecchia le difficoltà dell’economia italiana, che nell’ultimo decennio, secondo un importante economista italiano, ha registrato i tassi di crescita più bassi da quando il Paese si è formato nell’Ottocento.
Nata come azienda statale, negli anni Sessanta i suoi forni per la produzione dell’acciaio attiravano lavoratori dalle campagne circostanti e diventavano un’affidabile fonte di voti per i politici del Sud.
Negli anni del boom degli anni Settanta e Ottanta, tanti italiani avevano posti di lavoro legati all’attività, tanto che Rinaldo Melucci, il sindaco di Taranto, dove si trova lo stabilimento, chiamava la città “la Milano del Sud”.

Nel 1995 la famiglia Riva, produttore italiano di acciaio, acquistò lo stabilimento. Ma gruppi ambientalisti e poi procuratori italiani hanno portato alla luce abusi ambientali e sanitari – tra cui i minerali tossici esplosi nei quartieri vicini, un fattore che ancora oggi spinge il sindaco a chiudere le scuole della città nei giorni di vento.
Questi abusi hanno infine contribuito al sequestro di miliardi di euro di beni dell’ILVA da parte dell’Italia e nel 2014 il governo ha rilevato l’impianto. Ha messo in atto uno scudo legale per proteggere i suoi nuovi operatori governativi dalle azioni legali mentre cercavano di ripulire l’impianto.

ILVA è responsabile di oltre l'1 percento dell'intera produzione economica italiana.

 
Pescatori nel Mare Piccolo con l'acciaieria sullo sfondo.
Foto (Alfredo Chiarappa per il New York Times)

 

 

Alla fine il governo ha deciso di cercare un acquirente privato in grado di riavviare l’impianto. Ne ha trovato uno in ArcelorMittal. Nel novembre 2018, la società ha accettato di affittare l’impianto per 45 milioni di euro (circa 50 milioni di dollari) a trimestre.
Questo avrebbe dovuto portare ad un eventuale acquisto di 1,8 miliardi di euro dell’impianto per anni. ArcelorMittal ha inoltre dichiarato che avrebbe investito 2,4 miliardi di euro nell’ammodernamento e nella bonifica ambientale dell’impianto. E ha accettato di mantenere 10.700 posti di lavoro per cinque anni, o di pagare una parte importante di questi stipendi e grosse multe per ogni lavoratore licenziato.

La volontà del governo di concedere l’immunità per i problemi ambientali era al centro dell’accordo, dice l’azienda. Le tutele legali “hanno costituito una parte critica del quadro giuridico che ha governato l’accordo”, ha dichiarato Paul Weigh, un portavoce di ArcelorMittal. “Erano un prerequisito essenziale” senza il quale la società “non avrebbe partecipato alla gara d’appalto, né avrebbe firmato l’accordo”.

Ma le cose non sono andate bene.

Il mercato globale dell’acciaio è crollato, le autorità locali hanno sequestrato un molo fondamentale per l’importazione di materie prime dopo che forti venti hanno soffiato su una gru e ucciso un lavoratore, e la fabbrica ha prodotto solo 4,5 milioni di tonnellate di acciaio quest’anno, molto meno della quantità necessaria per realizzare un profitto.

Poi, in aprile, il governo guidato dal movimento 5 stelle, che ha a lungo attaccato la fabbrica, ha annunciato i piani per porre fine all’accordo di immunità – una mossa che, secondo ArcerlorMittal, equivarrebbe a una violazione dell’accordo e indurrebbe l’azienda ad abbandonare la fabbrica.

Lo stallo sembrava risolversi da solo durante l’estate, quando il governo è crollato e una nuova coalizione tra il movimento 5 Stelle e il Partito Democratico di centro-sinistra ha emesso un provvedimento che ripristina l’immunità. Ma i membri Pentastellati  si sono rifiutati di ratificarla.

La protezione è scaduta il 3 novembre, e l’azienda ha inviato il giorno dopo un avviso di ritiro dalla fabbrica.

Il governo ha fatto causa all’azienda per costringerla a rimanere. Ha anche iniziato a negoziare un nuovo accordo, anche se con una leva significativamente minore – una situazione che ha spinto Roma in una nuova crisi, facendo riemergere le preoccupazioni sulla capacità del governo di fornire la stabilità necessaria per gli investimenti esteri.

“E’ assolutamente folle”, ha detto Carlo Calenda, che ha orchestrato l’accordo originale nel 2017 come ministro dello sviluppo economico. “Non si può spiegare meglio la crisi italiana che spiegare quello che sta succedendo in ILVA“.

Alla fine di dicembre, le due parti hanno concordato le condizioni per ulteriori negoziati, tra cui maggiori investimenti da parte dello Stato e una rivalutazione dei livelli di occupazione e di produzione. Ma il destino dello stabilimento rimane in un limbo, e nonostante la visita della vigilia di Natale a Taranto del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, l’ottimismo non è alto. Negli uffici rivestiti in legno dell’associazione di categoria locale, Antonio Marinaro, il suo presidente, ha dichiarato che la propensione del governo alla protesta anti-business piuttosto che all’azione costruttiva ha creato “un’aria di incertezza e instabilità”.

Nei quartieri degradati intorno alla fabbrica, dove le finestre della direzione sfoggiavano nuove sbarre protettive, i residenti parlavano di essere costretti a scegliere tra la salute e il lavoro.

Tutti hanno paura“, ha detto Emanuele Palmisano, un sindacalista locale che ha lavorato nello stabilimento per 21 anni. Al cancello più grande dello stabilimento, un autobus pubblico ha portato i lavoratori delle campagne e delle città circostanti. Molti tarantini Ssono risentiti,  dicono che i lavoratori hanno il beneficio di un buon lavoro ma  senza che le loro famiglie debbano sostenere i costi sanitari dell’inquinamento”.

La polvere della fabbrica aveva lasciato una tinta rossa sui marciapiedi, sui guardrail e su un cartello per il cimitero locale, sotto il quale era stata scarabocchiata la parola “ILVA”.

Il signor Calenda, che ha lasciato il Partito Democratico quando si è unito al movimento 5 Stelle, ha sostenuto che la sopravvivenza della fabbrica era la chiave per le possibilità dell’Italia di attirare investimenti stranieri. Secondo lui, la produzione di acciaio ha dato al Paese un’indipendenza strategica dalla concorrenza straniera e ha fornito un’industria meccanica italiana più grande del settore della moda, dell’alimentare e del mobile messi insieme.

Ha definito la gestione della situazione da parte dell’attuale governo “una ferita autoinflitta”, indice dell’incompetenza e della resistenza dei 5 stelle al libero mercato che potrebbe costare allo Stato centinaia di milioni di dollari.

Pur avendo firmato l’accordo originale con ArcelorMittal, i leader di 5 stelle ora affermano che la società non ha mai avuto alcuna intenzione di gestire con successo la fabbrica.

Dovremmo stare molto attenti a questa multinazionale, perché ha una pessima reputazione“, ha detto Barbara Lezzi, ex ministro del Sud e ora potente legislatore dei 5 Stelle che ha guidato l’opposizione all’immunità in Senato. Ha sostenuto che l’immunità non faceva parte dell’accordo iniziale e che ArcelorMittal stava usando la sua rimozione come alibi per andarsene. “Se ne sarebbero andati comunque“, ha detto, sostenendo che la sua intenzione fin dall’inizio era quella di fare irruzione nei clienti di ILVA e di eliminare la concorrenza futura distruggendola.

Suggerì allo Stato di nazionalizzare temporaneamente la fabbrica, modernizzarla e “venderla come un gioiello tecnologico”.

(L’Unione Europea ha regole severe che vietano gli aiuti di Stato alle imprese).

Il portavoce di ArcelorMittal, il signor Weigh, ha dichiarato che la società ha lavorato “in buona fede” per modernizzare la fabbrica e che ha “rispettato ogni singolo impegno di investimento ambientale concordato nel piano ambientale approvato dal governo italiano”.

Alcuni abitanti del luogo si sono detti stufi delle promesse dei 5 Stelle.

“Ci hanno preso in giro per i pazzi”, diceva Ignazio D’Andria, 58 anni, che serviva birre agli operai nel suo vicino bar e ricordava di essersi svegliato da bambino con scintille di polvere sul viso e sul cuscino.

Mia madre mi diceva: “La fata è venuta ieri sera”, diceva. Dormivamo con le finestre aperte”. Non lo sapevamo”.

D’Andria, con l’aiuto di un personaggio televisivo italiano, ha raccolto più di 500.000 euro per un reparto di oncologia pediatrica in un ospedale della città. All’ospedale, il dottor Valerio Cecinati, specialista in oncologia pediatrica da poco trasferitosi a Taranto, ha mostrato le sale di anestesia e chemioterapia, arredate con puzzle Disney, libri sui dinosauri e nuove carte da parati di delfini e tartarughe.

Il dottor Cecinati ha visitato un ragazzo con una grave malattia che sospettava essere causata dall’esposizione alle diossine e ad altre tossine della fabbrica, e ha detto che gli studi nazionali hanno mostrato un piccolo aumento dei casi di cancro infantile a Taranto negli ultimi anni. A giudicare dalla stanchezza e dalle febbri elevate che ha visto nei bambini che sono venuti a visitarlo, ha detto che credeva che ci sarebbero stati ancora più casi. “Più di quanto mi aspettassi”, ha detto.

Un altro gruppo di pediatri si riunisce nelle farmacie per mettere in guardia la gente dal mangiare cibo coltivato e cresciuto localmente, dall’alto livello di diossina nel latte materno delle donne locali e dai rapporti locali che suggeriscono un calo dei livelli di QI dei bambini locali.

Il sindaco Melucci ha detto che mentre ci sono state conseguenze negative per la salute della pianta, “questa non è Chernobyl”. Ha anche detto che stava cercando di sviluppare altre industrie in città, ma ha capito che l’acciaieria era importante.

“Se riparano l’ILVA, l’Italia torna in Italia”, ha detto. “Se chiudono, è l’inizio di un grande declino per il Paese”.

(tradotto da https://www.deepl.com)

 

 

Leave a reply