Oltre l’abito ‘Tax the Rich’ di AOC: 5 atti di provocazione fashion che hanno cambiato la storia

0
61

La deputata democratica Alexandria Ocasio-Cortez ha acceso sia polemiche che festeggiamenti dopo aver indossato un abito al Met Gala decorato con un testo di graffiti rossi con la dichiarazione “Tax the Rich”. Apparendo come ospite del Metropolitan Museum of Art alla raccolta fondi annuale, (per la quale i biglietti costano decine di migliaia di dollari), il politico di sinistra ha indossato un abito personalizzato dal marchio di moda Brother Vellies, portando con sé il fondatore dell’etichetta, il giovane designer e attivista nera Aurora James. L’utilizzo della moda come strumento per affrontare problemi sociali più ampi, infatti, è stata a lungo una strategia per le persone che cercano di apportare cambiamenti, incluso indossare questi abiti in spazi di influenza.

Dalle suffragette del 19° secolo che battevano le strade con tacchi, abiti ultrafemminili e grandi cappelli “quadri” per confutare le affermazioni che erano poco femminili, ai tessuti patriottici nella seconda guerra mondiale, agli abiti e accessori da strada australiani indigeni di un marchio come Dizzy Couture oggi, l’abbigliamento ha storicamente trasmesso messaggi politici, creando “look” per generazioni di agenti del cambiamento.

Ecco 5 atti di abbigliamento come provocazioni che hanno cambiato la storia.

1. L’abito di George Washington

I fondatori della Rivoluzione americana volevano rompere con i vecchi codici dell’aristocrazia europea. Gran parte del mondo aveva ancora “leggi suntuarie”: editti legali che regolavano tipi, materiali e quantità di stoffe, colori, gioielli e accessori consentiti a vari gruppi sociali. In Nord America, i codici di abbigliamento formali del vecchio regime furono attivamente respinti: non ci si aspettava che gli uomini indossassero le costose e colorate sete ricamate tipicamente indossate dalle corti europee.

I loro tessuti importati erano considerati dannosi per le economie locali e la loro aria d’élite era in contrasto con l’idea che tutti gli uomini potessero ora essere (relativamente) uguali. Il presidente eletto George Washington fu scolpito da Houdon alla fine del XVIII secolo con un bottone mancante dal suo panciotto. Questo è stato un gesto deliberato per mostrare che le sue azioni erano più importanti del suo aspetto. Per la sua inaugurazione indossò anche semplici panni di lana americana filati in casa invece della seta o del velluto previsti.

Questa è stata una ferma dimostrazione dell’indipendenza del Nord America e forse il primo “business casual” americano.

La scultura di Washington di Houdon. Wikimedia Commons , CC BY

2. La borsetta abolizionista

I quaccheri britannici avevano sostenuto l’abolizione nel 1783.

La Female Society for Birmingham (originariamente la Ladies Society for the Relief of Negro Slaves, il primo gruppo di questo tipo) mobilitò i suoi seguaci anti-schiavitù con borsette stampate con immagini e slogan progettati per ottenere supporto per il Movimento abolizionista.

Le borse in seta con coulisse, realizzate da donne nei circoli di cucito, sono state presentate a personaggi di spicco come Giorgio IV e la principessa Vittoria. Le borse contenevano articoli di giornale e volantini a sostegno dell’abolizione.

Lo Slavery Abolition Act, che prevedeva l’abolizione immediata della schiavitù nella maggior parte dell’Impero britannico, fu approvato dieci anni dopo, nel 1833. Un simile atto fu ratificato negli USA solo nel 1865.

 

 

 

 

3. Nessun cappello di piume

L’industria degli struzzi e degli uccelli esotici era massiccia nel 19° secolo: oltre ai pennacchi, le donne indossavano interi corpi di uccelli come accessori, come orecchini di colibrì.

L’industria del “doppio fluff” di piume di struzzo era centrata in Sudafrica, dove le piume valevano più dell’oro. Sono stati esportati nelle stanze di Londra e New York dove ragazze esauste li hanno finiti e tinti per la vendita al dettaglio.

Nel 1914 un enorme “schianto di piume” ha visto la materia prima diventare quasi inutile. Le giovani donne interessate al parco nazionale in crescita e ai movimenti per la conservazione si sono opposte al commercio per motivi ecologici. Hanno semplicemente smesso di indossare la moda, avviando un movimento globale “anti-plumage” .

Le donne coinvolte nella Massachusetts Audubon Society hanno avuto un tale successo che la loro attività di lobby ha portato alla prima legislazione federale sulla conservazione degli Stati Uniti, The Lacey Act (1900). Uccelli tassidermici, boa di piume e uccelli come orecchini divennero in gran parte fuori moda e raramente si vedevano di nuovo nella moda femminile.

4. La maglietta ACT UP

Uomini che indossano magliette ACT UP durante una protesta.La crisi dell’AIDS degli anni ’80-’90 ha visto la mobilitazione di una miscela unica di attivismo nata dai movimenti delle donne, degli ispanici, del potere nero e dei gay degli anni ’70. ACT UP New York ha stabilito che solo la rabbia e la disobbedienza civile avrebbero focalizzato l’attenzione del governo e delle grandi industrie farmaceutiche sulla difficile situazione della salute principalmente degli uomini gay.

È stata progettata una serie di straordinari “zaps” o proteste site specific, spesso teatrali. L’appartenenza ad ACT UP includeva figure esperte della pubblicità e del design che hanno creato magliette, poster e striscioni unificati ed eleganti. I disegni erano puliti, eleganti e sembravano una buona pubblicità.

Come Sarah Schulman ha recentemente dimostrato nei suoi 20 anni di storia di ACT UP, i disegni audaci delle magliette hanno creato un impatto ottimale per le proteste di ACT UP sui telegiornali e una nuova identità pro-gay. Indossato con scarpe Doc Marten, giacche di pelle, jeans puliti e attillati o pantaloncini di jeans, ACT UP ha stabilito il look degli uomini urbani gay per una generazione.

Gli enti governativi e le grandi aziende farmaceutiche sono state svergognate dalle proteste pubbliche nell’adottare messaggi sanitari migliori e più razionali, condurre sperimentazioni farmaceutiche più finanziate ed eque e vendere retrovirali più economici.

5. Quando Katharine incontrò Maggie

Nel 1984, la stilista Katharine Hamnett indossò una t-shirt con la scritta “58% DONT WANT PERSHING” (un riferimento ai missili nucleari) a una serata di moda di alto profilo a cui partecipava il primo ministro conservatore Margaret Thatcher. Hamnett ha fatto la sua maglietta la sera prima, riconoscendo l’opportunità che aveva, e l’ha nascosta sotto il cappotto quando è entrata. Il suo formato grafico ha un debito sia con il Punk degli anni ’70 che con ACT UP. In seguito ha ricordato dell’incontro ampiamente fotografato con Thatcher:

Abbassò lo sguardo e disse: “Sembra che indossi un messaggio piuttosto forte sulla tua maglietta”, poi si chinò per leggerlo ed emise uno strillo, come un pollo.

Il cambiamento sociale ha bisogno delle sue forme visive. La moda è uno di questi. La moda è un brillante comunicatore di nuove idee. Il fatto che stiamo leggendo sulla “controversia” sull’abbigliamento di AOC mostra che comprende appieno il potere della moda.

 

 

Fonte: The Conversation. com

Comments are closed.