Papa Francesco arriva in Iraq

0
196

Papa Francesco arrivato in Iraq venerdì 5 Marzo, un atto di solidarietà con un’antica ma in declino comunità cristiana e un simbolico impegno nei confronti dei musulmani, per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle sfide che i cristiani iracheni – la cui maggioranza è cattolica – devono affrontare.

Negli ultimi due decenni, la popolazione cristiana in Iraq è diminuita di oltre l’80%. Il censimento iracheno del 1987 riportava che c’erano 1,4 milioni di cristiani in Iraq, e oggi si stima che la popolazione cristiana sia meno di 250.000. Spronati dall’instabilità politica e dalla guerra, molti cristiani sono emigrati in altre regioni, tra cui il Nord America, l’Europa occidentale e l’Australia.

Chi sono i cristiani dell’Iraq?
La maggior parte dei cristiani iracheni sono etnicamente assiri, e appartengono alla storica Chiesa d’Oriente, uno dei tre rami principali del cristianesimo orientale. La lingua del culto è un dialetto dell’aramaico, la lingua che si dice abbia parlato Gesù.

La più grande di queste comunità assire appartiene alla Chiesa cattolica caldea e costituisce più di due terzi di tutti i cristiani che vivono in Iraq. La Chiesa assira d’Oriente e l’Antica Chiesa d’Oriente sono altre comunità assire più piccole che costituiscono circa il 5% dei cristiani iracheni.

I siriaci, che costituiscono tra il 10% e il 15% dei cristiani iracheni, sono organizzati intorno alla Chiesa cattolica siriaca e alla Chiesa ortodossa siriaca, che hanno sede rispettivamente in Libano e in Siria. Armeni e cristiani arabi, insieme ad altri piccoli gruppi, costituiscono il resto dei cristiani che vivono in Iraq.

I cristiani fuggono dall’Iraq dopo la guerra
Gli eventi che seguirono l’invasione americana dell’Iraq del 2003 portarono a una persecuzione su larga scala della popolazione cristiana. Mentre Saddam Hussein ha represso gruppi etnici e religiosi come curdi e sciiti, i cristiani se la sono cavata relativamente meglio sotto il suo governo. Come ha scritto lo studioso di religione Kristian Girling, in cambio della loro acquiescenza all’autoritarismo di Saddam, i cristiani ricevettero protezioni e guadagnarono importanza negli affari e nella vita culturale.

Tariq Aziz, che fu vice primo ministro nel gabinetto di Saddam tra il 1979 e il 2003, era affiliato alla Chiesa cattolica caldea. La cacciata di Saddam da parte delle truppe statunitensi ha portato a un vuoto di potere in cui il settarismo e l’instabilità hanno contribuito a creare le condizioni per l’ascesa di gruppi estremisti come al-Qaida in Iraq dal 2004.

La violenza contro i cristiani sotto forma di uccisioni, attacchi e rapimenti è aumentata.

Come risultato, molti cristiani sono fuggiti dall’Iraq. Secondo i dati raccolti dai rapporti statunitensi sulla libertà religiosa internazionale, nel 2013, un decennio dopo l’invasione, più della metà della popolazione cristiana aveva lasciato il paese.

La situazione dei cristiani iracheni è diventata più precaria quando il gruppo dello Stato Islamico ha preso il controllo di ampie zone del paese.

Nel 2014, lo Stato Islamico ha controllato i territori intorno a Mosul nel nord dell’Iraq e ha espulso i cristiani dalle pianure di Ninive. Secondo alcune stime, più di 100.000 cristiani sono fuggiti dalle pianure di Ninive verso le regioni autonome curde. Molti non sono più tornati dopo la sconfitta dell’IS nel 2017. Quelli che lo hanno fatto hanno dovuto affrontare i gruppi militanti sciiti che hanno aiutato il governo iracheno a sconfiggere l’IS e controllano alcuni territori cristiani.

Fino a quando il governo iracheno ha domato queste milizie e ha avuto il controllo politico su di loro, i cristiani hanno avuto scaramucce con loro per le proprietà e le terre. Secondo i media, molti più cristiani hanno lasciato l’Iraq in questo periodo.

In breve, l’invasione statunitense dell’Iraq ha iniziato un ciclo di violenza che ha messo il cristianesimo sotto minaccia. Come ha scritto il corrispondente estero Stephen Kinzer in un pezzo per il Boston Globe: “Rovesciando Hussein, abbiamo accelerato la fine del cristianesimo in una terra in cui si dice che San Giovanni l’abbia portato subito dopo la crocifissione”.

C’è speranza?
Tra il 2017 e il 2019, l’amministrazione Trump ha fornito oltre 300 milioni di dollari in aiuti per sostenere la ricostruzione delle città e dei villaggi cristiani della Piana di Ninive distrutti dall’IS nel nord dell’Iraq.

Tuttavia, una soluzione duratura per migliorare lo status dei cristiani è il mantenimento dello stato di diritto in Iraq. La costituzione irachena, redatta nel 2005, dichiara l’Islam come religione ufficiale del paese. Individuare una religione a scapito delle altre può mettere a rischio le minoranze religiose, a meno che non vengano fornite chiare protezioni. L’Iraq ha bisogno di un quadro giuridico per la cittadinanza uguale per creare un ambiente sicuro per le minoranze religiose.

Il governo iracheno ha invitato Papa Francesco a visitarlo. Il presidente dell’Iraq, Barham Salih, ha descritto la visita come “un messaggio di pace agli iracheni di tutte le religioni”. I media hanno citato una fonte vaticana per dire che il papa mira a “confortare i cristiani che, tra guerre e conflitti, sono stati costretti a fuggire dall’Iraq”.

Non si può sapere se la visita del papa aiuterà i cristiani iracheni a guarire da molti anni di sofferenza, ma sicuramente porterà l’attenzione pubblica sulla loro situazione.

 

 

 

Comments are closed.