Pelé: una superstar globale e un’icona culturale che ha messo la passione al centro del calcio

Simon Chadwick Professor of Sport and Geopolitical Economy, SKEMA Business School
0
8

Pelé, la prima superstar mondiale del calcio, è morto all’età di 82 anni. Per molti tifosi, il brasiliano sarà ricordato come il migliore che abbia mai giocato.

Per altri va oltre: È stato il simbolo del calcio giocato con passione, gusto e sorriso. Ha infatti contribuito a forgiare un’immagine del gioco che ancora oggi molte persone continuano a desiderare.

Pelé non è stato solo un grande giocatore e un meraviglioso ambasciatore del gioco preferito al mondo, ma un’icona culturale. Egli rimane infatti il volto di una purezza del calcio che esisteva molto prima che il denaro e la geopolitica globale si infiltrassero nel gioco.

È una testimonianza della sua leggenda che tutti, dal vincitore della Coppa del Mondo inglese del 1966 Sir Bobby Charlton all’attuale superstar francese Kylian Mbappé, fino a Luiz Inácio Lula da Silva – ex presidente del Brasile e presidente entrante – e all’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama, gli hanno reso omaggio.

I primi giorni al Santos

Pelé è nato a San Paolo, in Brasile, nel 1940, da Edson Arantes do Nascimento. I suoi primi anni di vita sono stati gli stessi di molti calciatori che lo hanno preceduto e di innumerevoli che lo hanno seguito e a cui si è ispirato: nato in povertà, introdotto al gioco da un membro della famiglia, poi ossessionato da uno sport che gli ha insegnato la vita e gli ha dato opportunità.

Il calcio delle squadre giovanili è arrivato prima, nel 1953, quando ha firmato per il suo club locale, il Bauru. Ma fu il Santos, il suo primo club professionistico, a spingere Pelé verso la celebrità. Trasferitosi nel 1956, ha giocato 636 partite e segnato 618 gol prima di lasciare il club nel 1974. Non solo il cuore pulsante della squadra, Pelé era anche un immenso fedele di un solo club.

Molto prima delle prodezze delle moderne stelle Cristiano Ronaldo o Erling Haaland, Pelé ha tracciato una strada di gol che lo ha contraddistinto come un giocatore significativamente diverso da quelli che lo circondavano. Allo stesso modo, ha mostrato livelli di abilità che ancora oggi fanno sì che alcuni osservatori del gioco collochino il brasiliano davanti ad altri contendenti al titolo di più grande di tutti i tempi: Lionel Messi e Diego Maradona.

Un anno dopo aver firmato per il Santos, Pelé esordì con il Brasile, a tre mesi dal suo 17° compleanno. Segnò in quella partita contro l’Argentina e, 65 anni dopo, rimane il più giovane marcatore di sempre della nazionale brasiliana.

Un anno dopo, nel 1958, questo giovane giocatore aiutò la sua nazionale a vincere la Coppa del Mondo in Svezia. Poi di nuovo nel 1962, alla Coppa del Mondo in Cile, e ancora una volta al torneo del 1970 in Messico.

In definitiva, Pelé ha giocato 92 volte per il Brasile, segnando 77 gol. In confronto, l’inglese Harry Kane ha segnato 53 volte in 80 partite. Oltre ai successi in nazionale, con il suo club Pelé ha vinto sei campionati brasiliani e due campionati sudamericani.

Gli anni americani

Successivamente, nel 1975, uscì dal semi-ritiro per giocare con i New York Cosmos nella North American Soccer League. A quel punto, Pelé aveva superato i 30 anni, ma riuscì comunque a segnare 37 gol in 64 partite. Alcuni ritengono che sia stato il suo breve periodo di gioco negli Stati Uniti a dare il via all’interesse del paese per il calcio.

Dopo il suo ritiro, Pelé fu venerato, adorato e rimase influente. È diventato il Giocatore del XX secolo della FIFA, un premio che ha condiviso con Maradona. Nel 2014 gli è stato conferito il primo Ballon d’Or della FIFA, il Prix d’Honneur, e persino Nelson Mandela ha espresso la sua stima per il brasiliano quando gli ha consegnato il Laureus Lifetime Achievement Award, nel 2000.

Il talento di Pelé non è mai stato messo in dubbio. Ma è stato un caso che abbia giocato in un momento in cui il calcio stava uscendo dall’ombra del conflitto globale, quando il mondo aveva bisogno di simboli di speranza e di eroi sportivi.

Il brasiliano è stato in grado di servire questo scopo, anche se lo ha fatto in un periodo in cui la televisione – prima in bianco e nero, poi a colori – ha portato il calcio direttamente nei salotti della gente. All’epoca, Pelé era Messi, Ronaldo e Mbappé in un’unica persona, resa consumabile a livello globale da questa nuova tecnologia.

Inevitabilmente, nel corso della sua vita, Pelé ha incontrato problemi: le sue attività commerciali sono state a volte impantanate in polemiche; in una fase è stato etichettato come un antagonista di sinistra del governo brasiliano, poi è stato descritto come troppo conservatore nelle sue opinioni sulla dittatura brasiliana. Ebbe numerosi figli – alcuni frutto di relazioni – e uno di loro, il figlio Edinho, fu mandato in prigione per riciclaggio di denaro proveniente da traffici di droga.

Tuttavia, il ricordo più indelebile è quello di un uomo che giocava a calcio in un modo che molti di noi, sia dilettanti che professionisti, hanno sempre desiderato. Pelé non era solo abile, ma ha anche portato grande gioia a innumerevoli persone in tutto il mondo, per un periodo di decenni. Per tutti noi, anche per quelli che hanno solo un minimo interesse per il calcio, non lo dimenticheremo mai.

Comments are closed.