Perché non c’è consenso sulla riapertura delle scuole?

A luglio, sulla rivista Emerging Infectious Diseases, i ricercatori del Korea Centers for Disease Control and Prevention hanno pubblicato i risultati del tracciamento di oltre 59.000 contatti di 5.706 pazienti affetti da coronavirus. I bambini di età inferiore ai 10 anni sono stati identificati per aver trasmesso il virus molto meno di quelli tra i 10 e i 19 anni, la cui velocità di trasmissione era equivalente a quella degli adulti. Ma solo il 3 per cento dei pazienti di quella fascia iniziale aveva 19 anni e più giovani, e il fatto che siano stati testati probabilmente significa che presentavano dei sintomi.
0
68

È possibile riaprire le scuole in modo che i bambini, gli educatori, il personale, le loro famiglie e la comunità siano al sicuro da Covid-19? È possibile non farlo senza danneggiarli in altri modi?

La chiusura delle scuole ha già messo i bambini in difficoltà dal punto di vista scolastico. Più di 20 milioni di bambini contano sulle colazioni e sui pranzi scolastici. Troppi genitori si trovano a dover scegliere tra perdere il lavoro o lasciare i figli a casa senza sorveglianza.

L’isolamento dei bambini e dai loro coetanei comporta costi sociali ed emotivi che variano a seconda della fascia d’età e sono quasi impossibili da quantificare. E sia che le scuole riaprano o rimangano chiuse, i rischi sono sostenuti in modo sproporzionato dalle comunità a basso reddito.

Questa è davvero una delle questioni più perplesse e complesse che abbia mai affrontato in 40 anni“, dice Dan M. Cooper al NYT, professore di pediatria all’Università della California, Irvine.

Nelle ultime settimane sono state emanate una moltitudine di linee guida, molte delle quali hanno esortato le scuole a riaprire e suggerito precauzioni di sicurezza. Anche i media hanno diffuso una serie di consigli degli esperti, spesso in conflitto tra loro, su come soppesare rischi e benefici, sia per i singoli individui che per la società.

In ogni caso, questo calcolo è limitato da importanti lacune nella nostra comprensione di come Covid influisce sui bambini e su coloro che sono a contatto con loro. I dati più evidenti suggeriscono che i bambini hanno molte meno probabilità degli adulti di ammalarsi o di morire a causa del virus. (Al 9 luglio, i dati della maggior parte degli Stati Uniti hanno mostrato che quasi 242.000 bambini sono risultati positivi al test Covid, che rappresenta l’8 per cento dei casi, riferisce l’American Academy of Pediatrics; essi rappresentano meno del 3 per cento dei ricoveri ospedalieri e meno dell’1 per cento dei decessi).

Ma i bambini hanno meno probabilità di essere contagiati, o solo meno probabilità di mostrare sintomi?

Il virus si comporta in modo diverso nelle scuole elementari rispetto a quelle superiori?
Quali fattori determinano se i bambini si ammalano gravemente?
E, forse il più importante per le scuole, quali sono le probabilità che gli studenti trasmettano il virus l’uno all’altro o agli adulti?

Uno dei motivi per cui gli scienziati hanno una minore comprensione di come il coronavirus agisce sui bambini è che a marzo, all’inizio della pandemia, i paesi più colpiti hanno contemporaneamente chiuso le scuole, chiuso le attività commerciali e sollecitato la gente a rimanere a casa, rendendo quasi impossibile separare l’effetto della chiusura delle scuole sui tassi di trasmissione nella comunità.

Durante una consulenza per il soggiorno a casa in Svizzera, i ricercatori degli ospedali universitari di Ginevra hanno cercato di determinare quanto le varie fasce d’età fossero vulnerabili all’infezione, cosi a partire dal mese di aprile, hanno adattato uno studio sanitario già in corso per testare i residenti e alla ricerca di anticorpi del coronavirus. I soggetti, controllati ogni settimana, sono stati invitati a portare anche tutti coloro che vivevano con loro e che avevano almeno 5 anni da sottoporre a test. I risultati di oltre 2.700 partecipanti in cinque settimane, pubblicati su The Lancet a giugno, hanno mostrato che i bambini dai 5 ai 9 anni e gli adulti oltre i 65 anni hanno avuto una probabilità significativamente inferiore di risultare positivi rispetto a quelli tra i 10 e i 64 anni. Dei 123 bambini di quella fascia d’età, 21 sono stati esposti a un membro della famiglia infetto, ma solo uno ha sviluppato anticorpi.

Il test a campione su larga scala e tracciatura dei contatti nel tempo, che darebbero un quadro più completo di chi trasmette il virus e come, non è stato ancora fatto nelle scuole. A luglio, sulla rivista Emerging Infectious Diseases, i ricercatori del Korea Centers for Disease Control and Prevention hanno pubblicato i risultati del tracciamento di oltre 59.000 contatti di 5.706 pazienti affetti da coronavirus. I bambini di età inferiore ai 10 anni sono stati identificati per aver trasmesso il virus molto meno di quelli tra i 10 e i 19 anni, la cui velocità di trasmissione era equivalente a quella degli adulti. Ma solo il 3 per cento dei pazienti di quella fascia iniziale aveva 19 anni e più giovani, e il fatto che siano stati testati probabilmente significa che presentavano dei sintomi. Non è ancora chiaro come bambini asintomatici, difficili da identificare, possano diffondere il virus; non è neppure chiaro se ci siano differenze nella trasmissione tra i 10 e i 19 anni.

“Molti dei dati che riceviamo da fonti diverse sono disordinati e non necessariamente puntano nella stessa direzione”, dice Nicholas Davies, un epidemiologo della London School of Hygiene & Tropical Medicine. Lui e i suoi colleghi hanno usato un metodo statistico chiamato inferenza bayesiana per testare diverse ipotesi su bambini e Covid. Questi includono le premesse che i bambini sono infettati ma non mostrano sintomi e che i bambini sono meno suscettibili all’infezione. Sulla base di dati epidemiologici provenienti da Cina, Italia, Giappone, Singapore, Canada e Corea del Sud, i ricercatori hanno concluso che entrambe le premesse erano probabilmente vere, in una certa misura. I loro risultati, pubblicati su Nature Medicine a giugno, stimano che le persone sotto i 20 anni hanno circa la metà delle probabilità di contrarre l’infezione rispetto ai gruppi di età più anziani, e che tra i ragazzi dai 10 ai 19 anni che si ammalano del virus, solo il 21 per cento avrà sintomi clinici.

Nessuno di questi studi affronta direttamente l’impatto della riapertura delle scuole sulla diffusione di Covid.

Infatti, quando i ricercatori dei dipartimenti di salute ed epidemiologia globale dell’Università di Washington hanno iniziato a compilare una sintesi dei modelli di altri 15 Paesi in cui gli studenti sono tornati, hanno trovato “pochissime” pubblicazioni scientifiche sull’argomento e si sono affidati principalmente alle notizie di cronaca.

In quasi tutti i paesi, hanno osservato, le scuole hanno adottato misure di sicurezza, tra cui maschere facciali e distanziamento sociale. Nessuno dei Paesi (tranne la Svezia, che ha tenuto aperte molte scuole) ha ripreso le lezioni prima che i tassi nazionali di infezione fossero significativamente diminuiti; non ci sono prove per dire quale sarebbe stato l’esito dell’apertura delle scuole nelle aree degli Stati Uniti dove il virus sta aumentando. In Germania, dove i tassi di infezione erano più alti che in altri paesi europei, il ritorno degli studenti più anziani ha accompagnato un aumento delle infezioni tra di loro ma non tra il personale, secondo un progetto condotto dai ricercatori dell’Università di Manchester e della Public Health England.

In Israele, gli studenti e il personale indossavano maschere dopo la riapertura delle scuole all’inizio di maggio. Ma diverse settimane dopo, quelle regole sono state allentate. Secondo Haaretz, le epidemie sono iniziate poco dopo, esponendo migliaia di scuole all’infezione, causando la chiusura di molte di esse. Non c’è “una chiara causa ed effetto” tra la rimozione delle maschere e le epidemie, dice l’autore principale del rapporto, Brandon Guthrie, ma è “una prova indiziaria” che offrono una certa protezione nelle aule. Rivela anche quanto possano essere inefficaci le scuole di orientamento sanitario.

Cooper, coautore di un commento sul The Journal of Pediatrics di maggio che sottolinea la necessità di collaborazione tra le scuole locali e i funzionari della sanità pubblica, ritiene, in generale, che “le scuole devono riaprire, e noi dobbiamo studiare molto, molto attentamente ciò che accade nelle scuole”.

A maggio, il N.I.H. ha avviato uno studio per testare migliaia di bambini e le loro famiglie nell’arco di sei mesi per vedere chi contrae il virus, se si trasmette all’interno della famiglia e chi sviluppa Covid, mentre raccoglie informazioni sulle recenti attività dei partecipanti. Questo è il tipo di raccolta di dati dettagliati necessari per aiutare a determinare in quali condizioni le scuole sono in grado di sopportare le epidemie o di contribuire alla diffusione della comunità.

Ma nessuno di questi dati ci aiuterà in tempo per l’inizio dell’anno scolastico.

Invece, senza la possibilità di testare costantemente gli studenti, di ottenere risultati rapidi e di rintracciare i contatti, sarà impossibile per le scuole capire chi ha il virus e se circola nel campus; quando gli studenti e il personale si ammaleranno inevitabilmente, le singole scuole dovranno discutere la chiusura o rimanere aperte senza più informazioni utili per orientarsi di quanto non facciano ora.

Durante la  crisi di Covid-19, dobbiamo sicuramente aggiungere questo: l’incapacità di fornire alle scuole gli strumenti e i dati necessari per trovare il miglior equilibrio possibile tra istruzione e salute.

 

 

Fonte: NYT
Una versione di questo articolo apparirà in stampa il 2 agosto 2020, a pagina 20 della rivista Sunday Magazine con il titolo: Perché non c’è consenso sulla riapertura delle scuole? Troppe variabili, troppo pochi studi

Comments are closed.