Pescatori di Mazara del Vallo in Libia: il silenzio è clamoroso

0
144

Negli ultimi due mesi, 18 pescatori siciliani sequestrati in mare dalla Guardia costiera libica sono trattenuti in un carcere vicino alla città di Bengasi. il primo settembre stavano pescando gamberi rossi nelle acque del Mediterraneo, nel Canale di Sicilia, su cui la Libia rivendica la sovranità.

La BBC in un articolo firmato da Linda Pressly afferma che “A complicare il loro potenziale rilascio c’è la richiesta libica di uno scambio di prigionieri: i siciliani in cambio di quattro libici condannati dai tribunali italiani per traffico di esseri umani e omicidio.”

Si stima che circa 50 pescherecci italiani siano stati sequestrati in mare dalla Libia negli ultimi 25 anni. In passato, le trattative per la liberazione dei pescatori catturati si svolgevano spesso in modo informale tra Mazara del Vallo e le autorità di Bengasi.

Quando Silvio Berlusconi era il primo ministro italiano, è stato riferito che avrebbe risposto al telefono con Muammar Gheddafi e avrebbe fatto un accordo. Ma Gheddafi è stato deposto e ucciso nel 2011. E ora, dopo quasi un decennio di conflitto armato, la Libia non è più un’entità politica., divisa tra due basi di potere.

A ovest il Governo di Accordo Nazionale (GNA) sostenuto dalle Nazioni Unite governa da Tripoli. A est, da Bengasi, l’autoproclamato Esercito nazionale libico (LNA) ha il controllo sotto il comando militare di Khalifa Haftar. Sono le forze del Gen Haftar che trattengono i 18 pescatori.

L’Italia una volta aveva buoni rapporti con l’LNA, ma ora il governo è allineato con gli avversari del Gen Haftar a Tripoli. E per  qualcuno “questo brucia” afferma Francesco Mezzapelle, direttore della rete media Prima Pagina di Mazara del Vallo alla BBC.
“A mio parere, questa sembra la vendetta di Haftar perché il governo italiano sembra sostenere l’altra parte – Tripoli”, dice.

La Farnesina di Roma non ha voluto commentare alla Bbc sulla difficile situazione dei pescatori, ma Francesco Mezzapelle dice che ci sono state trattative tra gli italiani e l’LNA.

“L’intelligence italiana ha contattato le controparti libiche per vedere se un pagamento avrebbe liberato i pescatori. Ma questa volta non è solo una questione economica, è politica“.

Chi sono i prigionieri libici?

Nel 2015, più di un milione di rifugiati e migranti si sono recati in Europa.

Ad agosto, 363 persone sono salite a bordo di un vecchio peschereccio in Libia nella speranza di arrivare in Italia; 49 di loro non metterebbero mai piede sul suolo italiano.

La barca su cui morirono 49 personeSono morti di una morte orrenda stipata nella stiva della barca in quello che la Procura della città siciliana di Catania ha definito “uno degli episodi più brutali mai registrati”.

Il tribunale ha condannato quattro giovani aspiranti calciatori libici e altri tre per aver usato violenza per impedire alle persone di salire dalla stiva sul ponte sovraffollato. Sono stati condannati a 30 anni di prigione.

“Le interviste che abbiamo fatto sono state molto dettagliate. Avevano tutte le stesse cose in comune sul modo in cui è stata organizzata la traversata e su come si è svolta la violenza durante il viaggio”, dice Alessandro Drago, uno degli agenti di polizia che ha intervistato i migranti sopravvissuti dopo che sono stati salvato in mare.

“Ci hanno detto che hanno cercato di arrampicarsi per prendere aria: i cadaveri nella stiva rendevano l’aria irrespirabile. E sono stati picchiati violentemente perché i trafficanti volevano che rimanessero sottocoperta“.

“Non avevano armi e nessuna conoscenza della navigazione, erano solo passeggeri”, afferma Cinzia Peccoraro, avvocato di uno dei prigioneri libici, Alaa Faraj. E non vuole che il caso dei libici sia legato agli uomini incarcerati vicino a Bengasi.

“I 18 pescatori non hanno niente a che fare con il mio cliente, Alaa Faraj che vuole dimostrare la sua innocenza qui, sotto il sistema italiano”.

Ci sono manifestazioni regolari a Mazara del Vallo che chiedono libertà per i pescatori.

Ogni giorno è una tortura per i familiari che attendono notizie dei pescatori detenuti in carcere. Le famiglie e i loro sostenitori hanno portato i loro striscioni anche a Roma, ma finora c’è stato un clamoroso silenzio.

Comments are closed.