Quest’anno le sparatorie nelle scuole hanno raggiunto un livello record, 222 sparatorie nel 2021.

Autori: James Densley, Professore di giustizia penale, Metropolitan State University e Jillian Peterson, Professore di giustizia penale, Hamline University.
0
981

La  sparatoria a scuola come quella alla Oxford High School nella periferia di Detroit il 30 novembre 2021, è stata una delle 222 sparatorie scolastiche nel 2021, il massimo storico, secondo il database di sparatorie della scuola K-12 del Center for Homeland Defense and Security.
Sono oltre 100 sparatorie scolastiche in più nel 2021 rispetto al 2019 o 2018, rispettivamente il secondo e il terzo peggior anno mai registrato.

Come è potuta accadere una cosa del genere? Perché il governo non fa molto di più per impedire che si verifichino queste sparatorie? Nel caso della Oxford High School, un ragazzo di 15 anni armato di una pistola semiautomatica è accusato di aver ucciso quattro studenti e ferito altri sei e un insegnante.

Come mostrato nel libro del 2021, ” The Violence Project: How to Stop a Mass Shooting Epidemic “, i “tiratori di massa della scuola” tendono ad essere studenti che frequentano o che anno frequentato  la scuola. Sono quasi sempre in crisi prima del loro attacco, come indicato dal loro cambiamento nel comportamento rispetto al solito. Spesso sono ispirati da altri tiratori della scuola e tendono anche a far trapelare i loro piani di violenza in anticipo ai loro coetanei e di solito ottengono le loro pistole da familiari e amici che non sono riusciti a conservarle in modo sicuro e protetto.

I notiziari suggeriscono che molto di questo è vero per il ragazzo che ha sparato alla Oxford High School. Ad esempio, suo padre  avrebbe acquistato la pistola utilizzata nella sparatoria solo quattro giorni prima. Secondo quanto riferito, il ragazzo ha mostrato un comportamento ” preoccupante ” a scuola e ha pubblicato immagini della pistola insieme a minacce di violenza sui social media.

La domanda ora è: come tradurre questi risultati in politiche e pratiche per prevenire la prossima sparatoria a scuola?

Problemi dall’inizio

I dati che utilizziamo per tenere traccia delle sparatorie nelle scuole sono un database completo che include informazioni su “ogni volta in cui una pistola viene brandita, viene sparata o un proiettile colpisce la proprietà della scuola per qualsiasi motivo, indipendentemente dal numero di vittime, dall’ora del giorno, o giorno della settimana” che risale al 1970.

The Convesation con il suo co-creatore, David Riedman, ha scoperto un record di 151 minacce di sparatorie nelle scuole nel mese del “rientro a scuola” a settembre 2021, rispetto a una media di tre anni di 29. Anche le sparatorie nelle scuole effettive sono più che raddoppiate durante Settembre 2021 rispetto allo stesso mese degli anni precedenti.

Ci sono state 55 sparatorie a scuola nel settembre 2021, rispetto alle 24 di settembre 2020 e alle 14 di settembre 2019. Ma la carneficina scolastica è iniziata molto prima dell’inizio dell’anno scolastico 2021 per la maggior parte degli studenti, come evidenziato nella sparatoria fatale del 13 agosto di 13- Bennie Hargrove alla Washington Middle School di Albuquerque, New Mexico.

Queste tendenze fanno parte di un aumento complessivo di sparatorie e omicidi nel 2020 e nel 2021, legato in parte alle vendite record di armi. Più pistole in più mani aumenta la probabilità che un’arma da fuoco trovi la sua strada in una scuola.

Risposte locali

Le scuole stanno lottando per rispondere al numero schiacciante di sparatorie e minacce di sparatorie. Quest’anno ci sono state ben 30 sparatorie solo durante le partite di football delle scuole superiori. Una riunione sullo ” stato di emergenza ” si è tenuta dopo che nove adolescenti sono stati uccisi in due diverse sparatorie ad Aurora, in Colorado, nel novembre 2021. Le scuole pubbliche della zona vietano agli studenti di uscire per il pranzo nel tentativo di tenerli al sicuro.

Una scuola di Phoenix, in Arizona, ha vietato gli zaini e le consegne di cibo dopo che uno studente è stato colpito da colpi di arma da fuoco in bagno il 29 novembre. Il distretto scolastico della città allargata di Newburgh nello Stato di New York ha offerto l’apprendimento a distanza a seguito di due sparatorie separate vicino alle sue scuole il 22 novembre. Le scuole in tutto il paese stanno aumentando le misure di sicurezza, cancellando le lezioni e persino utilizzando la scorta della polizia per gli studenti che entrano nel campus.

Queste risposte localizzate sono in netto contrasto con l’ azione legislativa nazionale intrapresa in Finlandia, Germania e altri paesi quando hanno subito sparatorie mortali nelle scuole.

Risposta nel Regno Unito

Venticinque anni fa, nel marzo 1996, un uomo armato entrò nella Dunblane Primary School in Scozia e aprì il fuoco, uccidendo 16 bambini e un insegnante . Seguì una campagna di successo per la regolamentazione delle armi, le leggi furono cambiate, le pistole furono bandite e il Regno Unito non ha avuto sparatorie a scuola da allora .

Eppure in America, le esercitazioni di tiratori attivi per provare un vero incidente di tiro e le guardie armate per rispondere a loro sono il meglio che i bambini possono sperare. C’è un’industria di ” sicurezza dell’aula scolastica ” da 3 miliardi di dollari e alcuni genitori mandano i propri figli a scuola indossando zaini antiproiettile .

Alla ricerca di soluzioni

In uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association nel novembre 2021, abbiamo cercato nei registri pubblici di 170 tiratori di massa che hanno ucciso quattro o più persone dal 1966 al 2019 per qualsiasi comunicazione di intenti dolosi. Ciò include la pubblicazione di una minaccia sui social media o il telegrafo di violenza futura a una persona cara di persona. Abbiamo scoperto che 79 tiratori di massa – quasi la metà di loro – hanno fatto trapelare i loro piani in anticipo. La comunicazione era più comune tra i tiratori della scuola e tra i tiratori più giovani. Il fatto che sia stato più fortemente associato a tendenze o tentativi di suicidio, così come a precedenti consulenze sulla salute mentale, suggerisce che potrebbe essere meglio caratterizzato come un grido di aiuto.

Minacce di violenza sono circolate nel campus prima della sparatoria alla Oxford High School, con alcuni studenti che sono rimasti a casa per molta cautela. Ci saranno ora domande sul fatto che le minacce siano state divulgate alle autorità e gestite in modo appropriato, in modo coerente con le migliori pratiche sulla valutazione delle minacce o quelli che amiamo chiamare sistemi di ” risposta alle crisi “. 

La nostra ricerca è chiara sul fatto che tutte le minacce devono essere indagate e trattate seriamente come un’opportunità di intervento reale.

Ci sono ulteriori implicazioni dalla nostra ricerca. Se i tiratori della scuola sono quasi sempre studenti della scuola, gli educatori e gli altri che lavorano con loro hanno bisogno di formazione per identificare uno studente in crisi e come segnalare qualcosa che vedono o sentono indicativo di intenti violenti.

Le scuole hanno anche bisogno di consulenti, assistenti sociali e altre risorse in modo da poter rispondere in modo appropriato e olistico agli studenti in crisi. Ciò significa non punire indebitamente gli studenti con l’espulsione o con accuse penali, cose che potrebbero aggravare la crisi o qualsiasi risentimento con l’istituto.

E per i genitori di bambini in età scolare, la custodia sicura delle armi a casa è fondamentale.

Le sparatorie a scuola non sono inevitabili. Sono prevenibili. Ma i professionisti e i politici devono agire rapidamente perché ogni sparatoria a scuola alimenta il ciclo per la successiva , causando danni ben oltre quello che si misura in vite perse. Riteniamo che i passaggi sopra descritti possano aiutare ad affrontare tale danno, promuovendo la sicurezza della scuola e salvaguardando il benessere degli studenti.

 

 

 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Conversation.

Comments are closed.