Sidney Poitier – Il primo protagonista nero di Hollywood riflette il movimento per i diritti civili sullo schermo

di Aram Goudsouzian | Professore di Storia, Università di Memphis
0
284

Nell’estate del 1967, Martin Luther King Jr. presentò principale oratore del congresso del decimo anniversario della Southern Christian Leadership Conference . Il loro ospite, disse, era il suo “fratello dell’anima”.

“Si è ritagliato una nicchia di consistenza negli annali della storia della nostra nazione”, ha detto King al pubblico di 2.000 delegati. “Lo considero un amico. Lo considero un grande amico dell’umanità”.

Quell’uomo era Sidney Poitier.

Poitier, morto a 94 anni il 7 gennaio 2022 , ha infranto gli schemi di ciò che un attore nero potrebbe essere a Hollywood. Prima degli anni ’50, i personaggi dei film neri riflettevano generalmente stereotipi razzisti come servi pigri e mamme muscolose . Poi è arrivato Poitier, l’unico uomo di colore a vincere costantemente ruoli da protagonista in film importanti dalla fine degli anni ’50 fino alla fine degli anni ’60. Come King, Poitier proiettava ideali di rispettabilità e integrità. Ha attirato non solo la lealtà degli afroamericani, ma anche la buona volontà dei liberali bianchi.

L'attore Sidney Poitier marcia durante una protesta per i diritti civili nel 1968.
Sidney Poitier, al centro, marcia durante la campagna dei poveri a Washington, DC, nel maggio 1968. Foto di Chester Sheard/Keystone/Hulton Archive/Getty Images

Un’epoca di proteste

In tre colonne separate nel 1957, 1961 e 1962, un editorialista del New York Daily News di nome Dorothy Masters si meravigliò del fatto che Poitier avesse il calore e il carisma di un ministro. Poitier prestò il suo nome e le sue risorse alle cause di King e partecipò a manifestazioni come il Pellegrinaggio di preghiera del 1957 e la Marcia su Washington del 1963 . In questa era di sit-in, Freedom Rides e marce di massa, gli attivisti si sono impegnati in sacrifici non violenti non solo per evidenziare l’oppressione razzista, ma anche per conquistare una più ampia simpatia per la causa dei diritti civili.

Allo stesso modo, Poitier ha deliberatamente scelto di ritrarre personaggi che irradiavano bontà. Avevano valori decenti e aiutavano i personaggi bianchi, e spesso si sacrificavano. Ha guadagnato la sua prima stella nel 1958, in ” The Defiant Ones “, in cui interpretava un prigioniero evaso ammanettato a un razzista interpretato da Tony Curtis. Alla fine, con la catena slegata, Poitier salta da un treno per restare con il suo nuovo amico bianco. Lo scrittore James Baldwin ha riferito di aver visto il film a Broadway, dove il pubblico bianco applaudì rassicurato, il loro senso di colpa razziale alleviato. Quando lo ha visto di nuovo ad Harlem, i membri del pubblico prevalentemente nero hanno urlato “Torna sul treno, sciocco!”

King ha vinto il Premio Nobel per la Pace nel 1964 . Nello stesso anno Poitier vinse l’Oscar come miglior attore per “I gigli del campo ”, in cui interpretava Homer Smith, un tuttofare itinerante che con la bontà del suo cuore costruisce una cappella per le suore tedesche. Il film dolce e a basso budget è stato un successo a sorpresa. A modo suo, come l’orribile filmato delle manichette dell’acqua e dei cani poliziotto che attaccano gli attivisti per i diritti civili, ha favorito un crescente sostegno all’integrazione razziale.

Sidney Poitier recita nel film "Indovina chi viene a cena".
Sidney Poitier, Katherine Houghton e Spencer Tracy nel film del 1967 “Indovina chi viene a cena”. Foto di RDB/ullstein bild tramite Getty Images

Un uomo migliore

Al momento del discorso dell’attore alla Southern Christian Leadership Conference, sia King che Poitier sembravano avere una presa scivolosa sul pubblico americano. Rivolte sanguinose e distruttive hanno afflitto le città della nazione, riflettendo il persistente malcontento di molti poveri afroamericani. Le crescenti richieste di ” Black Power ” sfidavano gli ideali della nonviolenza e della fratellanza razziale, ideali associati sia a King che a Poitier.

Quando Poitier si è avvicinato al leggio quella sera, ha lamentato “l’avidità, l’egoismo, l’indifferenza per la sofferenza degli altri, la corruzione del nostro sistema di valori e un deterioramento morale che ha già segnato irrevocabilmente le nostre anime”. “Nei miei giorni brutti”, ha detto, “sono colpevole di sospettare che ci sia un desiderio di morte nazionale”.

Alla fine degli anni ’60, sia King che Poitier avevano raggiunto un bivio. La legislazione federale stava smantellando Jim Crow nel sud, ma gli afroamericani soffrivano ancora di opportunità limitate. King prescrisse una “rivoluzione dei valori”, denunciò la guerra del Vietnam e lanciò una campagna dei poveri . Poitier, nel suo discorso del 1967 per l’SCLC, disse che King, aderendo alle sue convinzioni per la giustizia sociale e la dignità umana, “ha reso me un uomo migliore”.

Personaggi eccezionali

Poitier ha cercato di aderire alle proprie convinzioni. Finché era l’unico protagonista nero, ha insistito per interpretare lo stesso tipo di eroe. Ma nell’era del Black Power, il santo eroe di Poitier era diventato un altro stereotipo? La sua rabbia fu repressa, la sua sessualità soffocata. Un critico nero, scrivendo sul New York Times, ha chiesto “Perché l’America bianca ama così tanto Sidney Poitier?”

Sidney Poitier riceve la Medaglia della Libertà nel 2009.
Il presidente Barack Obama consegna all’attore premio Oscar Sidney Poitier la Medaglia della Libertà nel 2009. Foto di Chip Somodevilla/Getty Images

Quel critico aveva ragione: come lo stesso Poitier sapeva, i suoi film creavano personaggi troppo perfetti. Sebbene i film consentissero al pubblico bianco di apprezzare un uomo di colore, implicavano anche che l’uguaglianza razziale dipende da personaggi così eccezionali, spogliati di qualsiasi bagaglio razziale. Dalla fine del 1967 all’inizio del 1968, tre dei film di Poitier possedevano il primo posto al botteghino e un sondaggio lo classificava come la star più bancabile di Hollywood.

Ogni film ha fornito un eroe che ha calmato il centro liberale. Il suo educato insegnante in ” To Sir, With Love ” doma una classe di adolescenti ruffiani nell’East End di Londra. Il suo affilato detective in ” In the Heat of the Night ” aiuta un irascibile sceriffo del sud bianco a risolvere un omicidio. Il suo dottore di fama mondiale in ” Indovina chi viene a cena ” sposa una donna bianca, ma solo dopo aver ottenuto la benedizione dei suoi genitori.

“Cerco di fare film sulla dignità, la nobiltà, la magnificenza della vita umana”, ha insistito . Il pubblico si è riversato sui suoi film, in parte, perché ha trasceso la divisione razziale e la disperazione sociale, anche se più afroamericani, baby boomer e critici cinematografici si sono stancati dello spirito benefattore vecchio stile di questi film.

Vite intrecciate

E poi, le vite di Martin Luther King Jr. e Sidney Poitier si sono incrociate un’ultima volta. Dopo l’assassinio di King il 4 aprile 1968, Poitier era un sostituto dell’ideale che King incarnava. Quando si presentò agli Academy Awards , Poitier vinse un’enorme ovazione. “Nel calore della notte” e “Indovina chi viene a cena” hanno ottenuto la maggior parte dei premi più importanti. Hollywood ha nuovamente affrontato lo sconvolgimento razziale della nazione attraverso i film di Poitier.

Ma dopo il violento omicidio di King, l’icona di Poitier non ha più catturato l’umore nazionale. Negli anni ’70, una generazione di film ” Blaxploitation ” presentava eroi violenti e sessualmente carichi. Erano una reazione contro l’immagine di un protagonista nero associato a Poitier. Sebbene la sua carriera si sia evoluta, Poitier non era più una superstar e non sopportava più l’onere di rappresentare il movimento per la libertà dei neri. Eppure per una generazione era stato l’espressione preminente della cultura popolare degli ideali di Martin Luther King.

 

Fonte: The Conversation

Comments are closed.