Silvio Berlusconi, l’ex primo ministro italiano, muore all’età di 86 anni

0
488

Silvio Berlusconi, il leader politico più longevo del dopoguerra italiano, uno dei personaggi più controversi del paese, è morto all’età di 86 anni, suscitando omaggi sia da parte dei suoi alleati che dei suoi critici. Nato a Milano nel 1936 da una famiglia di classe media, Berlusconi ha intrapreso una carriera imprenditoriale nel settore immobiliare prima di fondare Mediaset, la più grande emittente commerciale italiana.

Entrato in politica negli anni ’90, alla guida di Forza Italia, partito fondato da lui stesso, Berlusconi ha assunto il ruolo di primo ministro per tre mandati, dal 1994 al 1995, dal 2001 al 2006 e dal 2008 al 2011. Nonostante la sua carriera fosse stata macchiata da scandali sessuali, accuse di corruzione e una condanna per frode fiscale, è riuscito a mantenere una presenza significativa nella scena politica italiana.

Berlusconi ha lasciato un’impronta indelebile nella città di Milano, dove è nato e ha vissuto gran parte della sua vita. I funerali dell’ex presidente del Consiglio si terranno mercoledì nella città che ha sempre considerato casa sua. Sarà una giornata di lutto nazionale in Italia, con i tifosi che si raduneranno davanti all’ospedale San Raffaele.

Oltre alla politica, Silvio Berlusconi ha avuto una grande influenza nel mondo dello sport, in particolare nel calcio. Ha posseduto il prestigioso club calcistico del Milan per oltre 30 anni, contribuendo alla vittoria di numerose competizioni, inclusa la Champions League per anni consecutivi. Nel 2017, ha ceduto la proprietà del Milan e ha acquistato il Monza, una squadra di calcio che ha portato dalla seconda divisione italiana alla massima serie.

La sua morte ha lasciato un vuoto profondo in coloro che lo hanno conosciuto e sostenuto nel corso degli anni. I suoi alleati politici lo descrivono come un creatore di storia, mentre anche i suoi rivali hanno riconosciuto il suo impatto sulla vita politica, economica, sportiva e televisiva del paese.

Oltre alla sua carriera politica e imprenditoriale, è stato anche un uomo di famiglia. Si è sposato due volte e ha avuto cinque figli. Le sue relazioni sentimentali, compresa una lunga relazione con Francesca Pascale e un “matrimonio simbolico” con la deputata di Forza Italia Marta Fascina, hanno attirato l’attenzione dei media nel corso degli anni.

La morte di Silvio Berlusconi ha segnato la fine di un’era nella politica italiana e lascia dietro di sé un’eredità complessa e controversa. Molti lo amavano, molti lo odiavano, ma tutti devono riconoscere che la sua influenza nella vita del paese è stata senza precedenti. La sua figura rimarrà un punto di discussione nella storia italiana per molto tempo a venire.