Storia di una sopravvissuta a un campo cinese di “rieducazione” per uiguri

Gulbahar Haitiwaji racconta al Guardian la vita in un campo di “rieducazione cinese”. Una delle prime testimonianze dettagliate di quella che il governo di Pechino continua a sostenere come una guerra giusta.
0
206

“Dopo 10 anni vissuti in Francia, sono tornata in Cina per firmare alcuni documenti e sono stato rinchiusa. Per i due anni successivi sono stata sistematicamente disumanizzata, umiliata e sottoposta a lavaggio del cervello.”

Tutto inizia con una telefonata ricevuta nel novembre del 2016 . “Devi tornare a Karamay per firmare i documenti riguardanti il ​​tuo prossimo pensionamento, Madame Haitiwaji”
Karamay è la città nella provincia cinese occidentale dello Xinjiang dove Gulbahar Haitiwaji  ha lavorato per una compagnia petrolifera per più di 20 anni.
In tal caso, vorrei concedere la procura“, rispose Haitiwaji “Un mio amico a Karamay si occupa dei miei affari amministrativi. Perché dovrei tornare solo per firmare documenti? Perché andare così per una cosa del genere? Perché ora? L’uomo non aveva risposte per me. Ha detto semplicemente che mi avrebbe richiamato due giorni dopo aver esaminato la possibilità di lasciare che il mio amico agisse per mio conto“.

L’uomo ha richiamato due giorni dopo. “La concessione della procura non sarà possibile, Madame Haitiwaji. Devi venire a Karamay di persona. ” Mi sono arresa. Dopo tutto, era solo questione di pochi documenti. “Bene. Sarò lì appena posso ”, ha detto. Pochi giorni dopo essere atterrata in Cina, la mattina del 30 novembre 2016, Gulbahar Haitiwaji si reca presso l’ufficio della compagnia petrolifera a Karamay per firmare i decantati documenti relativi al suo imminente pensionamento. Nell’ufficio dalle pareti scrostate sedevano il contabile, un Han dalla voce aspra e la sua segretaria.

La tappa successiva si è svolta nella stazione di polizia di Kunlun, a 10 minuti di auto dalla sede dell’azienda.

Lungo la strada, ha preparato le sue risposte alle domande che probabilmente le sarebbero state poste. Dopo aver lasciato le sue cose alla reception, è stata condotta in una stanza stretta e senz’anima: la stanza degli interrogatori.  Hanno discusso i motivi per cui è partita per la Francia, il suo lavoro in un panificio e una caffetteria nel quartiere degli affari di Parigi, La Défense.

Poi uno degli agenti mi ha messo una foto sotto il naso. Mi ha fatto ribollire il sangue. Era un viso che conoscevo bene quanto il mio: quelle guance piene, quel naso sottile. Era mia figlia Gulhumar,  davanti a Place du Trocadéro a Parigi, avvolta nel suo cappotto nero, quello che le avevo regalato.  L’occasione è stata una delle manifestazioni organizzate dalla sezione francese del Congresso mondiale degli uiguri, che rappresenta gli uiguri in esilio e si pronuncia contro la repressione cinese nello Xinjiang. ”

Nella foto, sua figlia sorrideva con una bandiera in miniatura del Turkestan orientale in mano, una bandiera che il governo cinese aveva vietato. Per gli uiguri, quella bandiera simboleggia il movimento per l’indipendenza della regione.
All’improvviso, l’ufficiale ha sbattuto il pugno sul tavolo.
La conosci, vero?”
“Sì. È mia figlia. “
“Tua figlia è una terrorista!”
“No. Non so perché fosse a quella dimostrazione. ”

“Non lo so, non so cosa ci facesse lì, non stava facendo niente di sbagliato, lo giuro! Mia figlia non è una terrorista! Nemmeno mio marito! Non ricordo il resto dell’interrogatorio. Tutto quello che ricordo è quella foto, le loro domande aggressive e le mie futili risposte. Non so per quanto tempo sia andato avanti. Ricordo che quando finì dissi, irritato: “Posso andare adesso? Abbiamo finito qui? ” Poi uno di loro ha detto: “No, Gulbahar Haitiwaji, non abbiamo finito”.

La detenzione

Destra! Sinistra! Riposo!” Eravamo in 40 nella stanza, tutte donne, in pigiama blu. Era un’anonima aula rettangolare.
Undici ore al giorno, il mondo era ridotto a questa stanza. Due soldati Han hanno tenuto il tempo mentre marciavamo su e giù per la stanza. Questa era chiamata “educazione fisica”. In realtà, equivaleva a un addestramento militare.

I nostri corpi esausti si muovevano nello spazio all’unisono, avanti e indietro, da un lato all’altro, da un angolo all’altro. Quando il soldato urlò “Risposo!” in mandarino, il nostro reggimento di prigionieri si bloccò. Ci ha ordinato di restare fermi. Questo potrebbe durare mezz’ora, o un’intera ora, o anche di più. Le nostre gambe iniziarono a formicolare dappertutto. I nostri corpi, ancora caldi e irrequieti, lottavano per non oscillare nel caldo umido. Potevamo sentire l’odore del nostro alito cattivo. Ansimavamo come bestiame. A volte, una di noi sveniva. Se non si fosse ripresa, una guardia l’avrebbe tirata in piedi e la avrebbe svegliata con uno schiaffo. Se fosse crollata di nuovo, l’avrebbe trascinata fuori dalla stanza e non l’avremmo mai più rivista. Mai. All’inizio questo mi ha scioccato, ma poi mi sono abituata. Puoi abituarti a qualsiasi cosa, anche all’orrore.

Era giugno 2017 ed ero qui da tre giorni. Dopo quasi cinque mesi nelle celle di polizia di Karamay, tra interrogatori e atti casuali di crudeltà – a un certo punto sono stato incatenata al mio letto per 20 giorni come punizione, anche se non sapevo per cosa – mi è stato detto che sarei andata a “scuola “. Non avevo mai sentito parlare di queste scuole misteriose o dei corsi che offrivano. Il governo li ha costruiti per “correggere” gli uiguri. Le donne che hanno condiviso la mia cella hanno detto che sarebbe stata come una scuola normale, con insegnanti Han. Ha detto che una volta passati, gli studenti sarebbero stati liberi di tornare a casa.

Comments are closed.