Come Tina Turner “ha rotto il silenzio” sugli abusi domestici

0
448

Questo articolo contiene descrizioni di violenza domestica che alcuni lettori potrebbero trovare angoscianti.

| Ike e Tina Turner nel 1971, sette anni prima che lei lo lasciasse

Quando Tina Turner parlò per la prima volta delle violenze subite durante il matrimonio con Ike Turner, fu un atto di coraggio esporsi così pubblicamente.

“Avevo una paura folle di quell’uomo”, disse alla rivista People nel 1981, rivelando la dolorosa realtà che si celava dietro il duo musicale di grande successo.

La descrizione scottante di Tina del loro matrimonio comprendeva l’aver assistito a uno spettacolo sessuale dal vivo in un bordello durante la prima notte di nozze e l’essere stata picchiata con una barella da scarpe mentre era incinta.

Ha anche raccontato che Ike le ha gettato addosso del caffè bollente e che è stata brutalizzata con una gruccia. Nel 1968 tentò di togliersi la vita.

“Avevo paura di parlarne (degli abusi) per quello che avrei ricevuto da Ike”, ha detto al giornalista Carl Arrington.

Ike Turner, morto nel 2007, ha sempre negato le affermazioni dell’ex moglie secondo cui avrebbe abusato di lei e ha espresso la sua frustrazione per essere stato demonizzato dai media.

| La coppia si esibisce a Hammersmith, Londra, nel 1975

La coppia si è incontrata quando Tina aveva solo 17 anni, dopo aver visto esibirsi il gruppo di lui, i Kings of Rhythm, e gli ha chiesto di sentirla cantare.

Non sorprende che lui abbia notato le sue qualità di star, facendola diventare la sua cantante principale, scegliendo il suo nome d’arte e ricoprendola di vestiti e gioielli.

Si sposarono nel 1962 e Tina, che aveva già sperimentato il dolore di essere stata rifiutata da bambina dalla madre, promise a Ike che “non l’avrebbe lasciato”, cosa di cui poi si pentì.

“Mi sentivo obbligata a rimanere lì e avevo paura”, ha detto ad Arrington. “Non volevo fargli del male, e dopo che mi ha picchiato… Ero seduta lì tutta ammaccata e lacerata, e all’improvviso mi sono sentita dispiaciuta per lui.

“Forse mi hanno fatto il lavaggio del cervello”.

Ma nel 1978, dopo una serie di successi tra cui River Deep, Mountain High, Tina decise che si sentiva in grado di lasciare Ike. Non poteva più sopportare la “tortura” di essere sposata con lui e l’impatto che aveva sui loro quattro figli.

“Stavo vivendo una vita di morte. Non esistevo”, ha detto. “Ma sono sopravvissuta. E quando me ne sono andata, non mi sono voltata indietro”.

| Tina Turner nel 1981, l’anno in cui rivelò la verità sulla sua relazione con l’ex marito Ike

Tina si trasferì e dovette ricostruire la sua carriera, guadagnando soldi cantando a Las Vegas e apparendo in vari programmi televisivi.

Ha deciso di raccontare tutto nell’intervista del 1981, per scacciare alcuni fantasmi del suo passato.

Nel documentario Tina 2021 di Daniel Lindsay e TJ Martin, la cantante ha raccontato che era così nervosa per l’intervista che chiese alla sua sensitiva se avrebbe rovinato la sua carriera.

“Lei ha risposto: ‘No, Tina’”, ha ricordato la cantante. “Farà esattamente il contrario. Spalancherà tutto””.

| Nel 1985, anno in cui fu scattata questa foto, Tina Turner stava di nuovo riscuotendo successo nelle classifiche.

La dottoressa Lenore E. Walker, direttrice dell’Istituto per la violenza domestica con sede negli Stati Uniti, che fornisce assistenza alle vittime di abusi domestici, ritiene che la decisione di Tina di parlare sia stata estremamente importante.

“Nel 1981 stavamo appena imparando a conoscere la portata della violenza domestica nelle case”, dice alla BBC. “Spesso si pensava che fossero solo le donne povere e senza risorse a subire abusi.

“Quando Tina Turner ha parlato della sua vita, ha portato alla consapevolezza che la violenza domestica era ovunque”.

Tina ha contribuito a dare credito ad altre donne che hanno osato parlare di abusi.

“Le donne non venivano credute quando parlavano di violenza domestica, quindi quando Tina Turner, una cantante famosa e rispettata, ha parlato, ha dato il coraggio anche ad altre donne di farlo”, spiega.

“Avevamo bisogno di ‘influencer’ come Tina Turner per parlare di violenza domestica, in modo che il mio lavoro sulla sindrome della donna maltrattata fosse introdotto nei tribunali e le giurie cominciassero a credere che le donne agissero per proteggere se stesse e i propri figli”.

La dott.ssa Walker afferma che il peso delle parole di Tina è ancora presente oggi.

“È ancora importante ascoltare la sua voce per capire quanto sia difficile per una donna poter interrompere una relazione di maltrattamento senza essere ferita o uccisa”, afferma.

La vera domanda è: “Perché questi uomini non lasciano andare le donne?””.

Anche l’emittente e sopravvissuta agli abusi sessuali Oprah Winfrey parla nel documentario dell’importanza di far parlare le donne negli anni Ottanta.

“Nessuno parlava di abusi sessuali, fisici, domestici – abusi, punto. La nostra generazione è quella che ha iniziato a rompere il silenzio”.

Quello che Tina non aveva capito, però, è che le sue esplosive rivelazioni l’avrebbero seguita mentre la sua carriera decollava di nuovo, con successi come Let’s Stay Together, What’s Love Got to Do With It e Private Dancer.

Nel 1986 pubblicò un’autobiografia, I, Tina, scritta insieme a Kurt Loder, per “togliermi di dosso i giornalisti”.

Pensava che se avessero avuto tutte le risposte dal suo libro, avrebbero smesso di farle domande infinite riportandola a un periodo così infelice della sua vita.

Ma non ha funzionato.

| Tina Turner e Oprah Winfrey, alla prima del 2005 de Il colore viola a Broadway

Gli intervistatori le hanno ripetutamente chiesto di rivivere i suoi ricordi, e Buzzfeed ha notato nel 2021: “Tina Turner meritava molto di più dai media, ed ecco 14 momenti che lo dimostrano”.

L’articolo ha evidenziato alcuni momenti, tra cui un’intervista del 1993 con l’emittente australiana Nine Network, in cui le fu fatta ascoltare un’intervista preregistrata con Ike, che rispose a una domanda sulle percosse subite.

La sua risposta, dignitosa e pacata, diceva tutto: “Non voglio iniziare una discussione con Ike Turner via satellite. Non ho nulla da dire”.

La fede buddista

La carriera di Tina continuò a crescere e la sua storia continuò a essere raccontata e nel film del 1993 What’s Love Got to Do With It, tratto dal libro I, Tina, fu interpretata da Angela Bassett.

Nel 2005, la Winfrey – grande fan di Tina Turner – ha ricordato l’incontro con una donna che fu ispirata dalla cantante a lasciare una relazione violenta.

Winfrey scrisse: “Quando il tour Wildest Dreams di Tina Turner si fermò a Houston nel 1997, mi trovai (lasciatemelo dire, raramente ci si siede a uno spettacolo di Tina) accanto a una donna la cui storia non dimenticherò mai.

Sono venuta perché cercavo il coraggio di lasciare l’uomo che mi picchiava”, disse. Stasera ho trovato quel coraggio”.

La Winfrey ha reso omaggio a Tina dicendo: “La sua vita è diventata un richiamo al trionfo”.

La cantante ha spesso attribuito alla sua fede buddista, scoperta negli anni ’70, il merito di averla aiutata a trovare il coraggio di lasciare Ike Turner. Ha detto che il canto l’ha aiutata a fare chiarezza.

“Ho iniziato a vedere la mia vita – ho iniziato a vedere davvero che dovevo fare un cambiamento”, ha detto nel documentario.

Nel 2018, la cantante ha deciso di pubblicare una nuova autobiografia, My Love Story, in cui parla anche dell’amore con l’attore e produttore Erwin Bach e di come ha affrontato il suicidio del figlio Craig.

| Tina Turner e suo marito Erwin Bach hanno partecipato alla Settimana della Moda di Parigi 2018

Quell’anno è stato inaugurato a Londra anche uno spettacolo teatrale sulla sua vita, e la cantante ha dichiarato all’epoca: “Quando guardo e vedo che è stato fatto così bene, mi sento orgogliosa”.

Nel 2021, Tina è stata inserita da sola nella Rock and Roll Hall of Fame, dopo essere stata precedentemente inserita – con Ike – nel 1991.

Bassett ha pronunciato il discorso di commemorazione, dicendo: “Che vita ha avuto Tina. La sua storia è diventata un film, un documentario, uno spettacolo di Broadway di grande successo e un’autobiografia best-seller.

“Quello che ci porta qui stasera è il viaggio di Tina verso l’indipendenza. Per Tina, la speranza ha trionfato sull’odio. La fede ha vinto sulla paura. E l’ambizione ha eclissato le avversità”.

| Angela Bassett ha inserito Tina Turner nella Rock and Roll Hall Of Fame nel 2021

In aprile, la storia della cantante ha chiuso il cerchio, quando Tina – The Tina Turner Musical ha collaborato con Women’s Aid per il suo quinto anniversario, in vista del 50° anniversario di Women’s Aid.

Farah Nazeer, direttore generale di Women’s Aid, ha dichiarato: “È meraviglioso che la storia di una donna così potente e influente sostenga la nostra missione.

“Tina è una fonte di ispirazione, la sua storia dimostra la forza delle sopravvissute e che c’è speranza per le donne che subiscono abusi: dopo l’abuso c’è libertà e felicità”.

 

 

Questo articolo è stato pubblicato su BBC
Traduzione per Livepress.it – Beatrice Privitera