Una delle maggiori catastrofi umanitarie a livello planetario: l’invasione di locuste in Africa

0
112

Le locuste possono deporre fino a 80 uova per femmina e depositarle a una profondità di 10-15 centimetri,  possono viaggiare oltre 80 miglia al giorno e consumare ogni giorno la stessa quantità di cibo di circa 35.000 persone .  I loro sciami, possono contenere fino a 80 milioni di adulti di locusta in ogni chilometro quadrato e in Kenia , la nazione più colpita, lo sciame di locuste ha raggiunto l’estensione di 2.400 chilometri quadrati.

La locusta del deserto è considerata il parassita migratorio più distruttivo del mondo. Gli animali si riproducono rapidamente, ogni tre mesi, e si riproducono in modo esponenziale, moltiplicandosi per 400 volte ogni sei mesi.

Pascoli e terreni coltivati ​​hanno già subito danni in Etiopia, Kenya e Somalia e ci sono conseguenze potenzialmente gravi per la regione in cui quasi 12 milioni di persone stanno affrontando una grave insicurezza alimentare acuta e molti fanno affidamento sull’agricoltura per sopravvivere.

“Abbiamo la possibilità di risolvere questo problema sul nascere, ma non è quello che stiamo facendo al momento”, ha dichiarato Mark Lowcock, il principale funzionario umanitario delle Nazioni Unite, all’inizio di febbraio. “Siamo a corto di tempo.”

Inizialmente, gli abitanti del villaggio pensavano che la macchia scura e densa nel cielo fosse una nuvola innocua. Poi  la terrificante consapevolezza: le locuste sono arrivate. Gli esperti sanno come fermare la diffusione delle locuste, ma affermano che gli sforzi sono stati ostacolati dalla mancanza di risorse e dal fatto che è difficile spruzzare in luoghi in conflitto come la Somalia e lo Yemen.

Cosa si sta facendo per fermare le infestazioni

L’unica “risposta efficace” spruzzare aerosol di pesticidi direttamente sulle locuste per ucciderle, la  strategia è solo quella di ridurre questi enormi numeri e cercare di interrompere questa continuazione dell’allevamento.  La situazione rimane estremamente allarmante nel Corno d’Africa, in particolare in Kenya, Etiopia e Somalia, dove è in corso un allevamento diffuso e stanno iniziando a formarsi nuovi sciami, che rappresentano una minaccia senza precedenti per la sicurezza alimentare e i mezzi di sussistenza all’inizio della prossima stagione del raccolto.

 

Comments are closed.